Canosa di Puglia
Canosa di Puglia
Cronaca

Giovane truffatore andriese colpiva a Canosa spacciandosi anche per un sacerdote

L'uomo è stato individuato grazie alle indagini della Polizia Postale

E' un 20enne andriese, con precedenti specifici, il giovane che negli ultimi 2 anni era riuscito a raggirare diverse persone ed, in particolare, uomini e donne del clero.
Il poliziotti del Commissariato di P.S. di Canosa di Puglia, dopo aver raccolto numerose denunce, hanno effettuato mirati accertamenti informatici e bancari, risalendo all'identità dell'autore.
La tecnica utilizzata dall'uomo, nonostante la giovane età, è risultata agli investigatori particolarmente collaudata: dopo aver fatto alcune ricerche su internet, raccogliendo informazioni su conventi, chiese e parrocchie da colpire, acquisiva dettagliate informazioni sui prelati e li contattava telefonicamente, spacciandosi per un prete.
Dopo aver conquistato la loro fiducia, partivano le richieste di denaro, giustificate da finti scopi nobili e caritatevoli.
In altre circostanze, come accertato dagli investigatori della Polizia di Stato, il giovane raggirava le sue vittime presentandosi come ragazzo in difficoltà, in cerca di lavoro, a cui serviva aiuto economico.
I soldi ottenuti tramite il raggiro venivano quasi sempre consegnati mediante un accredito sulla carta di credito del ragazzo che, immediatamente, prelevava le somme.
A seguito di attività di perquisizione, condotta dai poliziotti dei Commissariati di P.S. di Canosa di Puglia e di Andria, sono stati sequestrati i suoi telefoni cellulari, la Postepay utilizzata per ricevere gli accrediti di denaro ed una parte del bottino.
Con l'ausilio degli specialisti della Polizia Postale, sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi per fare luce su altre eventuali truffe, compiute dal 20enne sul territorio nazionale.
  • Polizia di Stato Andria
  • Polizia postale
Altri contenuti a tema
Ennesimo furto nel Cimitero: portati via circa 3 mila metri di cavi elettrici Ennesimo furto nel Cimitero: portati via circa 3 mila metri di cavi elettrici La scoperta questa mattina alla riapertura dopo alcuni giorni di chiusura
Topo d'appartamento arrestato mentre compiva furto in zona Gelso Topo d'appartamento arrestato mentre compiva furto in zona Gelso Sul posto le guardie giurate ed i poliziotti della squadra "Volante"
1 Bloccato da un incidente stradale da lui provocato, ladro d'auto finisce in manette Bloccato da un incidente stradale da lui provocato, ladro d'auto finisce in manette E' accaduto ieri mattina ad Andria nella zona di via Garibaldi
Beni sequestrati alla criminalità destinati alla Questura di Andria Beni sequestrati alla criminalità destinati alla Questura di Andria Si tratta di un immobile per uso abitazione del valore di 366mila euro con annessi magazzino e box auto
Libertà e sicurezza Polizia di Stato, AstraZeneca allarma il personale delle forze dell’ordine Libertà e sicurezza Polizia di Stato, AstraZeneca allarma il personale delle forze dell’ordine Dopo i decessi di tre militari in Sicilia si aggiunge il coma di un finanziere in Puglia
Emergenza covid: opportunità di business per la criminalità organizzata della Bat Emergenza covid: opportunità di business per la criminalità organizzata della Bat Lo sottolinea la Direzione Investigativa Antimafia nella relazione al primo semestre 2020, in piena pandemia
Reati online, le istituzioni in Puglia unite contro il proliferare di fenomeni a rischio Reati online, le istituzioni in Puglia unite contro il proliferare di fenomeni a rischio La Polizia postale denuncia un aumento preoccupante dei crimini che vedono coinvolti minori e social, in questo anno di "reclusione" causa Covid
Proseguono i controlli delle Forze dell'ordine per il rispetto delle norme anti covid 19 Proseguono i controlli delle Forze dell'ordine per il rispetto delle norme anti covid 19 Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale impegnate in centro e periferia
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.