San Biagio ad Andria il rito della
San Biagio ad Andria il rito della "benedizione della gola"
Religioni

San Biagio: alla parrocchia di San Francesco d’Assisi il rito della "benedizione della gola"

Si è rinnovato, nel giorno della memoria liturgica del compatrono della Diocesi di Andria, la cerimonia compiuta con due candele incrociate

Si è rinnovato presso la parrocchia San Francesco d'Assisi, nel giorno della memoria liturgica di San Biagio, già compatrono della Diocesi di Andria, il suggestivo rito della "benedizione della gola", compiuto con due candele incrociate.
È opportuno ricordare che, secondo tradizione, bastava apporre un paio di candele incrociate al collo il giorno dopo la solennità di San Biagio, per immunizzare la gola da qualsiasi infezione.
Infatti, con riferimento alle notizie biografiche sul Santo rilevabili dall'agiografia dello storico Camillo Tutini (1594 – 1667) che attinse numerose testimonianze tramandate oralmente, si rileva che Biagio fu medico e vescovo di Sebaste in Armenia, il suo martirio avvenne durante le persecuzioni dei Cristiani, intorno al 316, sotto l'imperatore Valerio Licinio (308 – 324). Catturato dai Romani fu picchiato e scorticato vivo con dei pettini di ferro, quelli che venivano usati per cardare la lana e decapitato per aver rifiutato di abiurare la propria fede in Cristo.
Si tratta di un Santo molto venerato sia in Occidente che in Oriente. Tra la popolazione il Santo viene ricordato per la guarigione, avvenuta durante il periodo della sua prigionia, di un ragazzo da una lisca di pesce conficcata nella gola. Ecco perché San Biagio viene invocato per la guarigione delle prime vie respiratorie. Rimane, comunque, una figura misteriosa in bilico tra storia e leggenda. La data della sua festa, in origine il 2 febbraio, fu spostata al giorno seguente, tre febbraio, per cedere il posto alla festa della Purificazione di Maria, comunemente detta La Candelora.
Durante la celebrazione di domenica 4 febbraio 2024 in San Francesco, il Parroco don Gianni Agresti, ha ricordato la figura di San Biagio e, al termine della celebrazione, ha rinnovato il suggestivo rito apponendo le candele incrociate alla gola dei fedeli.
In Chiesa è stata esposta la statua del Santo che presenta i simboli delle candele e del pettine per cardare la lana. Inoltre, sono stati simbolicamente distribuiti dei tarallini con la preghiera di San Biagio.
Don Gianni Agresti ha evidenziato come San Biagio sia rappresentato nella tela dell'Altare laterale della Chiesa con il simbolo del suo martirio, il pettine per cardare la lana ed in mano la palma, simbolo del martirio.
Questo Altare, viene così descritto dallo storico Mons. Merra "Quello di S. Biagio, di S. Bonaventura, di Sant'Antonio Abate e della Madonna del Carmine, nel 1888, fu fatto di marmo dai devoti del medico, vescovo e martire di Sebaste, S. Biagio."
Mentre lo storico Borsella descrive lo stesso altare come segue :"Nel terzo altare la Madonna degli Angioli cui soggiacciono S. Biagio, S. Antonio Abate e S. Bonaventura; la di cui berretta di porpora gli viene presentata da due Serafini nell'ovato S. Bernardino da Siena in abito claustrale, con lunga stola."
Solo da questi cenni si comprende quale scrigno di fede, tradizioni, arte e grande cultura sia l'antica Chiesa di San Francesco come le altre Chiese del Centro Storico.
Vi invitiamo a frequentare, visitare ed osservare il nostro patrimonio storico religioso. Sicuramente ogni Messa domenicale può essere occasione anche di arricchimento culturale.
Per chi volesse approfondire questi temi presso la Biblioteca Diocesana "San Tommaso d'Aquino" di Andria è disponibile una ricca bibliografia. (Rosangela Laera)
San Biagio ad Andria il rito della "benedizione della gola"San Biagio ad Andria il rito della "benedizione della gola"San Biagio ad Andria il rito della "benedizione della gola"
  • Diocesi di Andria
  • chiesa di san Francesco
Altri contenuti a tema
Mons. Renna ospite della scuola di politica della diocesi di Andria Mons. Renna ospite della scuola di politica della diocesi di Andria "La democrazia che verrà" il tema dell'incontro che si è svolto nell'auditorium della parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Eletta Maria Selvarolo, Presidente dell'Azione Cattolica Diocesana di Andria Eletta Maria Selvarolo, Presidente dell'Azione Cattolica Diocesana di Andria "Accanto ad una nuova nomina sorgono timori, sensazioni di inadeguatezza di fronte ad un incarico molto complesso, delicato, impegnativo"
Il progetto diocesano "Senza Sbarre" giunge in Capitanata Il progetto diocesano "Senza Sbarre" giunge in Capitanata Martedì 23 aprile, ore 18 presso la sala del Tribunale, Palazzo Dogana a Foggia. Ci saranno Don Riccardo Agresti ed il Giudice Giannicola Sinisi
Incontro su “La democrazia che verrà:  trasformazioni democratiche per una scelta consapevole” Incontro su “La democrazia che verrà: trasformazioni democratiche per una scelta consapevole” L’Arcivescovo di Catania Mons. Renna ospite del quarto convegno cittadino organizzato dal Forum Socio Politico di Andria
Morto monsignor Alberto di Chio: era nativo di Andria Morto monsignor Alberto di Chio: era nativo di Andria Era stato ordinato presbitero il 29 giugno 1967 nella Chiesa della SS. Annunziata ad Andria da monsignor Francesco Brustia
Diocesi di Andria: "La politica come risoluzione dei conflitti”, un momento di spiritualità per gli amministratori locali Diocesi di Andria: "La politica come risoluzione dei conflitti”, un momento di spiritualità per gli amministratori locali “Trasformare le lance in falci”, sabato 23 marzo 2024, a Canosa di Puglia presso il Centro ricerche della Farmalabor
La devozione a Maria SS.ma Addolorata La devozione a Maria SS.ma Addolorata Uno scritto di Don Giannicola Sac. Agresti ci svela alcuni retroscena di fede e devozione
Concerto meditazione in ricorrenza del II centenario dell'Arciconfraternita Maria SS. Addolorata Concerto meditazione in ricorrenza del II centenario dell'Arciconfraternita Maria SS. Addolorata "Mendicanti di Dio" è stato il titolo della prima delle tre serata dedicate all'evento
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.