Partita IVA
Partita IVA
Attualità

Fattura elettronica obbligatoria, il caos regna totale

Il Codacons Puglia si mobilita per fornire assistenza

Anche in Puglia è scoppiato il caos fiscale. Le nuove disposizioni varate dal Governo, dalla fattura elettronica al "saldo e stralcio" per le cartelle fiscali, stanno creando non poche difficoltà a imprese e utenti della regione, che non riescono a districarsi nella giungla dei nuovi provvedimenti entrati da pochi giorni in vigore. Una situazione di confusione e incertezza che rischia di avere ripercussioni per i contribuenti della Puglia, e contro la quale il Codacons ha deciso di scendere in campo attivando oggi uno sportello telefonico per fornire informazioni e assistenza a utenti e piccoli attività.

Tutti i contribuenti della regione alle prese con la fattura elettronica, coloro che sono interessati ad avvalersi della procedura "Saldo e stralcio" per ridurre i propri debiti col Fisco, e più in generale i cittadini che intendano ottenere ragguagli e chiarimenti in ambito fiscale, possono usufruire dell'apposito Forum telefonico messo a disposizione dal Codacons, dove i fiscalisti dell'Associazione risponderanno alle domande dei contribuenti il mercoledì (dalle ore 11:30 alle ore 13:30) e il giovedì (dalle ore 14 alle ore 16) al numero 89349988, e forniranno informazioni su cosa i contribuenti possono o non possono fare - tra rottamazioni delle cartelle, definizione delle liti pendenti e saldo e stralcio delle cartelle esattoriali - con riferimento alla nuova normativa fiscale.
  • codacons puglia
Altri contenuti a tema
Stangata 2017, 986 in più a famiglia Stangata 2017, 986 in più a famiglia Per aumenti prezzi e tariffe nulla di buono nel nuovo anno, i dati del Codacons
IVA al 22%: per ora il "dettaglio" non aumenta i prezzi IVA al 22%: per ora il "dettaglio" non aumenta i prezzi Effetti e rincari avverranno ad inizio anno 2014
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.