Bollino
Bollino
Calcio

Fidelis, disco rosso in trasferta: 2-0 a Taranto

Viola e l'ex Bollino condannano gli andriesi alla terza sconfitta esterna

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Per la Fidelis Andria il tabù trasferta resta tale: terza sconfitta esterna consecutiva (dopo Foggia e Catanzaro) e prestazione che conferma alcune ombre emerse nel primo segmento del campionato. Allo "Iacovone" gli uomini di Favarin incassano un 2-0 con una rete per tempo al cospetto di una diretta concorrente per la permanenza in Lega Pro e, dunque, non si schiodano da quota 4 in graduatoria.

La prima emozione è di marca ionica: Balistreri calcia dal limite dell'area creando apprensione a Pop. La replica azzurra non si fa attendere: da un calcio piazzato di Mancino capita una buona opportunità sulla testa di Allegrini ma Maurantonio è abile nel deviare in angolo. Sembra un momento favorevole agli ospiti che con Mancino, su ottima sponda di Fall, si avvicinano alla porta avversaria senza inquadrarla. Al 27', tuttavia, i rossoblù si portano in vantaggio con l'ex Mauro Bollino al termine di un'azione ben orchestrata da De Giorgi: l'attaccante, sfruttando un perfetto cross dalla destra, batte imparabilmente di testa il portiere andriese. I padroni di casa premono sull'acceleratore ed è nuovamente De Giorgi a servire l'accorrente Garcia che, però, manda oltre la traversa.

La ripresa è inaugurata da una ghiotta opportunità per l'ariete Ameth Fall che spedisce a lato da posizione favorevole; dall'altra parte, invece, è Bollino ad usufruire invano dell'occasione per raddoppiare. La contesa si caratterizza per numerose ammonizioni mentre i due tecnici effettuano tutte le sostituzioni a disposizione. Il giovane Magnaghi sfiora il montante con un fendente dalla distanza, sul capovolgimento successivo l'Andria si rende insidiosa con un cross del subentrato Volpicelli che Fall non riesce a tramutare in rete. Il match non offre altri spunti sino ai minuti di recupero: la barriera mura un calcio di punizione di Berardino, si innesca il contropiede tarantino che conduce al fallo di Onescu su Viola. Dal dischetto l'ex foggiano raddoppia consegnando alla Fidelis numerosi dubbi sui quali si interrogano anche i tifosi.

Nelle altre gare della serata la capolista Lecce rallenta tra le mura amiche al cospetto della Casertana, risultato di cui approfitta la Juve Stabia che balza in seconda posizione regolando all'inglese il Siracusa. Domenica prossima la compagine di Favarin ospiterà nel consueto turno serale il pericolante Melfi.
TARANTO: Maurantonio, Altobello, Stendardo, Pambianchi, De Giorgi, Lo Sicco, Bobb (12'st Nigro), Garcia, Bollino, Magnaghi (33'st Balzano), Balistreri (18'st Viola). All. Papagni

FIDELIS ANDRIA: Pop, Tartaglia, Allegrini, Aya, Tito, Matera (26'st Starita), Piccinni, Onescu, Mancino (37'st Berardino), Fall, Cruz (15'st Volpicelli). All. Favarin
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.