Caserma dei Carabinieri Andria
Caserma dei Carabinieri Andria
Cronaca

Carabinieri confiscano ville e terreni per 1 milione di euro a pregiudicato di Andria. VIDEO

L'importante risultato è frutto dell'attività condivisa della magistratura e delle componenti investigative specializzate dell'Arma

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un decreto di confisca penale diretta, emesso dalla Corte di Appello III Sezione Penale di Bari, su richiesta della Procura Generale della Repubblica di Bari, a carico di Fratepietro Carmine, pluripregiudicato 48enne, a seguito delle condanne subite per riciclaggio, ricettazione, rapina e porto illegale di armi.

Fratepietro Carmine, tra l'altro, è noto per aver fatto parte del commando paramilitare composto da circa 10 persone che, il 29.02.2016, assaltò un furgone portavalori sulla Strada Statale 16 nei pressi di Trinitapoli e che trasportava circa € 3.000.000,00 destinati ad uffici postali ed istituti di credito. Il colpo, che durò appena 5 minuti, fruttò al gruppo criminale oltre 72 mila euro. I malviventi si garantirono la fuga occupando le vie di accesso al luogo della rapina con auto e mezzi pesanti rubati ed incendiati nonché distribuendo sulla strada decine di chiodi artigianali a quattro punte.
E' stato anche condannato per aver partecipato, il 4 dicembre 2016, insieme ad altre 15 persone, nel comune di Caraffa (CZ) e con il "benestare" delle "ndrine" calabresi, all'assalto presso il caveau di una società di vigilanza del luogo, con l'utilizzo di una ruspa dotata di martello pneumatico, rubando 8,5 milioni di euro.
Ed ancora è stato condannato per un altro assalto ad un furgone portavalori, avvenuto il 19.10.2015 a Bari, nei pressi della Strada Statale 16 dove, insieme a 15 individui travisati ed armati kalashnikov, asportava centinaia di migliaia di euro da un furgone diretto alla Banca d'Italia per depositare il denaro prelevato da diversi istituti di credito.

Il valore del patrimonio sottratto alla disponibilità dell'interessato, formalmente intestato alla compagna, è stimato in 1 milione di euro ed è rappresentato da due terreni e due lussuose ville ubicate in agro di Andria nonché 3 terreni ubicati a Trinitapoli.

L'odierno provvedimento, emesso dalla Corte di Appello di Bari, accoglie completamente la proposta della Procura Generale della Repubblica di Bari, la quale, in considerazione delle condanne definitive del Fratepietro, formulava detta richiesta sulla base degli accertamenti patrimoniali effettuati dalla Sezione specializzata del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Bari attraverso cui sono stati ricostruiti gli introiti dell'intero nucleo familiare, così fornendo un corposo quadro probatorio in ordine all'illecita provenienza della sua ricchezza e che costituirebbe il compendio soprattutto di rapine in danno di portavalori.
L'importante risultato odierno - frutto dell'attività condivisa della magistratura e delle componenti investigative specializzate nello specifico settore delle indagini patrimoniali - rappresenta una conferma ulteriore dell'azione di contrasto alla criminalità organizzata, perseguita sia attraverso un'assidua opera di prevenzione e repressione sia attraverso attente e scrupolose indagini di natura finanziaria e patrimoniale, con le quali vanno combattute le moderne dinamiche criminali.

Nella circostanza, la Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Bari ringrazia il personale appartenente al Nucleo Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari, distaccato presso la stessa Procura Generale, per l'attività di preliminare ricognizione delle sentenze di condanna, prodromiche all'avvio degli accertamenti patrimoniali finalizzati all'adozione dei provvedimenti di confisca ai sensi dell'art. 240 bis del codice penale, e per il contributo fornito nell'elaborazione dei provvedimenti stessi.
  • Carabinieri
  • carabinieri andria
  • controlli carabinieri
Altri contenuti a tema
Seconda laurea magistrale per il Tenente dei Carabinieri Vittorio Tesoro Seconda laurea magistrale per il Tenente dei Carabinieri Vittorio Tesoro Conseguite entrambe con 110/110 e lode dal valente ufficiale 26enne nativo di Andria
Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Gli stupefacenti provenivano dalla Spagna e venivano smerciate sul territorio della Bat
Ultimo giorno di lavoro per il Capitano dei Carabinieri Cignarella Ultimo giorno di lavoro per il Capitano dei Carabinieri Cignarella In pensione dopo quarant’anni di servizio effettivo, dal 2020 Comandante del Nucleo Informativo del Comando Provinciale
Olio evo contraffatto, sequestri dei Carabinieri del NAS Olio evo contraffatto, sequestri dei Carabinieri del NAS Valore complessivo della merce sequestrata ammonta ad € 900.000
Contro le truffe agli anziani l’Arma arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Contro le truffe agli anziani l’Arma arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Il nonno più amato d'Italia ha compiuto 88 anni
Controlli dei Carabinieri ad Andria, 17 assuntori di stupefacenti segnalati Controlli dei Carabinieri ad Andria, 17 assuntori di stupefacenti segnalati E 45 multe per un totale di 7000 euro. Operazione estate sicura avanti fino a settembre
Ladri seriali arrestati dai Carabinieri: erano l'incubo dei negozianti Ladri seriali arrestati dai Carabinieri: erano l'incubo dei negozianti Ad incastrarli le numerose immagini di video sorveglianza
Arresti per tentato sequestro a scopo estorsivo. Il plauso del Sindaco Bruno Arresti per tentato sequestro a scopo estorsivo. Il plauso del Sindaco Bruno «Continuare ad essere compartecipi di ogni azione a difesa della comunità, della città intera»
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.