Studente online
Studente online
Bandi e Concorsi

"Resto al sud", ecco il bando per gli under 35 del Mezzogiorno

Sarà possibile inviare le domande dal 15 gennaio

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il Decreto attuativo di "Resto al Sud", misura rivolta agli under 35 entrata in vigore il 6 novembre 2017: sarà gestita da Invitalia, ed è finalizzata a incentivare i giovani all'avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. Sarà possibile inviare le domande dal 15 gennaio 2018.

Ne sono beneficiare gli imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione. Sono finanziate le attività imprenditoriali relative a produzione di beni nei settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla fornitura di servizi, compresi i servizi turistici. Escluse invece attività professionali e commercio.

Spese ammesse: opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa; macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attività d'impresa nella misura massima del venti per cento del programma di spesa; sono ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attività finanziata.

L'incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento. Nel caso in cui l'istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l'importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.

La domanda si presenta esclusivamente online e sono valutate in ordine cronologico di arrivo.
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Al Santuario del SS. Salvatore si celebra la veglia diocesana per il mondo del lavoro Al Santuario del SS. Salvatore si celebra la veglia diocesana per il mondo del lavoro Momento di preghiera in programma giovedì 30 aprile, presiede mons. Luigi Mansi. Diretta su Teledehon
Coronavirus: datori di lavoro e professionisti pronti alla “Fase  2” Coronavirus: datori di lavoro e professionisti pronti alla “Fase 2” Nuovi adempimenti per tutela salute e sicurezza. La predisposizione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)
Covid 19: prime ipotesi di "fase due" dall'incontro Conte - Regioni Covid 19: prime ipotesi di "fase due" dall'incontro Conte - Regioni Il 4 maggio si avvicina e si discute circa la riapertura di fabbriche e uffici con orari scaglionati e mezzi pubblici a ingresso ridotto
Per la Puglia altri 120 milioni per la cassa integrazione causa coronavirus Per la Puglia altri 120 milioni per la cassa integrazione causa coronavirus Disposta l' esenzione bollo e l'ampliamento della platea dei beneficiari. Oltre 100mila i lavoratori interessati
Coronavirus, interrotti numerosi rapporti di lavoro interinale: "La Regione intervenga" Coronavirus, interrotti numerosi rapporti di lavoro interinale: "La Regione intervenga" Lo chiede il Presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo
La prevenzione è legge di natura La prevenzione è legge di natura A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
Il Comune di Andria adotta un nuovo modello organizzativo Il Comune di Andria adotta un nuovo modello organizzativo Alla vigilia di Natale arriva un provvedimento che cambierà l'attuale assetto: 16 le posizioni organizzative individuate
Amazon apre in provincia di Bari e cerca personale, ecco come candidarsi Amazon apre in provincia di Bari e cerca personale, ecco come candidarsi Dopo la conferma del nuovo stabilimento a Bitonto, arriva anche l'annuncio di lavoro. Tutte le informazioni necessarie
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.