Auto dei carabinieri prende fuoco per corto circuito
Auto dei carabinieri prende fuoco per corto circuito
Cronaca

Auto dei carabinieri prende fuoco per corto circuito: leggermente intossicati due militari

E' accaduto questa mattina, intorno alle ore 12 nei pressi del casello autostradale

Erano di ritorno da una trasferta, i due militari del nucleo radiomobile della Compagnia Carabinieri di Andria, che questa mattina, intorno alle ore 12, sono rimasti coinvolti nell'incendio della loro autovettura di servizio, una Fiat Grande Punto, che ha preso fuoco per un corto circuito.

Stavano uscendo dal casello dell'A14 di Andria-Barletta, quando delle fiamme si sono sprigionate prima dal vano motore e poi all'interno dell'abitacolo. I due militari hanno cercato di spegnere l'incendio che si è sviluppato nel giro di poche decine di secondi, ma non vi è stato nulla da fare in quanto l'autovettura è stata avvolta dalle fiamme.

Immediatamente sul posto sono giunti, con i colleghi della locale Compagnia, con il Capitano Domenico Montalto ed il suo vice Tenente Pietro Zona, i Vigili del Fuoco da Barletta, anche i sanitari del 118 che hanno visitato sul posto i militari, a quanto sembra hanno respirato dei fumi sprigionati dall'incendio dell'autovettura.

Dell'accaduto stanno indagando gli agenti della sottosezione della Polizia Stradale di Trani che hanno effettuato i rilievi.
Auto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuitoAuto dei carabinieri prende fuoco per corto circuito
  • Carabinieri
  • carabinieri andria
  • autostrada a14
Altri contenuti a tema
Rubano poco più di 150 euro alla casa dell'acqua della parrocchia di San Riccardo Rubano poco più di 150 euro alla casa dell'acqua della parrocchia di San Riccardo Il furto con scasso è avvenuto questa notte. Indagano i Carabinieri
Ad Andria cabina di regia contro furti di olive e per scorte ai carichi di olio Ad Andria cabina di regia contro furti di olive e per scorte ai carichi di olio Richiesta da parte di Coldiretti, dopo denunce alle Forze dell'ordine su questa scottante problematica
Incendiate due auto nella notte: nelle vie D'Azeglio e Accetta. I VIDEO Incendiate due auto nella notte: nelle vie D'Azeglio e Accetta. I VIDEO Sul posto Vigili del Fuoco, Forze dell'ordine e personale degli istituti di vigilanza
Il Tenente Bonfardino Ufficiale al Merito della Repubblica Il Tenente Bonfardino Ufficiale al Merito della Repubblica All’ufficiale dell’Arma in congedo, già in servizio ad Andria l’alta onorificenza dal Capo dello Stato
Tenta di uccidere il padre a colpi di accetta: arrestato dai carabinieri Tenta di uccidere il padre a colpi di accetta: arrestato dai carabinieri E' accaduto a Minervino Murge. L'uomo è fuori pericolo e ricoverato presso l'ospedale "L. Bonomo" di Andria
Madre e figlio gestivano supermarket della droga nel centro cittadino Madre e figlio gestivano supermarket della droga nel centro cittadino Operazione compiuta dai militari della Compagnia di Andria
Stretta dei carabinieri sui furti di olive: già sventati due nelle campagne di Andria Stretta dei carabinieri sui furti di olive: già sventati due nelle campagne di Andria La rete dei controlli sta interessando i territori della Bat e Bari. Ed arrivano i primi arresti
A fuoco capannone nella zona PIP di Andria A fuoco capannone nella zona PIP di Andria Sul posto Polizia Locale, Vigili del Fuoco e Carabinieri
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.