Aula giudiziaria sezione penale
Aula giudiziaria sezione penale
Cronaca

Uffici giudiziari trasferiti a Trani, protestano bar e tabaccai del circondario

Confesercenti sostiene la preoccupazione di chi ha le attività nelle sedi che saranno chiuse. Per l’associazione di categoria andrebbero spostati anche gli esercizi

Alcuni gestori dei pubblici esercizi di bar e rivendita di valori bollati e tabacchi presenti all'interno delle sezioni distaccate dei tribunali e degli uffici dei giudici di pace di Barletta, Trinitapoli e di altri Comuni pugliesi hanno lamentato presso la sede della Confesercenti provinciale incertezze sul prosieguo futuro delle proprie attività a seguito della entrata in vigore dei provvedimenti normativi relativi accorpamento degli uffici giudiziari distaccati e degli uffici dei giudici di pace.

«Dal prossimo 12 settembre – scrive l'associazione di categoria - i proprietari delle attività all'interno delle sedi in odore di chiusura sarebbero costretti a perdere il posto di lavoro, oltre al mancato ritorno degli investimenti effettuati per l'apertura dei suddetti esercizi. Val la pena ricordare che gli immobili presso cui vengono esercitate queste attività sono di proprietà dei Comuni che le concede con regolari contratti di locazione commerciale, alcuni dei quali anche rinnovati da poco tempo».

L'associazione di categoria chiede un intervento salva occupazione: «Sarebbe logico, oltre che giusto, prevedere la riallocazione e la sistemazione di queste attività presso le nuove sedi dei tribunali o degli uffici dei giudici di pace». Il direttore della Confesercenti provinciale, Raffaele Landriscina, ha chiesto un incontro nei prossimi giorni per cercare di trovare una soluzione ad un problema a cui nessuno sembra aver pensato.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.