Marcia per la legalità
Marcia per la legalità
Attualità

La marcia di Andria per la Legalità: 5 mila persone in cammino per le strade della città

Successo straordinario per l'iniziativa organizzata dal Forum di Formazione all'Impegno Sociale e Politico della Diocesi di Andria

"Non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti". Una celebre frase di Martin Luther King che si sposa perfettamente con un momento di grande riflessione e partecipazione vissuto ieri sera, 1° luglio dalla città di Andria: una Marcia per la Legalità, una risposta decisa e coraggiosa agli episodi criminosi che hanno sconvolto la città il 24 giugno scorso, quando diversi colpi di pistola sono stati esplosi all'indirizzo di due uomini davanti a bambini e genitori nei pressi della Villa Comunale.

La violenza spaventa, ma non prende il sopravvento: per questo gli andriesi hanno reagito partecipando in massa al lungo corteo sulla legalità organizzato dal Forum di Formazione all'Impegno Sociale e Politico della Diocesi di Andria, fortemente sostenuta dal Vescovo di Andria mons. Luigi Mansi, e promossa in collaborazione con l'Azione Cattolica diocesana, la Biblioteca San Tommaso d'Aquino, il Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale e l'Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro. Un appuntamento che ha riscosso un successo straordinario con la partecipazione di circa 5 mila persone (dati confermati dal locale Commissariato di P.S.), tra associazioni ecclesiali, realtà extra-ecclesiali, movimenti e associazioni cittadine e provinciali, liberi cittadini e cittadine, politici di tutti gli schieramenti; in prima fila il vescovo Luigi Mansi e il Commissario prefettizio Gaetano Tufariello; per concomitanza con impegni istituzionali, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, non ha potuto garantire la sua presenza alla manifestazione, pur avendo aderito all'iniziativa.

Un cammino silenzioso avviatosi da Piazza Umberto I° fino all'ingresso principale dello stadio comunale, nei pressi dello scenario dove è avvenuta la sparatoria, dove i presenti hanno condiviso un breve momento di riflessione accompagnati dalla lettura di un testo sull'impegno civico e sulla legalità. Il lungo applauso della città al termine della riflessione è il segno di un popolo che non ha paura delle armi, della violenza, della criminalità: la giustizia e la legalità rappresentano valori imprescindibili per costruire una società sana, quella legalità che ieri sera Andria ha portato per le strade senza paura, reagendo in maniera pacifica ma con sicura decisione alla logica della criminalità che semina panico per difendere i propri interessi.

Di seguito, riportiamo il testo letto a conclusione della marcia per la legalità, frutto delle riflessioni di questi giorni del Coordinamento del Forum e delle centinaia di associazioni Andriesi e provinciali che hanno aderito all'iniziativa.

"Andria maltrattata, con queste parole ci rivolgiamo a te perché i tuoi cittadini, figli di questa terra, nei giorni inquieti che vivono, possano gridare ad alta voce e a testa alta da che parte stare.
Abbiamo calpestato in silenzio le tue strade per giungere in questo luogo dove, pochi giorni fa, la dignità dell'uomo è stata calpestata, la legalità sbeffeggiata.
Andria dimenticata, quando la criminalità spara innanzi a bambini e genitori, in luoghi abitati dall'ordinaria quotidianità, mostra alla società che è più forte delle istituzioni. Lancia un segnale chiaro e forte: qui comandiamo noi. Una sorta di braccio di ferro tra bene e male. Con sincerità ti confessiamo che abbiamo avuto paura. Ma oggi vogliamo tornare a riappropriarci di te, dei luoghi che desideriamo abitare in sicurezza.
Andria addormentata, il pianto innocente dei bambini che hanno assistito inconsapevolmente ad un omicidio ti tolga il sonno e ti faccia sentire il guanciale dei tuoi letti duro come un macigno. Finché ciascuno dei cittadini non avrà preso coscienza che è necessario vivere secondo legalità e giustizia, nessuno di noi potrà dormire notti tranquille.
Andria abbandonata, in questi giorni ci siamo sentiti orfani, spaesati. Ma oggi, uno a fianco all'altro, non siamo più soli. Il nostro "rumoroso silenzio" prevalga sull'indifferenza, sull'omertà, sull'illegalità, sull'abbandono. Il nostro "assordante silenzio" scuota le coscienze di ogni cittadino, sia esortazione a cercare il bene comune, a dire il nostro sì fattivo e concreto alla pratica della giustizia, ad educare alla legalità, ogni giorno, con gesti e parole.
Andria amata, in questa sera d'estate ti promettiamo soprattutto di impegnarci per trasformarti in una città migliore. Te lo diciamo con le parole di un grande uomo e testimone del secolo scorso: «Ci impegniamo noi e non gli altri. […] Il mondo si muove se noi ci muoviamo, si muta se noi ci mutiamo. […] La primavera incomincia con il primo fiore, il giorno con il primo barlume, la notte con la prima stella, il torrente con la prima goccia, il fuoco con la prima scintilla, l'amore con il primo sogno. Ci impegniamo perché non potremmo non impegnarci. […] Si vive una volta sola e non vogliamo essere "giocati" in nome di nessun piccolo interesse» (don Primo Mazzolari).
Andria adorata, ci impegniamo a riscoprire il senso della Legalità che non è semplicemente rispetto formale delle norme. Ma è anche partecipazione attiva e critica di noi cittadini alla vita politica e sociale; è rispetto reciproco e collaborazione tra istituzioni e società civile; è trasparenza di rapporti, è distribuzione equa e solidale delle risorse; è tutela dell'ambiente; è condivisione della vita; è attenzione solidale ai più deboli.
Andria fedele, vogliamo anche noi essere più fedeli a te, volerti bene, guardare oltre per leggere in profondità ciò che accade intorno a noi e vincere la tentazione del disimpegno. Perché ciascuno possa dire con tutto sé stesso: "Mi interessa!"
Andria amorevole, il silenzio che ha avvolto la nostra marcia è l'urlo eloquente che chiama tutti ad un impegno rinnovato, perché le parole e i gesti che d'ora in poi pronunceremo e compiremo possano edificare e non distruggere, come semi che generano vita e lasciano intravvedere una nuova primavera.
Andria che spera, ci impegniamo ad occuparci dei tuoi piccoli, delle tue future generazioni. Ci impegniamo a sperare e a non di-sperare. A rialzarci dopo essere caduti, ad assumerci le responsabilità, dopo averle schivate; ad agire coraggiosamente e senza indugio, dopo essere rimasti spettatori. La tua speranza smuova l'immobilismo e stimoli noi cittadini ad essere costruttori di un futuro migliore. E se è vero che dal letame può nascere un fiore, noi ci impegniamo affinché, di fronte a tanta barbarie, in questa città, nasca più Amore.


La marcia della legalità si conclude. Grazie a tutti e a ciascuno. Ora rompiamo il silenzio! Ad alta voce e a testa alta!".
33 fotoMarcia per la legalità
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
Social Video56 secondiMarcia per la Legalità ad Andria
  • marcia legalità
Altri contenuti a tema
Marcia per la Legalità: «E adesso?» Marcia per la Legalità: «E adesso?» Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Il ringraziamento del Forum Socio Politico a tutti i partecipanti alla Marcia per la Legalità Il ringraziamento del Forum Socio Politico a tutti i partecipanti alla Marcia per la Legalità Oltre 5 mila presenze, più di 100 associazioni, parrocchie della Diocesi e oratori estivi
Anche Forza Andria sarà presente alla Marcia per la Legalità Anche Forza Andria sarà presente alla Marcia per la Legalità "Per noi l’impegno civico, la legalità ed il rispetto delle regole sono valori imprenscindibili!"
Michele Emiliano aderisce alla Marcia della Legalità Michele Emiliano aderisce alla Marcia della Legalità Il Presidente della Regione potrebbe giungere stasera alla manifestazione indetta dal Forum di formazione all'Impegno Sociale e Politico
Marcia per la Legalità, c'è anche il "Il Cantiere del Buongoverno - Andria 2020" Marcia per la Legalità, c'è anche il "Il Cantiere del Buongoverno - Andria 2020" Questa sera a partire dalle 20.30 in piazza Municipio
Il Cantiere del Buongoverno-Andria 2020 aderisce alla Marcia per la Legalità Il Cantiere del Buongoverno-Andria 2020 aderisce alla Marcia per la Legalità "Marceremo in silenzio, con il garbo istituzionale che ci contraddistingue da sempre, senza vessilli e simboli di partito"
Marcia per la legalità: “Resurrezione di Andria” Marcia per la legalità: “Resurrezione di Andria” Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Anche l'on. D'Ambrosio (M5S) parteciperà alla Marcia per la Legalità e, a proposito della Villa comunale ricorda...! Anche l'on. D'Ambrosio (M5S) parteciperà alla Marcia per la Legalità e, a proposito della Villa comunale ricorda...! "Secondo il vecchio progetto, la Villa Comunale avrebbe avuto una recinzione, che avrebbe consentito di controllare più agevolmente tale enorme spazio"
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.