posto di controllo dei carabinieri
posto di controllo dei carabinieri
Cronaca

Contrasti tra gruppi criminali: i Carabinieri di Andria arrestano pregiudicato per tentato omicidio

Compiute attività tecniche, servizi di osservazione ed analisi degli elementi che sono emersi dalle investigazioni

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Brillante operazione quella compiuta nei giorni scorsi dai Carabinieri di Andria nella guerra tra gruppi criminali in atto nella nostra città.
I militari agli ordini del Capitano Domenico Montalto, hanno arrestato per il reato di tentato omicidio aggravato, il pregiudicato andriese Giuseppe Granata 49 enne attinto da una ordinanza cautelare, emessa dal Tribunale del Riesame di Bari, a seguito di Appello presentato dal P.M. della Procura della Repubblica di Trani titolare dell'indagine, in quanto ritenuto responsabile del tentato omicidio di Vincenzo Pistillo, 49enne (fratello dei germani Michele e Francesco) intraneo all'organizzazione mafiosa denominata "clan Pistillo" egemone nel quartiere San Valentino di Andria, avvenuto il 12 luglio 2018.

Le indagini condotte dalla Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Andria, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani, attraverso attività tecniche, servizi di osservazione ed analisi degli elementi che sono emersi dalle investigazioni, permettevano di ricondurre quel grave fatto di sangue a Giuseppe Granata, il quale, nel tardo pomeriggio del 12 luglio 2018, dopo aver pedinato la vittima nel rione San Valentino, lo aggrediva accoltellandolo in più punti dell'addome, provocandogli gravi ferite da lacerazione. La vittima prontamente soccorsa veniva trasportata in ospedale dove veniva giudicata in "prognosi riservata".
Le investigazioni permettevano di ricondurre quell'azione, verosimilmente alle continue prepotenze attuate da Pistillo Vincenzo nei confronti del Granata e della sua famiglia, che riacutizzavano vecchi rancori, in realtà mai sopiti, riconducibili all'omicidio di Leonardo Granata, 30enne (fratello dell'indagato) avvenuto il 28 dicembre 1999 ad opera di Michele Pistillo (fratello di Vincenzo). Come si ricorderà il 28 dicembre 1999, verso le ore 21.35, in Andria, nel bar "Il Caffè ", collocato nel Viale Pietro Nenni, vennero uccisi in un efferato agguato i pregiudicati Leonardo Granata e Giacinto Capogna, quest'ultimo ritenuto vicino al clan Pastore. Il Capogna venne attinto da colpi d'arma da fuoco al volto, mentre il Granata venne colpito in zona toracica. Dalle prime indagini, emerse che il movente del fatto delittuoso fosse da ricercare nella "guerra di mala" in atto tra i clan Pastore/Pistillo, per il predominio sul territorio di Andria ed il controllo delle attività illecite, collegandolo quale ritorsione al precedente fatto di sangue (omicidio di Pistillo Benito fratello di Vincenzo ad opera di esponenti del clan Pastore). Per quei fatti si accertarono le responsabilità di Michele Pistillo (fratello di Vincenzo) che venne condannato alla pena di anni 26 di reclusione.

Granata Giuseppe si trova ora detenuto, per ragioni di sicurezza collegate ad eventuali ritorsioni, presso una Casa Circondariale fuori Regione.
  • carabinieri andria
  • procura della repubblica trani
  • controlli carabinieri
  • Cap. Domenico Montalto
Altri contenuti a tema
Tendoni di uva da tavola tagliati nella notte in contrada Zagaria Tendoni di uva da tavola tagliati nella notte in contrada Zagaria Paura tra gli agricoltori. Danni stimati per circa mezzo milione di euro. Indagano i Carabinieri
Commissario Tufariello: “Aghilar, plauso ai Carabinieri della Compagnia di Andria per il supporto dato alla sua cattura” Commissario Tufariello: “Aghilar, plauso ai Carabinieri della Compagnia di Andria per il supporto dato alla sua cattura” "I militari dell’Arma hanno dimostrato la perseveranza e la professionalità investigativa che li hanno sempre caratterizzati"
Biciclette elettriche: sequestri dei Carabinieri nelle città di Andria, Barletta e Bisceglie Biciclette elettriche: sequestri dei Carabinieri nelle città di Andria, Barletta e Bisceglie Con l'attività di repressione anche una campagna di informazione nei confronti dei minorenni
Catturato a Minervino il latitante evaso dal carcere di Foggia Catturato a Minervino il latitante evaso dal carcere di Foggia Cristoforo Aghilar è stato scovato dai Carabinieri in un casolare dell'agro. Prezioso il supporto dei militari della Compagnia di Andria
Incendio manda in fumo un'Audi A4 sw: intervento dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri Incendio manda in fumo un'Audi A4 sw: intervento dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri E' accaduto questa mattina, intorno alle ore 3 in piazza Sant'Agostino
Giustizia svenduta: inchiesta su ex magistrati di Trani, Savasta condannato a 10 anni di reclusione Giustizia svenduta: inchiesta su ex magistrati di Trani, Savasta condannato a 10 anni di reclusione 4 anni invece per il suo collega Luigi Scimé. Condanne per gli avvocati Sfrecola e Ragno
"Giustizia svenduta": manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok "Giustizia svenduta": manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Incidente tra corso Cavour e via Torino: furgone si cappotta Incidente tra corso Cavour e via Torino: furgone si cappotta E' accaduto questa mattina poco dopo le ore 6. Sul posto 118 ed i Carabinieri
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.