Belle quattro parole

In bocca al lupo

La magia nella lingua

È uno scongiuro che tutti dispensiamo, più o meno spesso, alle volte quotidianamente, in occasione dell'inizio di una nuova avventura o per propiziare il risultato di esperienze varie, insomma per augurare buona fortuna invochiamo: «In bocca al lupo!».

Questa esclamazione era rivolta in passato ai cacciatori cui si augurava il contrario di quello che si affermava, si sperava infatti che scampassero il lupo, che ne divenissero gli aguzzini e non le vittime. L'espressione ha dunque il valore di una formula apotropaica, si tratta cioè di parole in grado di allontanare, di scongiurare un'influenza malefica e negativa.

La risposta «crepi!» che tutti gli scaramantici pretendono per tale augurio estende a questo modo di dire la sorte che la lingua italiana ha rivolto a tanti altri nemici del vivere sociale; da sempre l'uomo ha sentenziato: «crepi l'avarizia, la miseria, l'astrologo!» e chi più ne ha più ne metta.

La lingua ha un potere magico, basta conoscere le parole giuste ed ogni male vi lascerà in pace.
    Ci rivedremo a Filippi! 22 giugno 2014 Ci rivedremo a Filippi!
    Avere le paturnie 8 giugno 2014 Avere le paturnie
    L'uovo di Colombo 1 giugno 2014 L'uovo di Colombo
    Sbolognare 25 maggio 2014 Sbolognare
    È lapalissiano! 18 maggio 2014 È lapalissiano!
    Avvocato del diavolo 11 maggio 2014 Avvocato del diavolo
    Il capro espiatorio 4 maggio 2014 Il capro espiatorio
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.