Truffe ad anziani
Truffe ad anziani
Cronaca

Truffa ad anziani nel barese, non si escludono casi anche ad Andria

Identificato ed arrestato su ordine di custodia cautelare un finto impiegato comunale. VIDEO

I militari della Stazione di Acquaviva delle Fonti e di Sammichele di Bari in collaborazione con i Carabinieri della Compagnia CC Napoli Stella hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP Tribunale di Bari, dott. Francesco Agnino, su richiesta del Pubblico Ministero dott. Ignazio Abbadessa della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 49enne residente a Secondigliano (NA), ritenuto responsabile di furti aggravati e truffe commesse ai danni di anziani, nei Comuni di Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari, Martina Franca (TA) e Adelfia.

I fatti contestati risalgono al periodo agosto – ottobre 2018, allorquando l'uomo, al fine di procurarsi un profitto, si introduceva in casa delle anziane vittime, spacciandosi per geometra o dipendente comunale incaricato di effettuare rilievi per agevolare le vittime nell'esenzione del pagamento delle imposte immobiliari.

Una volta all'interno dell'abitazione ai malcapitati chiedeva un aiuto per effettuare delle misurazioni con una rullina metrica e, approfittando della loro temporanea distrazione, con destrezza si impossessava di varie carte bancomat con relativi pin oppure di denaro o preziosi.

Indagini sono in corso anche ad Andria perchè non si esclude che fatti analoghi possano essere accaduti ai danni di persone anziane della nostra città.

Complessivamente il malfattore è stato riconosciuto colpevole di 6 fatti reati; 5 furti aggravati commessi avvalendosi di mezzo fraudolento (consistito nell'ingannare le anziane vittime fingendosi geometra comunale o pubblico impiegato) e con destrezza (consistita nell'approfittare della temporanea distrazione degli anziani quasi tutte ultra ottantenni).
Ai suddetti delitti si aggiunge una truffa consumata sempre in Sammichele di Bari, ove il malvivente, presentatosi quale "tecnico comunale", con artifici e raggiri, consistiti nel rappresentare la possibilità di non pagare la tassa rifiuti, si faceva consegnare dall'anziana vittima la somma di 100,00 euro.

Complessivamente, nel periodo in riferimento, il 49enne era riuscito a sottrarre ai malcapitati:

- la somma complessiva di 1.120,00 euro, prelevate presso gli istituti di credito mediante i bancomat rubati nelle abitazioni;
- 2.350,00 euro in contanti;
- un cofanetto di monili in oro per un valore di euro 10 mila euro.

Fondamentali per addivenire all'identificazione del responsabile di tali fatti sono state le prime indagini condotte dalla Stazione Carabinieri di Acquaviva delle Fonti. I militari di quella Stazione, attivati subito dopo la commissione del primo furto avvenuto in un'abitazione di quel centro, riuscivano a ricostruire la via di fuga del malvivente, risalendo così ai suoi spostamenti fino ad individuare l'autovettura utilizzata dallo stesso, una berlina di colore nero parcheggiata lontano dall'obiettivo colpito.

Le successive indagini, condotte in collaborazione con la Stazione di Sammichele di Bari e con la Compagnia Carabinieri di Napoli Stella, hanno permesso di procedere alla compiuta identificazione del truffatore e quindi al suo concreto e reale coinvolgimento nei vari episodi delittuosi, e cioè: in due furti commessi ad Acquaviva delle Fonti in data 21 agosto e 6 settembre 2018, in uno commesso in Sammichele di Bari il 13 settembre successivo, in Adelfia ed in Martina Franca, rispettivamente il 18 settembre ed il 28 agosto 2018, nonché in una truffa perpetrata in Sammichele di Bari il 4 ottobre scorso.

Il 49enne che ha sempre agito da solo e che era solito raggiungere i territori pugliesi per poi rientrare in Campania dopo i vari colpi, dovrà anche rispondere dei reati di sostituzione di persona e dei prelievi fraudolenti effettuati mediante bancomat. Per il 49enne è si sono così aperte le porte della Casa Circondariale di Napoli Poggioreale, dovendo rispondere dalle gravi accuse a lui mosse.

  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Truffe agli anziani: i Carabinieri di Andria lo spiegano ai fedeli della chiesa della SS. Trinità Truffe agli anziani: i Carabinieri di Andria lo spiegano ai fedeli della chiesa della SS. Trinità Incontro questa mattina presso l'auditorium parrocchiale. Interventi del Lgt. CC Guido Dante e del parroco Don Giuseppe Bonomo
Colpo fallito alla filiale Credem di via Annunziata: indagano i Carabinieri Colpo fallito alla filiale Credem di via Annunziata: indagano i Carabinieri Un colpo preparato nei minimi particolari, niente lasciato al caso
Furto di fitofarmaci la notte scorsa ad Andria: indagano i Carabinieri Furto di fitofarmaci la notte scorsa ad Andria: indagano i Carabinieri I ladri sono penetrati all'interno di un autoparco. Portato via un notevole quantitativo di concimi, per un valore di circa 40 mila euro
Carabiniere libero dal servizio sventa un tentativo di furto da parte di una banda di cerignolani e ne cattura uno Carabiniere libero dal servizio sventa un tentativo di furto da parte di una banda di cerignolani e ne cattura uno L'episodio è avvenuto a Barletta la notte scorsa. Il militare è in servizio presso il nucleo radiomobile CC di Andria
Furto al servizio veterinario della Asl Bat, denunciata una persona Furto al servizio veterinario della Asl Bat, denunciata una persona Recuperata dai Carabinieri parte della refurtiva
Furto agli Uffici Asl/Bt di via De Anellis: i Carabinieri sono sulle tracce dei ladri Furto agli Uffici Asl/Bt di via De Anellis: i Carabinieri sono sulle tracce dei ladri Ingente il bottino, una dozzina di computer tra fissi e portatili. Messi a soqquadro scrivanie ed armadi
28 misure cautelari per spaccio a Bisceglie: coinvolto anche un andriese 28 misure cautelari per spaccio a Bisceglie: coinvolto anche un andriese Usavano figli minorenni per trasportare e consegnare droga
Furti d'auto: arrestati tre pregiudicati bitontini in trasferta Furti d'auto: arrestati tre pregiudicati bitontini in trasferta Fermati dai Carabinieri di Andria dopo un rocambolesco inseguimento sulla ex 231
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.