Corona di Avvento
Corona di Avvento
Religioni

Le parole di Maria

Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria

Pur tra le sofferenze della pandemia, gli estremismi dietro l'angolo, proteste e manifestazioni violente, grida di popoli, delusioni e rovine varie, questa prima Domenica di Avvento comincia a far intravvedere la luce dell'imminente Natale; luce che – sola, dilatandosi – può rendere la terra una stanza degna di accogliere un Dio che vuole convivere con gli uomini, di un Padre coi figli, sotto lo sguardo e il sorriso d'una Madre tutta amore e bellezza: Maria!

Appena sedicenne, per amore, si lascia strappare dall'Angelo dall'estasi nel dramma umano, tolta dalla pace e messa nella guerra, dal silenzio e la quiete al servizio del popolo, che comporta urti e sacrifici. Poche sono le parole che dice Maria: ma quanto sono grandi perché – pur se parole umane, dicono gli studiosi – "si divinizzano, perché Ella parla ed esprime se stessa con le parole prese tutte dalla Sacra Scrittura". «Madre di un uomo-Dio nato povero, nella forma più umile, che lavorò nella bottega d'un falegname, povero fin a non avere dove posare il capo, deve ricordare a noi non solo la Bellezza di Maria ma anche il suo aspetto fisico di donna proletaria dalle mani callose, stanca per la fatica e le ambasce della vita» (così Igino Giordani).

Bello pensare Maria laica come noi laici, modello di quel laicato che – uomo accanto a uomo, donna accanto a donna – deve "segnare ricami di luce, donare giorni di pace, di giustizia a innumerevoli folle di creature di ogni razza, religione e cultura". Poche le parole di Maria, parole che possiamo far nostre, meditare e rimeditare soprattutto con un compromettente profilo: quello di provare a metterle in pratica così come sono per annunziare e testimoniare la rivoluzione cristiana iniziata dal Natale di Gesù.
  • centro igino giordani
Altri contenuti a tema
La storia dell’Orchidea per un nuovo Patto sociale La storia dell’Orchidea per un nuovo Patto sociale Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Noi, la Chiesa Noi, la Chiesa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
1 Mons. Luigi Renna, Vescovo secondo il cuore di Dio Mons. Luigi Renna, Vescovo secondo il cuore di Dio Una riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Guardare in alto, guardare in avanti come mons. Di Donna Guardare in alto, guardare in avanti come mons. Di Donna Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
La Pace comincia da noi, dal lavoro, dal dialogo La Pace comincia da noi, dal lavoro, dal dialogo Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Natale, festa della famiglia Natale, festa della famiglia Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, condivide uno scritto di Chiara Lubich
“Una promessa” di Chiara Lubich “Una promessa” di Chiara Lubich Gennaro Gino Piccolo, del centro Igino Giordani di Andria ci affida questa riflessione della fondatrice del Movimento dei focolari
E’ l’ora di Maria...anche in politica E’ l’ora di Maria...anche in politica Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, per la terza Domenica di Avvento
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.