Belle quattro parole

Allevare una serpe in seno

Fare bene non sta bene

La bontà e la generosità possono essere delle doti di natura o un impegnativo esercizio di virtù. Fortunata quell'indole generata con il senso dell'altruismo, forse meno encomiabili gli egoisti; tuttavia la morale di un'antica favola li discolpa dal non voler fare del bene a tutti i costi.

Fedro, Esopo e poi La Fontaine hanno favoleggiato nelle loro righe la storia di un tale che raccolse una serpe intirizzita dal freddo e se la scaldò in seno, misericordioso a suo danno, perché la serpe, quando si riprese, uccise subito quell'uomo. Un'altra serpe le chiese il motivo della sua mala azione e lei rispose: «Perché nessuno impari a far del bene ai perfidi».

«Chi porta aiuto ai cattivi, più tardi se ne duole», riporta un'altra versione. Avvalersi di un sano egoismo o al massimo fare del bene e scordarlo è il mio consiglio: quando si alleva una serpe in seno il meglio che possa capitare è la sua ingratitudine.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.