Pasqua img
Pasqua img
Religioni

Il profumo di Pasqua è la Pace

Riflessione di don Ettore Lestingi, presidente della Commissione Liturgica diocesana

Gli avvenimenti della Pasqua di passione, morte e risurrezione di Cristo, sono accomunati da un segno che ha un grande valore evocativo: il profumo, essenza di Dio e fragranza della sua presenza nel mondo. Sei giorni prima della Pasqua, a Betania, nella casa dell'amicizia, Maria cosparse di nardo i piedi di Gesù, segno di un amore traboccante, capace di frantumare il vasetto di alabastro e di riempire della sua fragranza tutta la casa. Oggi, all'alba del giorno della risurrezione, Domenica che anticipa nell'oggi la Domenica senza tramonto, Maria Maddalena và al sepolcro con aromi per ungere il corpo del Maestro, quasi a voler coprire con profumi di vita l'odore di morte.

Pasqua è ungere con aromi di speranza l'umanità odorante di disperazione. La terra esala fumi maleodoranti di morte: pandemia, fame e guerra, sono la triade di morte che di tanto in tanto si sussegue nel corso dell'umanità e la Chiesa da sempre invoca: a nobis averte pestem, famem et bellum (allontana da noi la pandemia, la fame e la guerra). Ma c'è una profumo che oggi riempie tutta la terra: Cristo risorto, "Profumo diffuso", che raggiunge gli angoli più reconditi dell'esistenza umana. Non c'è limite spazio temporale che possa fermare la corsa della fragranza del Risorto. Tutto profuma di Vita, perché la vita, in duello con la morte, innalza il suo vessillo di vittoria.

Il profumo di Pasqua è la Pace.
Gesù manifestandosi ai suoi la sera di quello stesso giorno, disse: "Pace a voi". Dove c'è la Pace lì vi è la Pasqua, e dove c'è la Pasqua lì vi è Pace. Ma perché ci sia Pace vi è un aroma che dobbiamo mescolare con il profumo contenuto nelle ampolle della nostra vita: il perdono. Gesù risorto alitò su di loro e disse: "Ricevete lo Spirito Santo e perdonate".
San Paolo nella Lettera ai Corinti afferma che i cristiani "sono il profumo di Cristo nel mondo".

Impegniamoci, allora, a profumare di vita il mondo, a cominciare dalle nostre relazioni famigliari, sociali ed ecclesiali, percorrendo sentieri tortuosi di perdono, ribaltando macigni che soffocano il nostro e il cuore degli altri, provocando la rovina dei sepolcri con il terremoto dell'amore. E sarà Pasqua.
  • pasqua
  • don Ettore Lestingi
Altri contenuti a tema
Fare strada ai poveri senza farsi strada Fare strada ai poveri senza farsi strada Riflessione di don Ettore Lestingi in occasione della Giornata Mondiale dei Poveri
La Diocesi di Andria organizza una "Marcia della Pace a favore della persona" La Diocesi di Andria organizza una "Marcia della Pace a favore della persona" Si svolgerà il 5 novembre. La nota di don Ettore Lestingi, presidente della Commissione Liturgica diocesana
Novembre: tra il cielo in una stanza e una stanza in cielo Novembre: tra il cielo in una stanza e una stanza in cielo Riflessione di don Ettore Lestingi in vista della Solennità di tutti i Santi e della Commemorazione dei fedeli defunti
19 Chiesa, cosa dici di te stessa? Chiesa, cosa dici di te stessa? Riflessione di don Ettore Lestingi, presidente della Commissione Liturgica diocesana
Passeggiata nella notte per risorgere Passeggiata nella notte per risorgere Una riflessione di don Ettore Lestingi sulla passeggiata notturna verso Castel del Monte organizzata dalla Pastorale Giovanile
Ave Maria...ave alle donne come Te! Ave Maria...ave alle donne come Te! Riflessione di don Ettore Lestingi, presidente della Commissione Liturgica diocesana
“Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia” “Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia” Preghiera-riflessione condivisa da don Ettore Lestingi per i nonni e gli anziani
Il 24 luglio la seconda Giornata Mondiale dei nonni: "Caro, caro Vecchio mio dall’efficienza all’efficacia" Il 24 luglio la seconda Giornata Mondiale dei nonni: "Caro, caro Vecchio mio dall’efficienza all’efficacia" Riflessione di don Ettore Lestingi, presidente della Commissione Liturgica diocesana
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.