Internet
Internet
Cronaca

Detenevano e condividevano materiale pedopornografico: indagato anche un minore di Andria

Indagine da parte della Polizia di Stato di Gallipoli

Una turpe storia avente come vittime e carnefici dei minori è stata portata alla luce dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Gallipoli. Su un gruppo Whatsapp di cui facevano parte purtroppo dei bambini, oltre che di pugliesi anche emiliani e lucani, creato con la scusa di condividere notizie su giochi per la Playstation, inviavano materiale pornografico tra cui foto con scene estremamente violente e altre che istigavano al suicidio.

A far scattare le indagini dei poliziotti, lo scorso giugno, sono stati i genitori di un bambino di dieci anni che hanno scoperto le immagini sulla chat del cellulare del figlio. A condividere il materiale - secondo quanto accertato dagli investigatori - erano quattro minorenni e un maggiorenne che sono stati denunciati alla Procura di Lecce con le accuse, a vario titolo, di pornografia minorile, detenzione di materiale pornografico e minacce, con l'aggravante di aver commesso i reati nei confronti di minori di 14 anni.

Cinque i giovani che sono stati identificati: si tratta di un 15enne e di un 14enne entrambi di Bologna, di un 15enne di Andria, di un 15enne di Melfi (Potenza) e di un 20enne di Barletta, unico maggiorenne.
  • polizia
  • pedopornografia
Altri contenuti a tema
1 “Il Covid ci sta decimando”: il grido d’allarme del sindacato di Polizia “Il Covid ci sta decimando”: il grido d’allarme del sindacato di Polizia Nonostante tutto, donne e uomini in divisa continuano ad operare con la massima dedizione e professionalità
CIA Levante firma il protocollo per la sicurezza di città e campagne CIA Levante firma il protocollo per la sicurezza di città e campagne Gli impegni del viceministro Matteo Mauri e le priorità di CIA Agricoltori Italiani della Puglia
Rapina a un cittadino pakistano residente ad Andria, arrestati i due responsabili Rapina a un cittadino pakistano residente ad Andria, arrestati i due responsabili Si tratta di due cittadini marocchini, di 34 e 39 anni, fermati dalla Polizia di Stato a Barletta
Sindacato di Polizia, Coisp: "Apertura Questura di Andria riporterà serenità e sicurezza a questo territorio" Sindacato di Polizia, Coisp: "Apertura Questura di Andria riporterà serenità e sicurezza a questo territorio" Dopo l'attentato al Commissariato di Canosa di Puglia: "Criminalità si è disabituata alla pressione e alla presenza delle Forze dell'ordine"
Bomba al Commissariato di Canosa, Sap: "Con la Questura di Andria, si spera adesso nell'invio di rinforzi" Bomba al Commissariato di Canosa, Sap: "Con la Questura di Andria, si spera adesso nell'invio di rinforzi" Dura nota critica del Segretario provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia, John Battista
Botte nella stazione di Barletta, arrestati in due: presero di mira un giovane andriese Botte nella stazione di Barletta, arrestati in due: presero di mira un giovane andriese Picchiarono un ragazzo con una cinghia borchiata per derubarlo, lesioni con prognosi di 15 giorni
Biciclette elettriche: anche la Polizia di Stato effettua controlli e sequestri tra Andria, Barletta, Bisceglie e Trani Biciclette elettriche: anche la Polizia di Stato effettua controlli e sequestri tra Andria, Barletta, Bisceglie e Trani L'attività è stata fortemente voluta dal Prefetto della provincia Barletta Andria Trani
Persia (COISP): «Questura di Andria, a quando l’eterna incompiuta?» Persia (COISP): «Questura di Andria, a quando l’eterna incompiuta?» Mentre si attende la nomina del primo Questore, i promessi rinforzi non sono mai giunti sul territorio
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.