Presidente Giuseppe Conte
Presidente Giuseppe Conte
Politica

Elezioni politiche, resi noti i candidati nei listini plurinominali del Movimento 5 Stelle

L'ex premier Conte capolista per la Camera a Foggia e nella Bat. Diverse le esclusioni eccellenti

Con un ritardo inusuale per il movimento pentastellato, sono stati resi noti solo ieri sera, giovedì 18 agosto, i nomi dei candidati per i listini plurinominali di Camera e Senato in vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre. Ricordiamo che le parlamentarie si erano concluse nella serata dello scorso 16 agosto: ben 48 ore per calcolare i voti ricevuti e le posizioni assunte dai vari candidati. Un passaggio cruciale quello della pubblicazione delle liste dei candidati, al quale seguirà l'annuncio dei candidati nei collegi uninominali, che però, al contrario di quanto accaduto nelle scorse competizioni politiche, quelle per intenderci del 2018, avranno ben poche opportunità di affermazione. In soldoni, tutti gli eletti pentastellati saranno determinati dalla composizione delle liste.

Camera

L'ex primo ministro Giuseppe Conte correrà per Montecitorio e diverrà per la prima volta parlamentare: il professore, originario di Volturara Appula, è candidato in Lombardia, Campania, Sicilia e Puglia. Il suo inserimento quale capolista nel collegio plurinominale Puglia 1, che comprende i territori di Capitanata e la Bat, dovrebbe fare da traino per i 5 Stelle in una delle regioni nelle quali sbancarono quattro anni fa. Il listino comprende anche Carla Giuliano (parlamentare uscente originaria di San Severo), Giorgio Lovecchio (deputato foggiano uscente) e Mariateresa Bevilacqua, attivista di Vieste.

Il listino Puglia 2 (che abbraccia gran parte dell'Area Metropolitana di Bari) sarà aperto da un altro uscente, il barese Gianmauro Dell'Olio, seguito dalla deputata di Bitonto Francesca Anna Ruggiero, dal molfettese Dario La Forgia e dalla senatrice coratina uscente Angela Bruna Piarulli. Un'autentica sorpresa è senza dubbio l'inserimento di Piarulli in una posizione non eleggibile.

Nel listino Puglia 3 (murgia meridionale e tarantino) spazio a Pasqua L'Abbate, detta Patty, senatrice uscente di Polignano a Mare. Sarà lei a guidare la lista, della quale faranno parte il leccese Iunio Valerio Romano (reduce da una legislatura a Palazzo Madama), Angela Masi (deputata barese) e Giorgio Lacasella, attivista di Cassano delle Murge.

Per Puglia 4 (brindisino e leccese) al primo posto Leonardo Donno, deputato di Galatina; alle sue spalle la parlamentare brindisina Valentina Palmisano, l'attivista leccese Luca Macavero e Annalisa Urso di Casarano.

Ragionevolmente, in base all'andamento dei sondaggi, il Movimento 5 Stelle dovrebbe eleggere soltanto il primo in ordine per ciascun listino anche se non è esclusa del tutto la possibilità che possa scattare anche un secondo seggio in almeno una delle quattro circoscrizioni. Restano da determinare anche le 17 candidature nei collegi uninominali, per le quali non è chiaro se Conte vorrà attingere da chi figura nei listini oppure concedere opportunità a coloro che hanno partecipato alle parlamentarie e schierarli nell'agone. Un elemento utile è la diffusione di una tabella parallela con l'indicazione di "candidati supplenti" che potrebbero perciò essere schierati nell'uninominale come il biscegliese Pippo Acquaviva e l'informatico Alberto De Giglio, due attivisti di lungo corso; nell'elenco, fra gli altri, anche l'insegnante marchigiana residente a Mottola Beatrice Ottaviani e l'ex sottosegretario all'istruzione Salvatore Giuliano, brindisino.

Senato

Margini decisamente più ridotti per i pentastellati a Palazzo Madama. I seggi a disposizione nella quota proporzionale sono in tutto 8 e in base alle rilevazioni il Movimento 5 Stelle difficilmente riuscirà a conquistarne più di uno. Il listino per il collegio plurinominale del Senato - che comprende tutta la Puglia - è aperto dall'uscente tarantino Mario Turco. In seconda posizione ci sarà Gisella Naturale, senatrice di Torremaggiore, mentre al terzo è stato inserito l'ex consigliere regionale leccese Antonio Trevisi e al quarto la molfettese Maria Lorusso. Il primo fra i supplenti è l'ex magistrato salentino Francesco Mandoi. Così come per la Camera, anche in questo caso Giuseppe Conte dovrà indicare i cinque candidati per i collegi uninominali, le cui possibilità di elezione sono praticamente nulle.


Ricordiamo che dalla Puglia, per effetto della nuova legge elettorale che ha ridotto il numero dei parlamentari (in totale adesso saranno 400 deputati e 200 senatori) ed in base all'ultimo censimento della popolazione, saranno eletti 27 deputati (10 con l'uninominale e 17 con il plurinominale) e 13 senatori (5 con l'uninominale e 8 con il plurinominale).
  • regione puglia
  • M5S Puglia
  • elezioni politiche 2022
Altri contenuti a tema
Forza Italia Andria: «Dopo anni deludenti ritroviamo lo smalto dei giorni migliori» Forza Italia Andria: «Dopo anni deludenti ritroviamo lo smalto dei giorni migliori» Il coordinatore cittadino Francesco Lullo: «Abbiamo sconfitto il PD, gli scettici e anche il “fuoco amico”»
Elezioni politiche, sindaco Bruno: «Dal voto una grande responsabilità che va onorata» Elezioni politiche, sindaco Bruno: «Dal voto una grande responsabilità che va onorata» Il Primo Cittadino commenta anche l'afflusso alle urne: «C'è disaffezione, bisogna reagire e invertire la tendenza»
Politiche 2022, ecco i 40 parlamentari eletti in Puglia Politiche 2022, ecco i 40 parlamentari eletti in Puglia Nomi eccellenti nell'elenco, da Salvini a Carfagna passando per Fitto e Boccia
Elezioni politiche, Caldarone: «L’apocalisse non è ora» Elezioni politiche, Caldarone: «L’apocalisse non è ora» Nota dell'ex sindaco di Andria
Michele Coratella (M5S): "Anche se non ho vinto sono contento del risultato personale" Michele Coratella (M5S): "Anche se non ho vinto sono contento del risultato personale" Era candidato al Senato per l'uninominale
1 Elezione a deputato di FdI per Riccardo De Corato, l'ex vicesindaco di Milano nato ad Andria Elezione a deputato di FdI per Riccardo De Corato, l'ex vicesindaco di Milano nato ad Andria A distanza di nove anni dal suo ultimo mandato parlamentare. Si è dimesso da assessore alla Sicurezza della Lombardia
Elezioni politiche, Vurchio: «Il mio impegno verso questo territorio resta forte» Elezioni politiche, Vurchio: «Il mio impegno verso questo territorio resta forte» «Ora bisognerà allargare la base elettorale ai giovani e capire le cause dell'assenteismo al voto»
PD Andria: «Il risultato delle elezioni ci impone una seria autocritica» PD Andria: «Il risultato delle elezioni ci impone una seria autocritica» Nota di Lorenzo Marchio e Michele Di Lorenzo
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.