caporalato
caporalato
Territorio

Lavoro agricolo, Gagliardi: «Caporali e sfruttatori non li ferma il coronavirus»

La Flai Cgil Puglia: sì ma nella Rete del lavoro di qualità

«Caporali e sfruttatori di manodopera agricola, ai tempi del Coronavirus, hanno preso alla lettera le "comprovate esigenze lavorative". Ovviamente le loro esigenze. Infatti se qualcuno ha pensato che la terribile pandemia avrebbe ridimensionato il mercato irregolare delle braccia, deve ricredersi leggendo le cronache di questi giorni: da Saluzzo, nella provincia di Cuneo, fino a Ragusa in Sicilia, passando per le campagne del salernitano e, non da ultimo, per quelle della Capitana, le dinamiche di sfruttamento sono le stesse di sempre. Per lo sforzo di magistrati particolarmente sensibili al tema del caporalato e l'azione delle forze dell'ordine, sempre più specializzate nel contrastare lo sfruttamento lavorativo in agricoltura, tutti impegnati quotidianamente per squarciare il velo cupo che nasconde vicende prossime alla soglia della riduzione in schiavitù, esprimiamo l'apprezzamento e la gratitudine della Flai Cgil Puglia, che da sempre denuncia pubblicamente ma non solo questi fenomeni, anche grazie ai lavoratori iscritti al nostro sindacato che, con dovizia di particolari, finalmente si ribellano, si affidano alla nostra tutela, portano concrete prove dello sfruttamento agli organismi inquirenti da parte di questi aguzzini». Lo dicono dalla Flai Cgil Puglia in una riflessione del segretario generale, Antonio Gagliardi, all'indomani dell'ennesima inchiesta della magistratura su caporali e sfruttamento del lavoro agricolo nella nostra regione.

«È quanto accaduto con l'operazione denominata "White Labour" condotta dalla magistratura foggiana con un blitz delle forze dell'ordine in due grandi aziende nell'agro di San Giovanni Rotondo. Ciò permette di sostenere azioni mirate nel contrasto al caporalato. Ma non basta. L'intera filiera agricola deve interrogarsi e mettere in campo efficaci azioni in grado di viaggiare parallelamente a quelle repressive. Lo richiede con urgenza l'approssimarsi dell'imminente stagione della grandi raccolte stagionali. La manodopera, che fino ad oggi, evidentemente non è mancata, nella così detta fase 2 avrà la necessità di rendersi maggiormente disponibile, non fosse altro per riequilibrare le economie domestiche gravate dalle difficoltà del momento storico. Si dimentica colpevolmente che Legge 199 del 2016, di contrasto al lavoro nero e al caporalato, diviene strategica per svolgere in pieno un ruolo istituzionale: quello previsto dall'articolo 8 della legge che ha istituito le sezioni territoriali della Rete del lavoro agricolo di qualità (ReLAQ) con il compito di individuare procedure e strumenti per favorire il trasporto, l'accoglienza e, prima di tutto, l'incontro tra domanda e offerta di lavoro. Sebbene istituite in tutte le province della Puglia, non hanno mai potuto lavorare in questa direzione. Anche su questa mancanza di responsabilità è bene interrogarsi. A chi pensa che gli Enti Bilaterali Agricoli Territoriali, costituiti dalle Organizzazioni datoriali e sindacali firmatarie del contratto collettivo di settore, possano essere la panacea di tutti i mali va ricordato che sono soggetti giuridici autonomi con competenza provinciale, nati per promuovere azioni di integrazione delle prestazioni sanitarie, previdenziali e di welfare contrattuale. Tuttavia, possono certamente contribuire, al pari di altri soggetti, come l'INPS a cui è demandato dalla norma ruolo fondamentale il compito di presiedere le apposite commissioni, come la Regione, l'Inail, i Centri per l'Impiego, gli Uffici immigrazione, gli enti ispettivi, le Agenzie per il Lavoro, le aziende pubbliche e società di trasporto private in grado di garantire un trasporto dedicato fino in azienda, ecc., in un rapporto di complementarietà, ma sempre all'interno delle sezioni della ReLAQ per facilitare in trasparenza l'incrocio tra lavoratori e aziende del settore agricolo».

«Le sezioni territoriali ReLAQ sono strutturate in ogni provincia della Puglia, unico esempio nel panorama nazionale, in grado di realizzare un sistema virtuoso nel mercato del lavoro. I soggetti pubblici, a cominciare dalla Regione, devono pretendere la piena applicazione della legge199 proprio perché prevede la realizzazione di impegni che contrastano lo sfruttamento lavorativo, promuovere le assunzioni in trasparenza, il trasporto dei lavoratori e la necessaria accoglienza. In piena emergenza da Coronavirus il trasporto della manodopera risulta fondamentale soprattutto sotto il profilo sanitario, prima ancora che contrattuale. Lasciare alla mercé di personaggi senza scrupoli che non guardano al valore della vita umana, prima ancora che lavorativa, la dice lunga su quale attenzione potranno prestare null'applicare le norme di sicurezza che prevedono DPI e distanziamento individuale. Basti pensare a come ammassano nei catorci cadenti e arrugginiti che hanno la forma di un furgone lavoratori stranieri bisognosi di guadagnare pochi spiccioli per sopravvivere. Non possiamo accettare che il rischio possa riflettersi sull'intera popolazione dimostratasi attenta all'osservanza delle misure sanitarie e comportamentali. A chi conviene lasciare in piedi questo sistema disumano e contro legge? Soprattutto: può l'inerzia di una delle parti in causa determinare la non applicazione di una legge? Dov'è lo Stato? Sono le domande che rivolgiamo alle istituzioni, e che vorremmo portare all'attenzione dell'opinione pubblica. Non è più tempo per la melina: o si sta dalla parte della legalità, o si sta con i caporali», conclude Gagliardi.
  • flai cgil
Altri contenuti a tema
Danni a vigneto ad Andria, Flai e Cgil Bat: “Solidarietà ad azienda e lavoratori” Danni a vigneto ad Andria, Flai e Cgil Bat: “Solidarietà ad azienda e lavoratori” Intervento dei due segretari generali Gaetano Riglietti e Biagio D’Alberto all’indomani del grave episodio
Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat solo 8 aziende iscritte Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat solo 8 aziende iscritte Riglietti (Flai Cgil Bat): “Numero troppo basso, molte di più le aziende che invece ne hanno i requisiti”
Cinque anni fa moriva Paola Clemente Cinque anni fa moriva Paola Clemente Il ricordo di Flai e Cgil: "Simbolo di lotta contro i caporali"
Rete lavoro agricolo di qualità, i sindacati chiedono all'Inps di riprendere le attività Rete lavoro agricolo di qualità, i sindacati chiedono all'Inps di riprendere le attività Cgil, Cisl e Uil: "Strumento necessario per trovare soluzioni contro il lavoro nero e lo sfruttamento dei braccianti nelle campagne"
Agricoltura, nella fase 3 la Flai Cgil Bat torna in strada anche ad Andria Agricoltura, nella fase 3 la Flai Cgil Bat torna in strada anche ad Andria Assemblee in sicurezza nei posti di lavoro e regolarizzazione dei migranti. Riglietti: “Al via monitoraggio cassa integrazione”
Lavoro agricolo nella Bat, Flai Cgil: "Un terzo degli addetti senza tutele"   Lavoro agricolo nella Bat, Flai Cgil: "Un terzo degli addetti senza tutele"   Il sindacato analizza i dati degli elenchi anagrafici dell’Inps del 2019
Agricoltura ai tempi del covid, Flai: “Nessuna mancanza di manodopera” Agricoltura ai tempi del covid, Flai: “Nessuna mancanza di manodopera” Il segretario generale della categoria Gaetano Riglietti focalizza invece l’attenzione su trasporto e DPI
Coronavirus, l'agroalimentare non si ferma ma garantire sicurezza ai lavoratori Coronavirus, l'agroalimentare non si ferma ma garantire sicurezza ai lavoratori L'appello è della Flai Cgil Bat che chiede il rispetto delle misure
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.