Banca Popolare di Bari
Banca Popolare di Bari
Attualità

Il Comitato azionisti della Banca Popolare di Bari si rivolge alla Banca, al governo Conte ed alle Autorità di vigilanza

La decisione assunta dopo che la BPB ha deciso di procedere unilateralmente alla definizione di un piano industriale

Il Comitato degli azionisti della Banca Popolare di Bari, di cui fanno parte l' ADICONSUM, l'ADUSBEF, l'ASSOCONSUM, il CODACONS, i CODICI, la ConfConsumatori e l'Unione Nazionale Consumatori, rivolge una serie di richieste alla Banca, al Governo ed alle Autorità di Vigilanza, nel giorno in cui è convocato il Consiglio di amministrazione della Banca.

"Da notizie di stampa di testate nazionali abbiamo appreso che la banca ha deciso di procedere unilateralmente alla definizione di un piano industriale (di cui ancora oggi non sono chiari i contenuti), senza coinvolgere minimamente i suoi azionisti.
Nella prospettiva della prossima assemblea dei soci, intendiamo ribadire con forza i punti essenziali che riteniamo essere il minimo necessario, per ridare fiducia ai soci, aumentare la redditività della Banca e quindi la liquidabilità delle sue azioni a prezzi più elevati e crescenti.
L'esito delle ispezioni Consob, culminate nelle tre recenti Delibere che hanno sanzionato la banca per varie violazioni delle regole in materia di collocamento e negoziazione delle azioni, ed anche le Decisioni favorevoli dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie, ottenute dai legali dal Comitato, che hanno condannato la banca a risarcire 15 azionisti per vari inadempimenti riscontrati nella vendita delle azioni, fanno capire che la stragrande maggioranza degli azionisti della BPB non sono avidi speculatori, ma semplici risparmiatori che confidavano in un investimento sicuro ed invece sono stati vittime, proprio come accaduto in altre banche.

Per tali ragioni chiediamo al Governo di trattare in modo identico situazioni uguali:
1) gli azionisti della BPB devono poter accedere anche loro al Fondo Indennizzi Risparmiatori che è stato apprezzabilmente creato con l'ultima Finanziaria.
2) Come in Carige e MPS chiediamo che sia lo Stato a garantire l'emissione di obbligazioni subordinate, che servano eventualmente a ricostituire il capitale sociale necessario. La ricapitalizzazione precauzionale è già coperta dal Fondo da 20 miliardi creato nel 2016, usato solo in parte fino ad oggi per MPS e già messo a disposizione per Carige, laddove non ci siano investitori privati.
3) Cambiare il DL n.3/2015 e prevedere che in caso di trasformazione in S.p.A. e di recesso del socio, quest'ultimo deve avere diritto a ottenere dalla banca il rimborso del valore della quota, almeno nominale secondo ultimo bilancio noto (e quindi nel caso di BPB cinque euro).
4) Introdurre per legge (basterebbe un piccolo emendamento) la possibilità di usare la class action anche nei casi di risparmio tradito.

Alla banca chiediamo:
1) I proprietari delle azioni oggi in circolazione devono poter scegliere di convertire le loro azioni in altro titolo con un rendimento minimo certo e che per questo sia reso più liquido.
2) E' necessario che il contratto di mutuo da noi suggerito e oggi introdotto tra i prodotti della banca (il c.d. mutuo break che consente al cliente la facoltà di sospendere unilateralmente i pagamenti per tre periodi, non superiori ad un anno ciascuno), avendo riscontrato il pieno gradimento di tanti risparmiatori, venga allargato ed applicato anche al mondo delle imprese ed applicato a tutte le forme di erogazione del credito.
3) Non svendere crediti deteriorati (NPL) e crediti incagliati (UTP) che sono attivi della banca, ma creare lo strumento societario che permetta il recupero all'interno del patrimonio della banca (non vogliamo un nuovo caso Banco di Napoli).
4) Stipulare una "convenzione soci" che attribuisca agli stessi una serie di diritti e servizi aventi valore economico, e che venga applicata a tutti, sia informando i propri funzionari della sua esistenza, sia informando la clientela dei vantaggi in essa contenuti. Fra i servizi contenuti a favore dei soci che hanno acquistatole azioni sino al 31.12.15, a titolo esemplificativo, vi dovrà essere una polizza quinquennale, il cui premio dovrà esser pagato dalla banca, e che alla scadenza, garantirà al beneficiario una somma pari al valore nominale dell'investimento azionario (sull'esempio di quanto fece banca Mediolanum in favore degli acquirenti di obbligazioni Lehman Brothers)..
5) Quando la banca perde dinanzi all'Arbitro per le Controversie Finanziarie, deve pagare i suoi azionisti nei 30 giorni di legge, cessando l'attuale condotta di rimanere inadempiente e prender tempo, costringendo così l'azionista a chiedere al Tribunale di confermare la decisione chiarissima dell'ACF.
6) Creare un collegamento stabile fra l'ufficio reclami della banca ed il Comitato, anche con la creazione di un tavolo di conciliazione paritetico, nel quale esaminare per davvero i reclami, e che permetta di giungere a soluzioni e/o conciliazioni per i casi che rientrano nei Regolamenti Consob (sull'esempio della commissione paritetica di conciliazione, costituita da Banca Intesa per i titoli Parmalat).
7) Appare indispensabile che le operazioni ed iniziative che si vorranno prendere, vengano da parte del management della banca previamente condivise con la platea degli azionisti, in modo che questi si rendano conto della loro natura, anche per fugare dubbi e voci incontrollate ed essere davvero partecipi della proprietà di cui essi sono titolari.

Confidiamo altresì che le Autorità di Vigilanza siano vicine ai risparmiatori in questa vicenda", conclude la nota del Comitato azionisti della Banca Popolare di Bari.
  • codacons puglia
  • federconsumatori
  • unione consumatori italiani
  • banca popolare di bari
  • Confconsumatori
  • banca pugliese
Altri contenuti a tema
Banca Popolare di Bari, arriva una nuova ispezione da Bankitalia Banca Popolare di Bari, arriva una nuova ispezione da Bankitalia Entro il 14 luglio l'istituto di credito dovrà rinnovare quattro consiglieri d'amministrazione in scadenza
Banca Popolare di Bari condannata a risarcire i danni subiti da azionista Banca Popolare di Bari condannata a risarcire i danni subiti da azionista Altra importante decisione dell'Arbitro per le controversie finanziarie a seguito di un procedimento promosso dall'avv. Laura Maria Pia Tota
Truffati banche, Ruggiero (M5S): «Tria ha firmato il decreto per il rimborso. Stanziati 1,5 miliardi» Truffati banche, Ruggiero (M5S): «Tria ha firmato il decreto per il rimborso. Stanziati 1,5 miliardi» «Un traguardo importante per i risparmiatori vittime dei rapporti avvelenati fra banche e politica»
Banca Popolare di Bari, l'8 maggio il Consiglio d'amministrazione per il passaggio alla Spa Banca Popolare di Bari, l'8 maggio il Consiglio d'amministrazione per il passaggio alla Spa Il Cda convocato nel giorno di San Nicola discuterà anche della sentenza sull'acquisizione di Banca Tercas
Decisione Corte UE su Popolare di Bari. Ruggiero (M5S): "Sentenza storica. Commissione UE rimborsi i risparmiatori" Decisione Corte UE su Popolare di Bari. Ruggiero (M5S): "Sentenza storica. Commissione UE rimborsi i risparmiatori" Rimarcata gestione scorretta delle crisi bancarie dei governi precedenti. Governo Conte stanziato già 1,5 mld risarcimento risparmiatori truffati
Al "Degli Ulivi", per l'incontro Corato-Casarano saranno ricordate le 23 vittime del disastro ferroviario Al "Degli Ulivi", per l'incontro Corato-Casarano saranno ricordate le 23 vittime del disastro ferroviario In tribuna sarà esposto il banner dell'Associazione Astip
Banca popolare di Bari: approvato il piano di rilancio industriale Banca popolare di Bari: approvato il piano di rilancio industriale Adesso si attendono le reazioni degli oltre 60 mila azionisti della banca privata più grande del sud Italia
Popolare di Bari, nasce il Comitato Nazionale di Difesa degli Azionisti Popolare di Bari, nasce il Comitato Nazionale di Difesa degli Azionisti «Importante essere uniti, perché soltanto se la nostra voce formerà un coro di protesta, riusciremo a farci ascoltare nelle sedi competenti»
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.