Pozzo
Pozzo
Cronaca

Timori per possibile inquinamento acque del pozzo n.4 della Regione

Per il vicino pozzo artesiano della famiglia Ferri, il Sindaco ha dichiarato il divieto di emungimento

Con apposita ordinanza sindacale, la n. 380 dell'8 agosto 2018, é stato disposto alla famiglia Ferri di Andria di non emungere e di non utilizzare le acque del proprio pozzo artesiano, situato nella loro proprietà su via vecchia Barletta, in merito al rischio per la salute umana derivante dalla non conformità delle acque ai valori di parametro.

Questa è la decisione che è stata presa dal Primo Cittadino di Andria, quale massima autorità in tema di igiene e salute pubblica, a seguito di rilievi che nel corso di questi mesi la famiglia Ferri, abitante appunto in via vecchia Barletta ha effettuato, prima privatamente e poi attraverso certificazioni di enti pubblici, i quali hanno stabilito la presenza di Cloruro di Vinile e Tetracoloroeilene. Non solo, nella stessa acqua, per gli aspetti biologici è stata evidenziata la presenza di carica batterica a 22°C pari a 20 UFC/ml e quindi la tossicità delle acque analizzate. In parole semplici quest'acqua è altamente pericolosa per la salute degli esseri viventi.

Adesso si teme che un vicino pozzo di proprietà della Regione Puglia, il numero 4, che emunge anch'esso acqua dalla sottostante falda freatica, possa avere immesso nelle tubazioni per l'irrigazione di campi, di un vasto bacino riguardante terreni posti anche nei vicinori territori di Barletta e Trani, la stessa acqua inquinata.
La vicenda, partita su impulso della stessa famiglia Ferri -che tempo addietro aveva notato strane presenza nell'acqua del proprio pozzo e seguita dall'emittente televisiva TeleSveva- ha visto intervenire su questo caso varie istituzioni, tra cui l'ARPA Puglia, i NAS dei Carabinieri e la Asl/Bt (Dipartimento di Prevenzione), che a seguito di apposito campionamento, ha quest'ultima dichiarato tali acque "pericolose per la salute".

Adesso, alla luce di questa grave situazione di pericolosità verificatasi, la collettività si chiede se persistono pregiudizi igienico sanitari e di incolumità per la salute pubblica e privata anche riguardo l'acqua che viene emunta dal pozzo di proprietà regionale, appunto il n. 4, situato anche'esso su via vecchia Barletta e vicino a quello di proprietà della famiglia Ferri da cui viene emunta acqua che serve per irrigare i tantissimi campi situati non solo in territorio di Andria ma anche verso quelli posti a ridosso e situati nei comuni di Barletta e Trani.
  • asl bat
  • regione puglia
  • inquinamento andria
  • carabinieri nas
  • ambiente
Altri contenuti a tema
Elezioni politiche, Caracciolo (Pd): "Serve un cambio di passo". J' accuse alla segreteria nazionale e a quella regionale Elezioni politiche, Caracciolo (Pd): "Serve un cambio di passo". J' accuse alla segreteria nazionale e a quella regionale "La strada da seguire deve portarci ad un ritorno alla democrazia rappresentativa. Le grigie logiche di partito conducono alla sconfitta, bisogna tornare in strada a dialogare con le persone”
Monumenti pugliesi: Aperture straordinarie, visite guidate, mostre, musica e convegni Monumenti pugliesi: Aperture straordinarie, visite guidate, mostre, musica e convegni Ricco il cartellone di eventi di questo week end
Quarta dose anticovid: Andria si attesta al 63% Quarta dose anticovid: Andria si attesta al 63% Le città con la più elevata percentuale di dosi di richiamo sono Trani con il 67%, Barletta con il 66%, Canosa di Puglia e Bisceglie con il 65%
La Asl Bt effettua la 1^ donazione di organi a domicilio in Puglia grazie al coordinamento del servizio 118 diretto dal dr. Iacobone La Asl Bt effettua la 1^ donazione di organi a domicilio in Puglia grazie al coordinamento del servizio 118 diretto dal dr. Iacobone Un 40enne di Spinazzola, residente a Milano e affetto da un tumore cerebrale, ha deciso di vivere i suoi ultimi momenti nella città in cui è nato
Covid, numeri in attenuazione Covid, numeri in attenuazione Incoraggiante tendenza alla diminuzione complessiva dei casi positivi
Offerta di lavoro, Centri impiego Bat: quasi 1200 curricula inviati alle aziende da giugno a settembre Offerta di lavoro, Centri impiego Bat: quasi 1200 curricula inviati alle aziende da giugno a settembre Il settore al vertice della classifica è "Commercio e artigianato", con 140 figure professionali, seguito da "Costruzioni, impianti e immobiliare" con 49 posizioni aperte
Aumento dei costi dell'energia: mai così alto il prezzo del pane, anche di 12 volte Aumento dei costi dell'energia: mai così alto il prezzo del pane, anche di 12 volte L'impennata dell'inflazione che peserà sul carrello dei pugliesi di oltre 420.000 milioni di euro soltanto per la spesa alimentare
Sul caso Cianci, Emiliano bacchettato dalla Camera penale di Trani. Chiesta la rettifica delle dichiarazioni Sul caso Cianci, Emiliano bacchettato dalla Camera penale di Trani. Chiesta la rettifica delle dichiarazioni Avvocato De Pascalis: «Grave esternare tali affermazioni senza che si sia giunti ad un accertamento di penale responsabilità»
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.