Antonio Pistillo
Antonio Pistillo
Turismo

Turismo delle radici, ne parla l’ambasciatore andriese di Italia&Friends Antonio Pistillo

Dopo aver partecipato, a Matera, alla prima borsa internazionale dedicata al turismo di ritorno

Si è svolta in due appuntamenti, 20 e 21 novembre, a Matera, la prima borsa internazionale dedicata al turismo di ritorno nella terra d'origine, ovvero una rassegna fieristica che si rivolge ai discendenti di italiani che da più generazioni sono andati via a vivere in un altro paese. Un appuntamento completamente inedito, ma che secondo gli operatori del settore merita di essere approfondita poiché la ricerca e la scoperta delle origini di questi viaggiatori può offrire spunti importanti per il territorio e per la loro programmazione.

Durante la prima edizione di ROOTS in, a cui hanno aderito circa 200 seller provenienti da ogni parte d'Italia e rappresentati istituzionali da undici regioni italiane, ciascuna delle quali ha presentato le proprie offerte rivolte a questo specifico segmento di mercato, si è delineato il quadro e le buone pratiche da mettere a sistema, per poi approfondire nelle successive edizioni con l'inserimento di nuove tematiche.

Tra i partecipanti dell'iniziativa c'era l'ambasciatore andriese dei Saperi e Sapori di Puglia per Italia&Friends, Antonio Pistillo nonché uno dei componenti del rooting team di Letizia Sinisi, massima esperta di turismo delle radici ed autrice del libro "Turismo delle Radici un'opportunità per ripartire con il Rooting Experience Planning", il quale ci ha spiegato in maniera più dettagliata le finalità di questo mercato di nicchia e l'esperienza vissuta in prima persona al workshop. "Sono stati due giorni interessanti di approfondimenti, incontri, formazione, networking e business. Il Rooting Team nasce per portare avanti un progetto internazionale su un Turismo sostenibile, rappresentato proprio dalla ricerca delle "radici". Si tratta di un mercato largamente inesplorato e con un enorme potenziale: sono circa 80 milioni i discendenti degli Italiani nel mondo".

Quali ripercussioni, questi viaggiatori, possono generare sul nostro territorio?

L'indotto che può generare è molto interessante perché coinvolge Tour Operator che potranno organizzare viaggi ad hoc coinvolgendo le amministrazioni comunali soprattutto quelle dei Borghi da cui sono partite le maggiori emigrazioni. Importante è fornire strumenti per realizzare una programmazione volta a promuovere il turismo di ritorno con percorsi alla riscoperta del territorio, delle tradizioni e della gastronomia.

Attualmente che tipo di riscontro si sta registrando?

Vi è una inversione di tendenza oriundi o figli di oriundi che spinti dal desiderio di conoscere e proprie origini, scoprono posti in cui vorrebbero viverci anche grazie al lavoro Agile in cui si può lavorare da qualsiasi posto dotandolo di connessioni idonee. Il compito delle comunità è quello di sviluppare la rete di accoglienza ricettiva e a questo devono contribuire sia il pubblico che il privato.

Per che cosa si distingue da altri segmenti turistici?

E' differente, soprattutto, dal turismo di massa, perché questi viaggiatori desiderano soprattutto conoscere meglio e assaporare cultura, tradizioni e autenticità locali. Spesso la vacanza non è un pacchetto standard, ma è organizzata e ritagliata su misura per i bisogni di questi visitatori, che appaiono molto specifici. Infatti, sin dalla fase di progettazione del viaggio, i turisti delle radici richiedono un'assistenza continua e servizi personalizzati, la cui offerta spesso è tuttora carente".

Dopo aver vissuto questa esperienza formativa, cosa ti auspichi per il tuo territorio?

Sono orgoglioso di far parte con una "team leader" come la Professoressa Letizia Sinisi a cui vanno i migliori complimenti per il suo lavoro accurato nella ricerca strategica di questa tipologia di Turismo con un enorme valore aggiunto. Purtroppo la Puglia non è stata rappresentata adeguatamente a questo appuntamento importante. Spero che in futuro numerosi tour operator possano avvicinarsi con interesse a questa nuova realtà. In Puglia abbiamo borghi dove hanno subito uno spopolamento con forti emigrazioni verso gli Stati Uniti, ed è compito di chi sta studiando questo progetto del Turismo delle Radici invogliare gli oriundi a tornare per scoprire le peculiarità dei nostri territori sia dal punto di vista culturale dei loro avi che della ricerca delle esperienze e dei sapori enogastronomici, così da generare una nuova filiera turistica.
FB IMGFB IMGFB IMG
  • Turismo
  • Antonio Pistillo
Altri contenuti a tema
Ponte di Ognissanti: 10mila presenze nei musei, castelli e parchi pugliesi. Al primo posto è sempre Castel del Monte Ponte di Ognissanti: 10mila presenze nei musei, castelli e parchi pugliesi. Al primo posto è sempre Castel del Monte Oltre 4mila le persone che hanno varcato la soglia del monumento patrimonio Unesco
I rincari energetici mettono in crisi il turismo rurale: a rischio 950 strutture pugliesi I rincari energetici mettono in crisi il turismo rurale: a rischio 950 strutture pugliesi In quasi 2 comuni su tre sono presenti strutture agrituristiche con una netta prevalenza dei piccoli comuni
Puglia, record storico per il turismo estivo: a giugno, luglio ed agosto 2022 più di 10 mln di presenze e oltre 2 mln di arrivi Puglia, record storico per il turismo estivo: a giugno, luglio ed agosto 2022 più di 10 mln di presenze e oltre 2 mln di arrivi I principali mercati di origine esteri, in termini di arrivi, sono Francia, Germania, Svizzera, Regno Unito e USA
Week-end a Ischia, consigli pratici per la vacanza Week-end a Ischia, consigli pratici per la vacanza Consigli per un fine settimana speciale
L'estate dei grandi numeri: Castel del Monte si conferma la meta preferita dal pubblico con oltre 60 mila presenze in due mesi L'estate dei grandi numeri: Castel del Monte si conferma la meta preferita dal pubblico con oltre 60 mila presenze in due mesi I dati della Direzione Regionale Musei Puglia: "medaglia d’argento per il Castello di Bari con quasi 25 mila turisti nel medesimo periodo"
Cultura e turismo, Civita: «Sinergia per valorizzare il nostro patrimonio» Cultura e turismo, Civita: «Sinergia per valorizzare il nostro patrimonio» Il consigliere andriese propone alle istituzioni di optare verso forme di collaborazione, per promuovere il tessuto economico-culturale del territorio
Estate 2022, cresce la spesa media dei turisti in Italia ma non in Puglia che rimane bassa Estate 2022, cresce la spesa media dei turisti in Italia ma non in Puglia che rimane bassa Questo ed altro ancora in una indagine resa nota da Coldiretti Puglia
Economia post pandemia: per la Puglia il futuro del turismo sarà sempre più legato alla cultura Economia post pandemia: per la Puglia il futuro del turismo sarà sempre più legato alla cultura Intervento di analisi sviluppo di Emmanuele Daluiso, Vice Presidente EuroIDEES-Bruxelles e membro dell'AISRE-Associazione Italiana di Scienze Regionali
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.