porto di Barletta
porto di Barletta
Politica

Cattivi odori nell'aria, Di Bari (M5S): "Consiglieri di maggioranza hanno tutelato interessi delle industrie che producono cattivi odori"

Polemico intervento da parte del consigliere e capogruppo pentastellato, avv. Grazia Di Bari

Anche la capogruppo regionale del M5S, l'avvocato andriese Grazia Di Bari è intervenuto sulla vicenda relativa agli intensi cattivi odori registrati a Barletta, che hanno procurato forte allarme sociale.

"In questi giorni nella provincia Bat, gli abitanti di Andria, Barletta e Trani denunciano la presenza di cattivi odori.
La puzza è talmente tanta che si è costretti a tenere serrate le finestre e questo nonostante il caldo.
Si preferisce il caldo al cattivo odore.
Gli amministratori locali non se ne occupano o, per dirla tutta, a livello regionale i consiglieri di maggioranza si sono occupati di emissioni odorigene non per tutelare la salute dei cittadini, ma per tutelare gli interessi delle industrie che producono cattivi odori.
La Regione Puglia aveva un'ottima legge che prevedeva che le industrie adeguassero i propri impianti affinché abbattessero le emissioni.
Una legge approvata nel 2014, che sarebbe dovuta entrare in vigore a dicembre del 2015 e che la sinistra si è venduta in campagna elettorale.
Una legge che metteva tutti d'accordo, gli ambientalisti e cittadini, perché prevedeva pesanti sanzioni ed obblighi ma accontentava anche le industrie perché tanto era prevista la proroga, con la promessa di altre proroghe.
Proroghe che ci sono state, ben 2 grazie ad un emendamento a firma Caracciolo, votato da tutta la maggioranza di sinistra.
Non solo, quest'anno hanno fatto di più, la maggioranza di Emiliano ha totalmente cambiato la legge, rendendola pressoché inutile!
Noi del M5S abbiamo tentato di impedire questo scempio, ma sapete noi possiamo contare solo sui nostri 8 voti contro i 43 di maggioranza e della residua minoranza", ha così concluso Grazia Di Bari.
  • Provincia Bat
  • qualità dell'aria
  • grazia di bari
Altri contenuti a tema
Accesso a Montegrosso dalla sp n. 2: verso una soluzione condivisa Provincia e residenti Accesso a Montegrosso dalla sp n. 2: verso una soluzione condivisa Provincia e residenti Giovedì 21 novembre, ore 17 incontro con i residenti presso l'ex scuola del borgo
Di Bari (M5S): "Andria con i due teatri chiusi, non avrà nessuna stagione teatrale" Di Bari (M5S): "Andria con i due teatri chiusi, non avrà nessuna stagione teatrale" Il nuovo Teatro comunale presso l'ex Macello, "inaugurato per metà e che rimane vuoto all'interno"
Un nuovo Codice Deontologico per gli infermieri:presentazione anche nella Bat Un nuovo Codice Deontologico per gli infermieri:presentazione anche nella Bat L’OPI BAT organizza una giornata formativa presso il castello Svevo di Barletta
Anche la BAT ha un Contratto Istituzionale di Sviluppo Anche la BAT ha un Contratto Istituzionale di Sviluppo Ieri siglato il protocollo d'intesa tra parti sociali e amministrazioni
Furto di denaro e dati clinici al Bonomo, Di Bari (M5S): "Non è purtroppo il primo caso" Furto di denaro e dati clinici al Bonomo, Di Bari (M5S): "Non è purtroppo il primo caso" "Non si va avanti così, così si va indietro. A farne le spese, come al solito, siamo tutti noi"
Il CRB diventa un ostello, Flai e Cgil: “Che fine fa la ricerca in agricoltura?” Il CRB diventa un ostello, Flai e Cgil: “Che fine fa la ricerca in agricoltura?” Nel consiglio provinciale deliberata la trasformazione della struttura ai piedi di Castel del Monte
Centro ricerche Bonomo: da polo di ricerca scientifica a struttura turistica Centro ricerche Bonomo: da polo di ricerca scientifica a struttura turistica Una fine ingloriosa per una struttura scientifica. L’ennesimo inganno della politica agli ex dipendenti
A Barletta il primo consiglio provinciale: giura il Presidente Lodispoto A Barletta il primo consiglio provinciale: giura il Presidente Lodispoto "Così ci avviciniamo ai cittadini della provincia". Il Centro ricerche Bonomo verso una nuova destinazione
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.