Ing. Antonio Mastrodonato
Ing. Antonio Mastrodonato
Politica

Ciappetta Camaggio, Mastrodonato: «L'ambiente si difende con i fatti»

L'Assessore all'Ambiente di Andria risponde alle polemiche del M5S

«L'ambiente si difende con i fatti e non con la demagogia». Inizia così una lunga nota dell'Assessore all'Ambiente del Comune di Andria, Antonio Mastrodonato che risponde in modo approfondito alla situazione del canale Ciappetta Camaggio in riferimento ad un esposto in Procura da parte del Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle di Andria. «Ci tengo a precisare innanzitutto che il canale non è di proprietà comunale bensì della Regione Puglia. Con la stessa Regione Puglia e con il Comune di Barletta e con altri organi preposti è in corso un dialogo istituzionale volto al finanziamento dei lavori di rifacimento dell'intero canale. Il Depuratore, inoltre, dissequestrato per dar adito all'avvio dei lavori di potenziamento, pur essendo di proprietà del comune di Andria, è stato affidato in concessione all'Acquedotto S.p.a., unica società autorizzata ad interventi sullo stesso. In tal senso il Comune può solo compiere azione di controllo sull'operato dell'Acquedotto S.p.a. nella gestione della struttura».

Dalle premesse alle attività: «Ho personalmente partecipato ad un tavolo tecnico il 22/10/2015 presso la Regione Puglia - dice Mastrodonato - durante il quale si sono illustrati i lavori di potenziamento dell'impianto di depurazione che dovrebbero durare 330 giorni circa con data presunta di fine lavori il 05/08/2016. In tale sede sia l'Arpa Puglia che la Direzione dell'AQP hanno confermato che i controlli, potenziati, avvengono regolarmente ogni 15 giorni. La qualità delle acque in arrivo all'impianto dipende anche dalla presenza di massicci quantitativi di acque di vegetazione abusivamente scaricate in fognatura nera. La natura e la quantità di tali acque non sono infatti compatibili con i processi di trattamento dell'impianto di depurazione a servizio dell'agglomerato di Andria, progettato e realizzato esclusivamente per il trattamento di acque reflue urbane. L'AQP ha comunicato l'arrivo delle acque di vegetazione ed ha eseguito controlli sulla rete anche in presenza di Organi di Polizia Giudiziaria».

«Gli stessi controlli sono stati effettuati con l'ausilio del Nucleo di Polizia Ambientale ed Ecologica presso tredici frantoi oleari in osservanza di apposita ordinanza sindacale. Per una completa e corretta informazione si precisa che dalla lettura delle analisi predisposte, effettuate in media con cadenza quindicinale, si evince chiaramente che l'impianto nelle normali condizioni di esercizio è in grado di rispettare, sia per l'abbattimento della sostanza carboniosa che per la parte azotata, i limiti imposti e che l'arrivo di carichi diversi da quelli caratteristici di un normale refluo urbano (come ad esempio accaduto a febbraio 2015) compromette inevitabilmente il processo depurativo. Inoltre controlli effettuati dalla locale Polizia Municipale - dice ancora Mastrodonato - escludono che ad oggi ci siano terreni irrigati dalle acque del canale Ciappetta-Camaggi: infatti il territorio in questione risulta alimentato dal Consorzio di Bonifica da cui gli agricoltori attingono le acque necessarie per l'irrigazione dei campi. Sulla salute dei cittadini nessuno può permettersi di scherzare e di questo l'Amministrazione Comunale ne è talmente consapevole tanto che ci chiediamo se la stessa attenzione si è avuta in un recente passato quando la salute dei cittadini bisognava preservarla come lo si deve fare oggi».

Lo stesso Assessore all'Ambiente, infatti, fa un balzo indietro nel tempo sino ad arrivare al 2009 ed alla Discarica di San Nicola La Guardia ad Andria: «A proposito di passato e di azioni svolte nel presente - dice Mastrodonato - siamo riusciti, unitamente alla Regione Puglia, a far riaprire l'esame del progetto della nuova discarica di Andria in zona San Nicola per anomalie che lo stesso progetto presenta e che nella conferenza di servizi del 29/05/2009, nessuno ha evidenziato - e ribadisco nessuno dei precedenti amministratori ora con altri ruoli politici - autorizzando lo stesso con non poca superficialità, esprimendo "Parere Favorevole" cosi come riportato nella Determinazione Dirigenziale della Provincia BAT nr.76 del 30/07/2012. Si precisa che tale progetto presentava la realizzazione di una nuova discarica di RSU su una esistente discarica di inerti. In quella stessa conferenza di servizi è stata autorizzata, anche dal Comune di Andria e senza una minima prescrizione che riguardasse una attenta indagine sul sottofondo della stessa, tesa ad evidenziare se la vecchia discarica di inerti fosse atta a reggere senza alcun problema la nuova di RSU. E' stata quindi fatta una conferenza di servizi in regione in data 09/02/2016, in cui l'autorizzazione della discarica è stata subordinata alla realizzazione di approfondite indagini sulla reale fattibilità della stessa».
  • ing. antonio mastrodonato
Altri contenuti a tema
Disseccamenti degli alberi presenti in numerose strade cittadine: Fratelli d'Italia chiede interventi urgenti Disseccamenti degli alberi presenti in numerose strade cittadine: Fratelli d'Italia chiede interventi urgenti Interessati numerosi lecci, tigli e conifere di via De Gasperi, viale Roma, corso Cavour nonchè delle piazze Trieste e Trento, Umberto I e Catuma 
Fratelli d'Italia: "Le amministrative devono sancire l’affermazione di una nuova classe dirigente del centrodestra" Fratelli d'Italia: "Le amministrative devono sancire l’affermazione di una nuova classe dirigente del centrodestra" Intervento del Segretario provinciale Bat, Lima e del segretario e vice segretario di Andria, Pistillo e Mastrodonato
Tari e PEF 2018: facciamo un po’ di chiarezza Tari e PEF 2018: facciamo un po’ di chiarezza Nota a cura di Fratelli d'Italia Andria e dell’ing. Antonio Mastrodonato
L'ing. Mastrodonato vice coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia-An L'ing. Mastrodonato vice coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia-An Già assessore all'Ambiente e alla qualità della vita nel 2015
Puglia Eternit Free: Andria aderisce alla campagna di Legambiente Puglia Eternit Free: Andria aderisce alla campagna di Legambiente Convegno di presentazione venerdì 29 gennaio nel Chiostro di San Francesco
Quartiere Europa: «Attendiamo la chiamata dell'Assessore Mastrodonato» Quartiere Europa: «Attendiamo la chiamata dell'Assessore Mastrodonato» Il comitato di quartiere chiede un confronto costruttivo per la città
Ambiente, Mastrodonato: «Più multe per gli incivili e regolamento antenne» Ambiente, Mastrodonato: «Più multe per gli incivili e regolamento antenne» La seconda parte dell'intervista al neo Assessore all'Ambiente della Città di Andria
Ambiente, Mastrodonato: «Subito centraline poi Profilo della Salute» Ambiente, Mastrodonato: «Subito centraline poi Profilo della Salute» Intervista al neo Assessore dopo dieci giorni di lavoro in via Potenza
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.