Robot da Vinci
Robot da Vinci
Vita di città

Robotica in sanità, Amati: "Spreco immorale di soldi"

Dodici al momento i robot presenti in Puglia, uno al Bonomo di Andria

"Sulla chirurgia robotica è purtroppo tutto confermato. Dopo aver rincorso la ricostruzione dei dati, peraltro ancora parziale e stranamente non a disposizione della Regione, l'Agenzia regionale per la salute - AReSS ha confermato i nostri sospetti. I 6 robot a disposizione del servizio pubblico sono ampiamente sottoutilizzati e determinano uno spreco immorale di soldi. Basti pensare che con riferimento ai contratti di service, le prestazioni effettuate non sono nemmeno pari ai kit di materiale di consumo che le Asl devono comunque pagare. L'approfondimento continua e ora convocheremo in audizione tutte le Aziende che non hanno ancora risposto, non si sa per nascondere cosa, al questionario AReSS, così da poter chiedere un piano d'incremento e ottimizzazione del lavoro delle macchine. Ringrazio il DG AReSS Giovanni Gorgoni e la dirigente Elisabetta Graps, per il forte senso del dovere dimostrato in questa come in altre occasioni".
Lo dichiara il presidente della Commissione regionale bilancio e programmazione Fabiano Amati.
"Avere un robot e utilizzarlo al massimo delle sue possibilità e con appropriatezza è una necessità di salute. Non farlo, ossia averlo a disposizione senza raccogliere tutto il suo potenziale, è un atto di disprezzo dei malati e delle tasche dei cittadini.
Era già stupefacente osservare l'esistenza di questa diffusa rete d'innovazione tecnologica, senza aver fatto un preventivo piano d'utilizzo e senza poter fornire i dati di attività.
Ora che questi dati d'attività cominciano a comporsi, e nemmeno completamente, il quadro restituito è spaventoso.
E infatti non si capisce per quale motivo le macchine utilizzate dal privato lavorano di più di quelle a disposizione delle strutture pubbliche.
I robot attualmente in esercizio in Puglia, sono da ieri 12: 3 al Miulli di Acquaviva; 2 al Policlinico di Bari, 1 alla Mater Dei di Bari; 1 agli Ospedali riuniti di Foggia; 1 alla Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo; 1 al Panico di Tricase; 1 al Bonomo di Andria; 1 al Vito Fazzi di Lecce; 1 al SS Annunziata di Taranto.
Limitandoci alla lettura dei dati relativi al 2022 e comparando i dati dei 6 robot pubblici con i 2 del Miulli - il terzo sta per entrare in attività - viene fuori il seguente scenario.
Miulli. Con 2 robot il totale degli interventi è stato di 505, di cui 144 prostatectomie senza complicanze, 79 prostatectomie con complicanze, 115 altri interventi di urologia e 167 altri interventi.
Policlinico di Bari. I dati del 2022 non sono disponibili. Nel 2021 e con 2 robot il totale degli interventi è 316, di cui 125 prostatectomie senza complicanze, 4 prostatectomie con complicanze, 135 altri interventi di urologia e 52 altri interventi.
Foggia. Con 1 robot il totale degli interventi è stato di 243, di cui 145 prostatectomie senza complicanze, 7 prostatectomie con complicanze, 84 altri interventi di urologia e 7 altri interventi.
Lecce. Con 1 robot il totale degli interventi è stato di 196, di cui 53 prostatectomie senza complicanze, 4 prostatectomie con complicanze, 46 altri interventi di urologia e 93 altri interventi.
Andria. Con 1 robot il totale degli interventi è stato di 182, di cui 47 prostatectomie senza complicanze, 48 prostatectomie con complicanze, 39 altri interventi di urologia e 48 altri interventi.
Taranto. Con 1 robot il totale degli interventi è stato di 28, di cui 6 prostatectomie senza complicanze, 17 prostatectomie con complicanze e 5 altri interventi.
Si precisa che i robot di Lecce e Taranto sono entrati in esercizio nel 2022"./comunicato
  • fabiano amati
Altri contenuti a tema
Nuovo ospedale Bat: il resoconto della 1^ commissione, presieduta da Fabiano Amati Nuovo ospedale Bat: il resoconto della 1^ commissione, presieduta da Fabiano Amati La Dg dell'Asl BT ha informato la Commissione che il Piano clinico gestionale è stato rivisto
Nuovi ospedali Andria, Maglie-Melpignano e monoblocco Foggia, Amati: “Situazione compromessa. Commissariare burocrazia”  Nuovi ospedali Andria, Maglie-Melpignano e monoblocco Foggia, Amati: “Situazione compromessa. Commissariare burocrazia”  Ancora una volta va giù pesante il presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione Fabiano Amati
Nuovi ospedali. Amati: “Nessuna notizia. Sostengo opinione Palese. Aspettiamo che burocrati mettano tutto nero su bianco” Nuovi ospedali. Amati: “Nessuna notizia. Sostengo opinione Palese. Aspettiamo che burocrati mettano tutto nero su bianco” "Una relazione scritta, in grado di puntualizzare le cose, così da metterci nelle condizioni di esercitare al meglio i nostri poteri d’indirizzo e controllo"
Nuovo ospedale Andria, Amati: “Torna di II livello, a prescindere dall’arrampicata sugli specchi di Montanaro" Nuovo ospedale Andria, Amati: “Torna di II livello, a prescindere dall’arrampicata sugli specchi di Montanaro" "Eleggendo capro espiatorio la Asl Bt. Ringrazio Emiliano e allego atti”, dichiara il consigliere regionale
Nuovo ospedale di Andria: declassamento da II al I livello Nuovo ospedale di Andria: declassamento da II al I livello La nota è del presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione, Fabiano Amati
Nuovo ospedale di Andria, Amati: “Tempi lunghi e situazione grave. I cittadini e comitati alzino la voce” Nuovo ospedale di Andria, Amati: “Tempi lunghi e situazione grave. I cittadini e comitati alzino la voce” "Solo il sindaco Giovanna Bruno abbia compreso a fondo la gravità dei ritardi", sottolinea preoccupato il consigliere regionale
Tumore colon, Amati: “Corte costituzionale ci dà ragione su screening a classe età 45-75" Tumore colon, Amati: “Corte costituzionale ci dà ragione su screening a classe età 45-75" Dichiarazione del Consigliere regionale Fabiano Amati: si allargano "le fasce d'età per l'esame del sangue occulto nelle feci"
Nuovo ospedale Andria. Amati: “Ritardo si accumula. Non sappiamo la fonte di finanziamento per coprire extra costi. Fase stallo” Nuovo ospedale Andria. Amati: “Ritardo si accumula. Non sappiamo la fonte di finanziamento per coprire extra costi. Fase stallo” “È in corso una modifica sensibile del progetto, per motivi non del tutto spiegati", sottolinea critico il consigliere regionale di Azione
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.