rifiuti abbandonati in campagna
rifiuti abbandonati in campagna
Territorio

Anche la Regione scende in campo contro l'abbandono dei rifiuti: Andria tra i comuni "attenzionati"

Giro di vite contro gli sporcaccioni. Elevate multe ed aperti procedimenti penali nei confronti di altre questioni attinenti la tutela ambientale

Andria è tra i Comuni pugliesi su cui anche la Regione intende porre un freno alla pratica indiscriminata e deleteria dell'abbandono dei rifiuti.
"Il fatto di avere da oggi un regolamento della Sezione Regionale di Vigilanza che ne stabilisce struttura, organizzazione interna e modalità di funzionamento per lo svolgimento dei compiti di controllo e tutela del territorio, aiuterà non solo ad ottimizzare il lavoro di questo importante organo, ma ci permetterà anche di strutturare al meglio, con la preziosa collaborazione delle guardie ambientali, l'operazione di pulizia delle strade provinciali dai rifiuti abbandonati, che abbiamo iniziato a condividere con Ager e province". Così l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente Gianni Stea all'indomani dell'approvazione in via definitiva da parte dell'esecutivo pugliese del regolamento della sezione regionale di vigilanza, istituita con legge regionale n. 37 del 2015 con funzioni di controllo, tutela e rappresentanza del territorio.

Infatti, grazie proprio al corpo di vigilanza ambientale regionale che ha agenti distribuiti su tutto il territorio pugliese, vengono pattugliate e passate al setaccio le aree più soggette al fenomeno dell'abbandono illecito dei rifiuti. La sezione di vigilanza ambientale ad oggi è costituita da 83 unità lavorative, passate per effetto della Legge Delrio dalle province in capo alla Regione con funzioni di polizia amministrativa e ambientale. Entrato in attività nel luglio del 2018, il corpo di vigilanza ambientale della Regione Puglia solo nel 2019 ha svolto attività di controllo sui siti estrattivi, monitoraggio del rispetto dell'ordinanza del Presidente della giunta in materia di rifiuti, vigilanza nei siti della Rete Natura 2000, vigilanza rurale e presidio del territorio da cui sono emersi episodi di abbandoni di rifiuti segnalati ai Comuni e alle Province per gli adempimenti di competenza.

In particolare nelle province di Foggia e Barletta Andria Trani sono 53 le istruttorie concluse relative a siti estrattivi, di cui 4 si sono concluse con sanzioni amministrative e 2 con segnalazioni alla Procura della Repubblica; 60 sono le sanzioni amministrative elevate ad Aqp su impianti di depurazione degli scarichi reflui urbani. Particolarmente attenzionati dai vigili ambientali i territori di Spinazzola, Deliceto, Cerignola e Andria per accertare il rispetto delle ordinanze sui rifiuti. Nella provincia di Lecce l'attività dei vigili ambientali ha totalizzato 801 controlli nei siti della Rete Natura 2000, 31 nei siti estrattivi, di cui 8 cave controllate a seguito di segnalazioni, 14 verbali ammnistrativi, 7 segnalazioni di abbandono rifiuti, 4 sequestri e 6 comunicazioni di notizie di reato. Il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti è decisamente più evidente nelle province di Brindisi e nell'area metropolitana di Bari dove solo nei siti della Rete Natura 2000 ci sono state 92 segnalazioni. Sui siti estrattivi, invece, solo 3 le comunicazioni delle notizie di reato. Nella provincia di Taranto sono, invece complessivamente 24 i verbali amministrativi emessi per violazioni ambientali.
  • regione puglia
  • Rifiuti
  • ambiente
Altri contenuti a tema
Intervento di ripulitura per parte di corso Cavour, via Martiti di Cefalonia e piazza Municipio Intervento di ripulitura per parte di corso Cavour, via Martiti di Cefalonia e piazza Municipio Personale della Soc. Sangalli al lavoro da questa mattina, su disposizione della Gestione Commissariale. A breve altri interventi
Inchiesta procura di Foggia, Emiliano non più indagato: «Mi hanno ridato dignità» Inchiesta procura di Foggia, Emiliano non più indagato: «Mi hanno ridato dignità» Il governatore esulta: «Insussistente il reato di corruzione». Ma i 5 stelle attaccano: «In Regione problema con le nomine»
Debiti sul comparto rifiuti, Coratella M5S “ Ancora non sappiamo quanti debiti ha il Comune di Andria con l’ARO2BT” Debiti sul comparto rifiuti, Coratella M5S “ Ancora non sappiamo quanti debiti ha il Comune di Andria con l’ARO2BT” “Chiedo al Commissario prefettizio di riportare pubblicamente la situazione debitoria, in modo da fornire un quadro completo ai cittadini”
Procura di Foggia, sotto inchiesta anche il presidente Emiliano Procura di Foggia, sotto inchiesta anche il presidente Emiliano Il governatore: "Rispondo per una nomina mai effettuata, per non avere mai accolto le indicazioni di coloro che la peroravano"
Miscioscia, FareAmbiente: "La vera emergenza rifiuti è innanzitutto culturale" Miscioscia, FareAmbiente: "La vera emergenza rifiuti è innanzitutto culturale" Confermato il trend registrato ad Andria circa la raccolta differenziata
Cavalcavia sulla S.P. 1 Trani-Andria: la Regione stanzia 4 mln di euro Cavalcavia sulla S.P. 1 Trani-Andria: la Regione stanzia 4 mln di euro Lo annuncia il consigliere Caracciolo: ""Finiscono i disagi per gli operatori delle aziende presenti sul territorio e per tutti i cittadini"
Una bellissima soleggiata domenica di metà ottobre, tra rifiuti di ogni tipo dentro il boschetto di Sant'Agostino Una bellissima soleggiata domenica di metà ottobre, tra rifiuti di ogni tipo dentro il boschetto di Sant'Agostino Una ulteriore, sconvolgente testimonianza di quello che accade nelle nostre campagne da parte dell'arch. Francesco Nicolamariano
Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" La preoccupazione del Comitato Residenti Centro Storico di Andria
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.