Guardia di Finanza - Video Poker
Guardia di Finanza - Video Poker
Attualità

Gioco d’azzardo: "bruciati” ad Andria oltre 122 milioni

Dati sconvolgenti su una piaga che dilaga senza contrasti, ad esclusione dello Sportello al contrasto, sito in via Quarti

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Otre 122 milioni di euro. Sono cifre da capogiro quelle puntate dagli andriesi nel 2019 per il gioco d'azzardo. I dati arrivano dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ovvero l'ente garante della legalità e della sicurezza in materia di apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento.
Com'è noto, sale slot, sale giochi e sale scommesse hanno riaperto dal 15 giugno scorso dopo la fase acuta dell'emergenza Covid.

I numeri. Secondo i dati relativi al "Giocato fisico" (riferito alle somme materialmente introdotte negli apparecchi), ad Andria l'anno scorso sono stati "bruciati" per l'esattezza 122 milioni e 489.211,75 euro.
A farla da padrone sono state le videolottery con 37.591.121,50 euro. Seguono le AWP, ovvero le slot machine (28.174.762,94 euro), quindi le scommesse sportive a quota fissa (17.362.748,70 euro), le lotterie istantanee, cioè gratta e vinci e simili (15.170.550,00 euro), il lotto 12.428.110,00 euro), e via via tutti gli altri giochi (scommesse virtuali 9.350.801,70; Superenalotto1.892.768,50; Comma7 185.336,92; ippica nazionale 164.667,50; Winforlife 56.823,00; Eurojackpot 42.244,00; scommesse ippiche in agenzia 33.109,00; concorsi pronostici sportivi 19.868,00; lotterie tradizionali 16.300,00). I numeri si riferiscono alle sole giocate fisiche e non a quelle on line che sono raccolte separatamente e per le quali l'Agenzia non indica la provenienza geografica, ma fornisce solo un dato aggregato.
A fronte di queste puntate, la stessa Agenzia delle Dogane e dei Monopoli segnala una vincita in città di 96.396.729,69 euro. Per una spesa totale, quindi, che ammonta a oltre 26 milioni di euro (26.084.904,53).
Un fiume di denaro che troppo spesso sfocia in vere e proprie patologie in grado di mettere in ginocchio intere famiglie.

Il dato nazionale. Nel 2019 la raccolta, secondo elaborazioni Agimeg su dati dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è stata complessivamente pari a 110,5 miliardi, di cui 74,1 miliardi provenienti dal gioco fisico e 36,4 miliardi dall'online. Mentre le vincite si sono attestate a 91 miliardi di euro, di cui 56,5 miliardi dal fisico (il 76,2% di quanto giocato), e 34,5 miliardi dall'online. La spesa effettiva è stata pari a 17,6 miliardi per il fisico e 1,85 miliardi per l'online, per un totale di quasi 19,5 miliardi di euro. L'erario lo scorso anno ha beneficiato dai giochi circa 10,6 miliardi di euro (il 55% di quanto speso), di cui 10,1 miliardi dal fisico e poco meno di mezzo miliardo dal gioco via internet.
«A fronte della proliferazione dell'offerta e del consumo di gioco d'azzardo – commenta don Geremia Acri, direttore di Casa Acc. S. M. Goretti -, la politica si mostra poco attenta ad un'inversione di tendenza e ciò che resta, come indicato da papa Francesco, è la costante vigilanza su sé stessi e sul contesto in cui si vive, per denunciare ciò che minaccia il bene comune e operare secondo un principio di corresponsabilità. A tal proposito, il nostro sportello di Contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico continua determinatamente la sua costante opera a favore dell'intera comunità».
«Stiamo accogliendo gli utenti in sicurezza e nel pieno rispetto delle normative anti contagio – commenta la dott.ssa Liliana D'Avanzo, psicologa dello sportello "vinco Io" e consulente dello sportello della Casa Accoglienza -. Sono ripresi sia i colloqui psicologici individuali che rivolti alla rete parentale e amicale. È importante prendere consapevolezza del problema per collaborare fattivamente alla sua risoluzione. Attraverso la presa in carico, la cura e la riabilitazione della persona con problemi di dipendenza vogliamo, sul nostro territorio, contenere i numeri legati al gioco d'azzardo patologico che, purtroppo, continua a destare preoccupazione. La via per la guarigione è lunga, ma non impossibile. L'invito che rivolgo a tutti coloro che credono di avere un rapporto cattivo con il gioco è di non esitare a chiedere il nostro aiuto: prima si interviene, minori saranno le "ferite" da curare».

Sportello c/o casa accoglienza, ad Andria, in via Quarti, 7
Giorni di ricevimento il Martedì e il Sabato dalle ore 10:00 alle ore 12:00, il Giovedì dalle ore 17:00 alle ore 20:00 previo appuntamento telefonico:
3336466548
0883592369
3207499462
info@casaaccoglienza.com

https://www.casaaccoglienza.com/gioco-dazzardo-ad-andria-lanno-scorso-sono-stati-bruciati-per-lesattezza-122-milioni-e-489-21175-euro
  • gioco d'azzardo
  • casa accoglienza santa maria goretti
Altri contenuti a tema
"Restare a casa... Dove?": la diocesi di Andria allestisce un rifugio per senzatetto "Restare a casa... Dove?": la diocesi di Andria allestisce un rifugio per senzatetto Iniziativa di don Geremia e dei volontari di casa accoglienza condivisa con il vescovo Mansi
Pandemia e stato sociale: la sfida per arginare le nuove povertà Pandemia e stato sociale: la sfida per arginare le nuove povertà Una riflessione di don Geremia Acri e dei volontari di Casa Accoglienza "S. Maria Goretti"
3 Quando la carità viene sanzionata: la vicenda di un volontario andriese multato Quando la carità viene sanzionata: la vicenda di un volontario andriese multato L'uomo aveva ritirato alcune scatole di uova dalla Casa Accoglienza "S. Maria Goretti" per le famiglie bisognose
"ColoriAMOci la tavola", il nuovo progetto della sartoria sociale "La Téranga" "ColoriAMOci la tavola", il nuovo progetto della sartoria sociale "La Téranga" L'iniziativa è finalizzata a regalare una tovaglia esclusiva confezionata con i tessuti africani dagli ospiti delle case di comunità
"Adotta una famiglia", non esiste un vaccino per la povertà se non la carità "Adotta una famiglia", non esiste un vaccino per la povertà se non la carità Don Geremia lancia un appello a chi può donare. Molti coloro che oggi bussano a Casa accoglienza "S. Maria Goretti"
Una nuova tenda montata nell'ospedale Bonomo a supporto dell'attività del personale del 118 Una nuova tenda montata nell'ospedale Bonomo a supporto dell'attività del personale del 118 All'opera di Volontari Federiciani che hanno portato altre donazioni alimentari a Casa accoglienza "S. Maria Goretti"
Casa Accoglienza "S. Maria Goretti" dona buoni spesa alle parrocchie di Andria per le famiglie in difficoltà Casa Accoglienza "S. Maria Goretti" dona buoni spesa alle parrocchie di Andria per le famiglie in difficoltà Un gesto di solidarietà che segue la donazione effettuata da un'azienda ortofrutticola andriese alla struttura sita in via Quarti
Emergenza coronavirus, don Geremia e i volontari: "Aiutateci ad aiutare" Emergenza coronavirus, don Geremia e i volontari: "Aiutateci ad aiutare" Un sospeso per un bebè. Ecco dove poter donare il necessario per i neonati
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.