Nicola Di Rito
Nicola Di Rito
Calcio

Fidelis Andria: prossime due gare senza Di Rito, Strambelli e Di Santo

La Commissione Disciplinare ha emesso sentenza ieri per una vicenda di novembre

Dopo la splendida partita disputata dalla Fidelis Andria di Nicola Ragno domenica scorsa contro il Quarto, vinta con il secco risultato di 4 a 0 al Degli Ulivi, è giunta una notizia inattesa quanto deleteria per i colori azzurri e per il team del Presidente Lotito: Nicolas Di Rito, Nicola Strambelli e Adriano Di Santo, sono stati squalificati per due turni, da scontare già in questa stagione, dalla Commissione Disciplinare Nazionale per una questione riferita al mese di novembre scorso quando i tre atleti vestivano la maglia del Monopoli. In particolare, il Procuratore Federale, aveva richiesto ben quattro giornate di squalifica poichè al termine del match del 18 novembre 2013 perso dai biancoverdi contro il Francavilla in Sinni per 3 a 1, nonostante la formazione barese fosse al terzo posto nella classifica della serie D, i tifosi del Monopoli entrarono in campo e fecero togliere le maglie agli atleti esattamente come quel famoso Genoa-Siena del 22 aprile 2012.

I tre, infatti, all'epoca dei fatti erano tesserati con la squadra barese prima di approdare nel mese di dicembre alla Fidelis Andria. La Commissione Disciplinare, ha emesso la sentenza ieri dopo lunghe indagini ed ha accolto parzialmente la tesi del Procuratore infliggendo solo due giornate di squalifica. I tre ragazzi del tecnico Ragno, dunque, salteranno sicuramente il match di ritorno a Quarto di domenica prossima e, se la Fidelis conserverà il vantaggio acquisito sul campo, salteranno anche la prima gara di finale per la serie D. I tre potrebbero tornare a disposizione in caso di ultimissimo atto e cioè in caso di finale di ritorno. La società di Corso Cavour ha scelto di non presentare ricorso per non aggravare la posizione dei tre atleti.
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.