Belle quattro parole

Essere della compagnia della lesina

Lesinare vuol dire privare

Lesinare un sorriso è il contrario di elargire un sorriso, vuol dire farlo mancare e privarne qualcuno. Stessa cosa potremmo dire per un saluto che, se lesinato, risulterà sgarbato.

L'azione del lesinare ossia dell'essere tirchii, avari di qualcosa deriva dal nome di un oggetto, la lesina appunto, arnese dotato di un ago arcuato usato dal calzolaio per forare il cuoio ed ottenere i punti in cui far passare il filo per ricucire le scarpe.

Rispetto al suo significato letterale è più conosciuto da tutti il significato figurato della lesina che coincide con quello di spilorceria. Il tutto a partire da un'opera burlesca del 1589 intitolata La compagnia della lesina in cui i membri della suddetta compagnia erano così tirchi da comprare una lesina per potersi aggiustare le scarpe da soli.

In tutt'altro contesto, la "politica della lesina" fu il regime di rigoroso risparmio adottato dal governo di Quintino Sella all'indomani dell'Unità d'Italia.

Quando si tratta di sorrisi e saluti si può cercare invece di "spuntare la lesina", di essere più morbibi, di spenderne ed elargirne in quantità in barba a chi lesinerà sul ricambiarceli.
    Ci rivedremo a Filippi! 22 giugno 2014 Ci rivedremo a Filippi!
    Avere le paturnie 8 giugno 2014 Avere le paturnie
    L'uovo di Colombo 1 giugno 2014 L'uovo di Colombo
    Sbolognare 25 maggio 2014 Sbolognare
    È lapalissiano! 18 maggio 2014 È lapalissiano!
    Avvocato del diavolo 11 maggio 2014 Avvocato del diavolo
    Il capro espiatorio 4 maggio 2014 Il capro espiatorio
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.