da sx i giudici Falcone, Borsellino e Caponnetto
da sx i giudici Falcone, Borsellino e Caponnetto
Attualità

Giornata della Legalità, una riflessione di don Michelangelo Tondolo con alcune frasi del giudice Falcone

28 anni fa la strage di Capaci. Anche Andria celebra questa giornata con drappi bianchi e la bandiera italiana sui balconi

Anche la città di Andria celebra la Giornata nazionale della Legalità in occasione del 28° anniversario dell'attentato di Capaci, che il 23 maggio 1992 costò la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e ai tre uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani. Diverse sono le iniziative proposte per ricordare questa giornata, tra cui quella di don Michelangelo Tondolo, parroco della chiesa San Riccardo nel quartiere San Valentino, che condivide quattro frasi pronunciate a suo tempo dal giudice Falcone:

- "Prima ti delegittimano, poi ti isolano e poi ti ammazzano" (parlando del caso Pantani);
- "Nei momenti di malinconia mi lascio andare a pensare al destino degli uomini d'onore: perché mai degli uomini come gli altri, alcuni dotati di autentiche qualità intellettuali, sono costretti a inventarsi un'attività criminale per sopravvivere con dignità?";
- "Tre magistrati vorrebbero oggi diventare procuratore della Repubblica. Uno è intelligentissimo, il secondo gode dell'appoggio dei partiti di governo, il terzo è un cretino, ma proprio lui otterrà il posto. Questa è la mafia" (frase pronunciata da Frank Coppola ad un magistrato e riportata da Giovanni Falcone durante un'intervista del 1991);
- "L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza".

Don Michelangelo ha inoltre lanciato una proposta, con riscontri più che positivi, rivolta al quartiere e alla comunità parrocchiale: apporre la Bandiera italiana sul balcone della propria abitazione e inviare al parroco una frase in merito alla giornata odierna, che successivamente sarà condivisa sui social.
  • strage di capaci
  • Quartiere San Valentino
Altri contenuti a tema
Rifiuti abbandonati a San Valentino: la sindaca Bruno istituisce un “diario delle inciviltà” Rifiuti abbandonati a San Valentino: la sindaca Bruno istituisce un “diario delle inciviltà” «La città deve unirsi nello sdegno e nella condanna», dichiara la prima cittadina
Don Michelangelo Tondolo: “Il costo di un pranzo vale la spesa per la cultura?” Don Michelangelo Tondolo: “Il costo di un pranzo vale la spesa per la cultura?” A San Valentino realizzata una vignetta pungente per denunciare l’eventuale perdita del tempo prolungato
Don Michelangelo Tondolo: «Alla scuola Salvemini-Imbriani si rischia di perdere il tempo prolungato» Don Michelangelo Tondolo: «Alla scuola Salvemini-Imbriani si rischia di perdere il tempo prolungato» «Una vera ricchezza per la formazione, la cultura e la socialità di tutti i residenti»
Cane e gatto uccisi in zona San Valentino: l’indignazione dell’associazione OIPA Cane e gatto uccisi in zona San Valentino: l’indignazione dell’associazione OIPA Stamane sono state rinvenute le carcasse dei due animali
Smarrito un cane meticcio in zona San Valentino Smarrito un cane meticcio in zona San Valentino Si chiama Shana ed ha circa due anni
Furto di chiusini stradali al quartiere San Valentino: intervento di Polizia Locale e AndriaMultiservice Furto di chiusini stradali al quartiere San Valentino: intervento di Polizia Locale e AndriaMultiservice Circa una decina quelli sottratti con grave pregiudizio all’incolumità delle persone e dei veicoli
Croce Rossa Italiana di Andria dona vestiti nuovi alla parrocchia di San Riccardo Croce Rossa Italiana di Andria dona vestiti nuovi alla parrocchia di San Riccardo Sono il gradito dono di una nota azienda tessile italiana
Albero pericolante nel quartiere San Valentino: l’intervento dei Vigili del Fuoco Albero pericolante nel quartiere San Valentino: l’intervento dei Vigili del Fuoco A causa del forte vento di questi giorni, l’arbusto rischiava di abbattersi sulle vicine palazzine
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.