convegno prefettura
convegno prefettura
Attualità

Prefettura e Save the Children Bat, insieme per la prevenzione delle devianze negli adolescenti

Convegno sul tema “Nati Disuguali”: i giovani tra complessità e opportunità

Nella giornata di venerdì 24 marzo, si è tenuto in Prefettura, a Barletta il convegno "Nati Disuguali", promosso in collaborazione con "Save The Children" nell'ambito delle iniziative del Patto Educativo Provinciale.
L'incontro ha rappresentato un'utile analisi del contesto giovanile tra complessità ed opportunità, rivolto in primo luogo ai Dirigenti scolastici e ai Responsabili dei Servizi Sociali del territorio.
La giornata, introdotta dai saluti istituzionali del Prefetto di Barletta Andria Trani, Rossana Riflesso, è stata moderata dalla professoressa Anna Rosa Cianci, referente Save The Children per la Bat, che ha presentato il XIII Atlante dell'infanzia (a rischio) dal titolo "Come stai?", proponendo i numeri e le statistiche sullo stato di salute anche psicologico di bambini, bambine e adolescenti in Italia, ponendo in evidenza quanto le disuguaglianze economiche, sociali e territoriali possano influire sulla crescita e lo sviluppo dei minori.
Numerosi e importanti i relatori al Tavolo.

Nel corso del dibattito, grande interesse ha suscitato l'intervento del Procuratore del Tribunale per i minorenni di Bari, Ferruccio De Salvatore, dal titolo "Dalle devianze alla criminalità adolescenziale. L'azione della Procura per i Minorenni" che ha evidenziato il difficile lavoro finalizzato ad andare incontro alle esigenze educative del minore e a ricondurlo a pieno titolo nella collettività, anche dopo aver commesso gravi reati.
"I diritti degli adolescenti" sono stati invece al centro delle riflessioni proposte dal Vicepresidente della Società Italiana di Filosofia del Diritto e Professore ordinario di Sociologia del Diritto presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari, Luigi Pannarale, che ha suggerito un mutamento nell'approccio culturale all'età adolescenziale e posto interrogativi sull'attuale crisi dell'età adulta.

Il Direttore del Dipartimento Dipendenze Patologiche SerD Asl Bt, Gianfranco Mansi, nella sua relazione su Disagio giovanile e Dipendenze Patologiche, ha evidenziato la pericolosità anche della dipendenza dal fumo di sigaretta, dal gioco d'azzardo e dall'abuso dei social media, invocando la necessità, da parte delle famiglie e di tutte le altre agenzie educative, di essere più attrattive per i giovani, spesso lasciati senza reali punti di riferimento; iniziative come il protocollo in atto tra la Prefettura e la Asl BT, per il trattamento di persone segnalate per fenomeni di Tossicodipendenza ed efficaci attività di sensibilizzazione e prevenzione dei comportamenti derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti nei più giovani, possono essere un valido strumento in questa direzione.

Lo psicologo e psicoterapeuta familiare, Saverio Costantino, ha invece posto l'accento sul disagio giovanile particolarmente acuito nella fase post pandemia, sottolineando anche come in una società in cui "tutti parlano ma nessuno ascolta, tutti scrivono ma nessuno legge", si pretende che la scuola si faccia servizio sociale e che le forze dell'ordine assumano aspetti di genitorialità rispetto a minori appena adolescenti lasciati senza regole nella movida notturna.
Gli interventi conclusivi sono stati caratterizzati dalle emozioni e dalla passione educativa e civile di due rappresentanti del mondo della scuola: la docente dell'Istituto "Rodari-Alighieri-Spalatro" di Vieste e referente progetti LNDC Vieste, Francesca Toto, che ha parlato del connubio vincente tra scuola e volontariato per prevenire le devianze, e il Dirigente Scolastico dell'Istituto "Don Milani" di Trinitapoli, Giulio Di Cicco, che ha approfondito il ruolo della comunità territoriale nell'intervento educativo, ribadendo come la scuola debba provare ad essere protagonista della costruzione di una comunità anche mediante iniziative come quella avviata con la Commissione Straordinaria, che vedrà i giovani progettare spazi pubblici che il Comune darà poi loro in affidamento.

"Ringrazio i referenti locali di Save The Children, realtà che si spende costantemente nel promuovere politiche a tutela dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza - ha concluso il Prefetto - con i quali abbiamo condiviso l'opportunità di portare all'attenzione del territorio una tematica tanto attuale, promuovendo quest'occasione di approfondimento sul mondo giovanile che, grazie al prezioso contributo degli autorevoli relatori, ha riguardato il recupero e la prevenzione ma anche l'aspetto psicologico, sociologico, medico e il fondamentale ruolo delle scuole e delle famiglie. Sentiamo sempre più frequentemente parlare di criminalità giovanile e crisi generazionale, fenomeni che purtroppo riguardano l'intero Paese senza alcuna distinzione e sono prevalentemente causati da mancata integrazione, disagio familiare o sociale, povertà culturale. Per questo, riteniamo fondamentale che i Servizi Sociali comunali, il mondo della scuola, delle parrocchie e l'associazionismo, cui abbiamo voluto offrire gli spunti del convegno di oggi, sappiano incidere in maniera sempre più efficace con strumenti di prevenzione sociale e percorsi di educazione alla legalità ed alla cittadinanza attiva in grado contenere il più possibile un disagio generazionale sempre più dilagante".
  • prefettura barletta andria trani
  • Prefetto Rosanna Riflesso
Altri contenuti a tema
Nella Bat la Commissione parlamentare ecomafie per effettuare verifica diretta dei danni Nella Bat la Commissione parlamentare ecomafie per effettuare verifica diretta dei danni Martedì 6 e mercoledì 7 febbraio a Barletta, Canosa di Puglia e Minervino murge
Costruzione II lotto della Questura Bat: Il Siap chiede incontro con il Prefetto Riflesso Costruzione II lotto della Questura Bat: Il Siap chiede incontro con il Prefetto Riflesso Necessità di espandere e ammodernare la struttura esistente di via Indipendenza
Il commissario del governo per l'antiracket Nicolò in Prefettura: «Nella Bat le estorsioni ci sono, serve denunciare» Il commissario del governo per l'antiracket Nicolò in Prefettura: «Nella Bat le estorsioni ci sono, serve denunciare» Questa mattina Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica
Antiracket ed antiusura nella Bat, domani incontro con il Commissario Maria Grazia Nicolò Antiracket ed antiusura nella Bat, domani incontro con il Commissario Maria Grazia Nicolò Martedì 23 gennaio alle ore 11.00, presso il Palazzo del Governo a Barletta
Stato di agitazione dei lavoratori afferenti il Servizio CUP e CALL CENTER della Asl Bt Stato di agitazione dei lavoratori afferenti il Servizio CUP e CALL CENTER della Asl Bt Il preannuncio di Filcams e della Funzione Pubblica CGIL Bat
Prefetto Riflesso:  "Garantire ai cittadini per il 2024 una sempre maggiore sicurezza" Prefetto Riflesso: "Garantire ai cittadini per il 2024 una sempre maggiore sicurezza" L'annuncio del varo di uno specifico piano sicurezza per le festività natalizie
Infortuni sul lavoro nella Bat: istituito un tavolo permanente per il monitoraggio Infortuni sul lavoro nella Bat: istituito un tavolo permanente per il monitoraggio "Nei primi mesi del 2023 la provincia Bat è risultata sesta in Italia per incidenza degli infortuni mortali sul lavoro in rapporto al numero degli occupati"
Furti all'interno delle aziende in zona Pip ad Andria, l'attenzione resta alta Furti all'interno delle aziende in zona Pip ad Andria, l'attenzione resta alta Oggi incontro in Prefettura
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.