sant'angelo dei ricchi
sant'angelo dei ricchi
Vita di città

​Sant'Angelo riaperto ma alcuni atleti si allenano per strada. Cos'è andato storto?

Prof. Tortora: "Costretto a portare fuori i talenti andriesi a causa di una pista malmessa"

Con l'inaugurazione dello stadio di Sant'Angelo dei Ricchi, lo scorso 26 ottobre, la comunità sportiva andriese ha potuto riabbracciare la sua casa. Infatti, dopo circa due anni e mezzo dall'inizio dei lavori di riqualificazione della struttura sportiva, quali il rifacimento del campo di gioco con superficie in erba sintetica, il riadattamento della tribuna con i suoi quasi 1400 posti a sedere ed il ripristino della relativa copertura, la ristrutturazione dei servizi tecnici e la conversione a gas metano degli impianti di riscaldamento per i locali e le docce, l'impianto è tornato in funzione.

Tuttavia, parte della comunità sportiva andriese continua a non avvalersi della struttura. Si tratta, nello specifico, degli atleti seguiti dal prof. Pino Tortora, presidente dell'A.s.d. Belvedere, che allena i suoi ragazzi nei pressi della villa comunale o negli impianti di Barletta.

Alla nostra di richiesta di motivare questa scelta ha risposto: "Ho smesso di tesserare gli atleti andriesi nella Belvedere non potendo assicurar loro un luogo idoneo agli allenamenti. Infatti, i lavori del Sant'Angelo non hanno previsto la manutenzione della pista di atletica, che anzi risulta ulteriormente danneggiata dal passaggio delle macchine utilizzate per il rifacimento del campo da calcio".

Lontano dall'intento di puntare il dito contro un politico o un'amministrazione, Tortora anela alle pari opportunità per tutti gli sport, per il calcio quanto per la "Regina atletica", come la definisce lui.

"È un peccato - continua l'allenatore ormai in pensione, che prosegue il suo lavoro per passione - essere costretti a tesserare altrove i nostri ragazzi, ponendo le vittorie andriesi sotto i colori di un'altra città". "Cosa è andato storto?", gli abbiamo chiesto. "È mancata una programmazione sinergica tra amministrazioni e tecnici", ha risposto.

Tra gli sportivi andriesi allenati da Tortora ricordiamo Vito Di Bari, tesserato Virtus Lucca, classificatosi primo nella I tappa del Trofeo Puglia di Marcia e Nicola Lomuscio, il quindicenne che lo scorso ottobre ha dominato la gara dei 5000m marcia che si è svolta ai Campionati Italiani Cadetti (under 16) a Rieti conquistando il titolo nazionale. Nicola, tesserato per l'Atletica Giovanile Acquaviva, ha affermato: "Alcuni di noi hanno portato il nome della nostra città sia a livello nazionale che a livello europeo. Siamo stati poi invitati all'inaugurazione del Sant'Angelo, ma davanti ai nostri occhi si è aperta una pista di atletica piena di rattoppi, buche e in alcuni tratti coperta d'asfalto; praticamente inutilizzabile. Si è posta attenzione per il rifacimento del campo da calcio, ma poca o nulla per l'atletica, per tutte le persone che praticano atletica leggera in maniera agonistica e non, costretta ad allenarsi per strada, tra le macchine, lo smog e cattivi odori di vario genere dato il mercato settimanale, senza un bagno né uno spogliatoio, costretti a cambiarsi nelle macchine o nel bel mezzo della pineta. Alcune volte siamo ospitati dai paesi limitrofi che ci forniscono le loro strutture. Nonostante gli immensi sforzi per il conseguimento dei buoni risultati, ci sentiamo poco considerati".

A questo punto, che fare? "Mi rendo conto della difficoltà nel reperire ulteriori fondi per rimettere a regime la pista - afferma Tortora - ma ci piacerebbe che per il futuro ci fosse maggior dialogo con le istituzioni. Continueremo a formare i ragazzi sui valori sani che lo sport trasmette, quali determinazione e lealtà, ma ci piacerebbe che l'amministrazione mostrasse la sua vicinanza attraverso incentivi e riconoscimenti. Noi faremo del nostro meglio per portare in alto il nome della città".
WhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image at
  • Stadio Sant'Angelo dei Ricchi
Altri contenuti a tema
Virtus Andria - Canosa, tagliandi in vendita solo a residenti andriesi Virtus Andria - Canosa, tagliandi in vendita solo a residenti andriesi Lo ha disposto la Prefettura di Barletta-Andria-Trani
Lo sport andriese riabbraccia la sua casa: inaugurato ufficialmente il nuovo Sant'Angelo dei Ricchi Lo sport andriese riabbraccia la sua casa: inaugurato ufficialmente il nuovo Sant'Angelo dei Ricchi Taglio del nastro, premiazioni e sfide amichevoli tra le scuole calcio locali sul nuovo manto in erba sintetica
Stadio Sant'Angelo dei Ricchi: finisce la storia infinita Stadio Sant'Angelo dei Ricchi: finisce la storia infinita Il 26 ottobre la riapertura, terminati i lavori di riqualificazione della struttura
Chiuso il Sant'Angelo dei Ricchi. Sbarrato il dialogo con l'ass. Lopetuso Chiuso il Sant'Angelo dei Ricchi. Sbarrato il dialogo con l'ass. Lopetuso 2 anni e 2 mesi di ritardo nella consegna mentre nessuna spiegazione giunge dalle istituzioni
Stadio “Sant’Angelo dei Ricchi”, Pd Andria: "Continua l’imbarazzante odissea dell’impianto sportivo" Stadio “Sant’Angelo dei Ricchi”, Pd Andria: "Continua l’imbarazzante odissea dell’impianto sportivo" Sulla incompiuta ristrutturazione di questo impianto sportivo si attendono le risposte del Sindaco Giorgino
Stadio Sant’Angelo dei Ricchi, ass. Lopetuso assicura: «A fine settembre la riapertura» Stadio Sant’Angelo dei Ricchi, ass. Lopetuso assicura: «A fine settembre la riapertura» Sembra giunta al termine l’odissea della struttura sportiva chiusa per manutenzione l’11 febbraio 2016
Stop agli allagamenti in via Bisceglie e nuova apertura dello stadio Sant’Angelo dei Ricchi Stop agli allagamenti in via Bisceglie e nuova apertura dello stadio Sant’Angelo dei Ricchi Giornata storica per la città di Andria: si completano due importanti opere pubbliche
Stadio Sant'Angelo dei Ricchi, avv. Vincenzo Coratella: "Assessore Grumo è tempo di andare a casa!" Il Video Stadio Sant'Angelo dei Ricchi, avv. Vincenzo Coratella: "Assessore Grumo è tempo di andare a casa!" Il Video Dal 16 aprile sono trascorsi oltre 50 giorni ma la struttura sportiva non è stata ancora consegnata alla città
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.