Belle quattro parole

Vieni mo' proprio!

Latinismi dell'andriese

«Mo' se ne è andato!», «mo' ho finito!», «vieni mo' proprio!», «mo' che facciamo?». Il "mo'" usato nelle precedenti espressioni equivale all'avverbio italiano "adesso", "ora" o all'espressione "in questo momento". «Da mo' che sono arrivato!» vuol dire invece sono arrivato da un bel pezzo.

Avverbio così frequente in tante sollecitazioni andriesi con valore temporale, il mo' o mò è in realtà un derivato dell'avverbio latino "modo" che tra gli altri significati aveva proprio quello di "adesso", "ora".

Dante lo usa più volte nella sua Commedia: «Verdi come fogliette pur mo' nate» sono gli angeli del canto VIII del Purgatorio, «Questi spirti che mo' t'appariro» è un'espressione ricorrente.

Onore agli andriesi dunque che come altri cittadini meridionali, mantengono viva una parola antichissima (altro che togliere il latino a scuola!) e di uso letterario a dispetto di altre parlate settentrionali che l'hanno perduta.
    Ci rivedremo a Filippi! 22 giugno 2014 Ci rivedremo a Filippi!
    Avere le paturnie 8 giugno 2014 Avere le paturnie
    L'uovo di Colombo 1 giugno 2014 L'uovo di Colombo
    Sbolognare 25 maggio 2014 Sbolognare
    È lapalissiano! 18 maggio 2014 È lapalissiano!
    Avvocato del diavolo 11 maggio 2014 Avvocato del diavolo
    Il capro espiatorio 4 maggio 2014 Il capro espiatorio
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.