regione Puglia
regione Puglia
Politica

Mennea, Amati e Clemente fuori dalla maggioranza regionale dopo il passaggio con "Azione"

Emiliano: "L'uscita, più che provocatoria e incoerente, dimostra un disprezzo per la politica come corretta e seria relazione tra i soggetti politici"

Con la formalizzazione avvenuta ieri, 7 dicembre a Bari, alla presenza del leader di "Azione" Carlo Calenda, del passaggio dei consiglieri regionali del Partito Democratico Ruggiero Mennea e Fabiano Amati e del Civico Sergio Clemente nel c.d. "terzo polo", è arrivata la loro uscita dalla maggioranza di centrosinistra dalla Regione Puglia. A decretarla ufficialmente è stato lo stesso Michele Emiliano, dopo una riunione con le forze politiche che sostengono l'esecutivo regionale.

La decisione di aderire al nuovo soggetto politico facente capo a Calenda, era nell'aria già da qualche giorno e numerosi erano le voci che davano come imminente questo passaggio dei due consiglieri "dissidenti" della maggioranza di centrosinistra, da tempo critici con i vertici regionali del Partito Democratico.

"La nostra è una coalizione che si basa su un programma condiviso e su intese politiche che sono il risultato di percorsi pubblici e trasparenti. La nostra maggioranza di Governo è composta da Pd, Liste civiche e Movimento 5 Stelle. Nessun dialogo politico è mai stato intrapreso con Azione e Italia Viva, che hanno fatto sempre una ferma opposizione alla nostra amministrazione sia prima che dopo le elezioni regionali", ha tenuto a sottolineare il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

"La scelta di due consiglieri regionali eletti col PD di aderire ad altra formazione politica in aperta contrapposizione al gruppo e alla segreteria del PD, fa ben comprendere non solo che non vi sia spirito di leale collaborazione, ma tale scelta dei due consiglieri e del partito che li ha accolti appare come un atto ostile e scorretto nei confronti di uno dei partiti di maggioranza della Regione Puglia.

Si aggiunga che il partito che ha accolto i due consiglieri è da sempre dichiaratamente ostile ovunque in Italia al Movimento 5 Stelle che pure costituisce forza politica di riferimento della giunta regionale da me presieduta. L'uscita odierna, quindi, più che provocatoria e incoerente, dimostra un disprezzo per la politica come corretta e seria relazione tra i soggetti politici.
Giudico pertanto la dichiarazione del leader politico nazionale e dei suoi neoadepti locali di voler rimanere in maggioranza niente di più che una dimostrazione di mancanza di rispetto e di senso delle istituzioni politiche della Regione Puglia.
Dopo avere acquisito parere conforme da tutte le forze di maggioranza, non posso che estromettere formalmente dalla maggioranza tutti i consiglieri che oggi hanno aderito alla nuova formazione politica. In questo modo intendo confermare i rapporti di leale collaborazione e di rispetto istituzionale nei confronti del Partito Democratico, del Movimento 5 Stelle, di Con, di Per la Puglia e dei Popolari, di Sinistra Italiana che con efficacia e dedizione onorano con la loro azione il governo della Regione Puglia.
Una posizione che peraltro rispetta prima di ogni cosa gli indirizzi dei cittadini e cittadine che ci hanno votato, senza consentire l'elezione di nessun componente dell'aggregazione politica che invece oggi si è costituita utilizzando voti mai conquistati".
  • fabiano amati
  • regione puglia
  • michele emiliano
  • Pd
  • Ruggiero Mennea
Altri contenuti a tema
Per la Puglia è allerta meteo arancione per rischio idrogeologico Per la Puglia è allerta meteo arancione per rischio idrogeologico Previste ancora piogge per la giornata di venerdì: si consiglia prudenza sulle strade
La ASL di Bari cerca il nuovo direttore sanitario La ASL di Bari cerca il nuovo direttore sanitario Pubblicata una manifestazione di interesse aperta ai medici idonei di tutte le regioni italiane
Influenza stagionale: superato picco in Puglia bambini i più colpiti Influenza stagionale: superato picco in Puglia bambini i più colpiti Coldiretti Puglia, la salute a tavola contro malanni invernali
Finanziati dalla Regione 30 Distretti Urbani del Commercio, tra cui Andria Finanziati dalla Regione 30 Distretti Urbani del Commercio, tra cui Andria Cittadini, imprese ed amministrazioni pubbliche insieme per fare del commercio il fattore di integrazione e valorizzazione
Si allunga l'elenco degli ulivi monumentali censiti in Puglia   Si allunga l'elenco degli ulivi monumentali censiti in Puglia   Già 347.578 hanno ricevuto la loro "carta d’identità"
Fine vita: nuova tappa della Puglia per l'accesso alle procedure per il suicidio medicalmente assistito Fine vita: nuova tappa della Puglia per l'accesso alle procedure per il suicidio medicalmente assistito Dovranno essere assicurate le condizioni corrispondenti a quelle enucleate dalla Corte costituzionale
Regione Puglia: "il gruppo di Azione non è e non sarà mai più maggioranza" Regione Puglia: "il gruppo di Azione non è e non sarà mai più maggioranza" Lo sottolineano in una nota i capigruppo delle forze di maggioranza alla Regione
Fino al 31 dicembre 2023 i vaccini anti-covid saranno somministrati dai farmacisti in Puglia Fino al 31 dicembre 2023 i vaccini anti-covid saranno somministrati dai farmacisti in Puglia La Giunta regionale ha prorogato l’accordo in vigore tra Regione Puglia, Federfarma e Assofarm
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.