elezioni
elezioni
Politica

Rinviato il referendum sul taglio dei parlamentari

Non c'è ancora una nuova data, si deciderà entro il 23 marzo

Il Coronavirus fa slittare anche il Referendum previsto per il prossimo 29 marzo 2020. A comunicarlo in conferenza stampa il Presidente del Consiglio dei Ministri nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 5 marzo.

«Abbiamo deliberato il rinvio del referendum costituzionale fissato a fine mese. Siamo ormai in prossimità della data e bisognava fare chiarezza sul punto. Abbiamo valutato l'opportunità di rinviarlo sine die, ovvero non c'è ancora una nuova data», queste le parole del premier Conte.

La consultazione, prevedibilmente si dovrà tenere tra il 10 e il 31 maggio. Infatti, il termine è imposto dalla legge del 1970 che regola i referendum. La legge consente di fissare la nuova data entro il 23 marzo 2020, in una domenica compresa tra il 50esimo ed il 70esimo giorno successivo all'indizione. La nuova data sarà decisa sentiti anche i comitati del Sì e del No.

L'idea di accorparlo con le Regionali di Crimi del M5S, non piace al Comitato del No.
  • referendum 2020
Altri contenuti a tema
Quarto (M5S): «Il M5S ha fortemente voluto questa minima, chiara, importante riforma costituzionale» Quarto (M5S): «Il M5S ha fortemente voluto questa minima, chiara, importante riforma costituzionale» Ruggiero Quarto, portavoce al Senato del M5S commenta il dato del referendum confermativo
Referendum, ad Andria vince il SÌ con il 78% delle preferenze Referendum, ad Andria vince il SÌ con il 78% delle preferenze Scrutinate tutte le 110 sezioni: il NO ha ottenuto solo il 22,10% delle preferenze
"Taglio dei costi o taglio alla rappresentanza?": incontro ad Andria sul Referendum Costituzionale "Taglio dei costi o taglio alla rappresentanza?": incontro ad Andria sul Referendum Costituzionale Appuntamento lunedì 14 settembre presso il Chiostro del Seminario Vescovile
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.