Le consigliere comunali Doriana Faraone e Nunzia Sgarra
Le consigliere comunali Doriana Faraone e Nunzia Sgarra
Vita di città

Piano di riequilibrio, Sgarra e Faraone: «Abbiamo bisogno di qualcosa di più e molto prima del 2038»

Nella manovra salva conti si è passato da 15 a 20 anni e si sono dovuti mettere in vendita molti più immobili comunali di quelli già previsti

«L'ultimo lungo consiglio comunale è stato dedicato principalmente alla presentazione delle linee programmatiche dell'amministrazione Bruno, a distanza di 5 mesi dalle elezioni. Ma è comprensibile, non c'è stato tempo, c'erano altre urgenze, altre priorità. Che questa amministrazione, dovendo partire con circa 77 milioni di euro di debiti da risanare, stia incontrando molte difficoltà è innegabile, solo una persona non onesta intellettualmente affermerebbe il contrario. Del resto, però, chiederci un contributo in termini di idee dandoci due giorni di tempo, su di un documento predisposto da uffici comunali anche con l'ausilio di incarichi a esperti esterni risalenti al 2019, ci sembra tardivo». Lo dicono le due consigliere comunali del Movimento 5 Stelle, Doriana Faraone e Nunzia Sgarra alla vigilia del consiglio comunale in cui l'assise sarà chiamata a pronunciarsi sulla delibera della rimodulazione del piano di riequilibrio del 2018.
«Noi speriamo che il dato "77 milioni di debiti" sia definitivo, poiché dal precedente piano di rientro di fine 2018 il debito, che anche allora si diceva fosse solo quello, si è notevolmente accresciuto, tanto che il nuovo piano di rientro è passato da 15 a 20 anni e si sono dovuti mettere in vendita molti più immobili comunali di quelli già previsti, tipo l'ufficio tributi di Via Bari ed il Circolo Tennis, operazioni indispensabili per fare cassa, ma che pongono alcune riflessioni su, ad esempio, un ufficio tributi che andrebbe ramingo nel mentre dovrebbe essere uno dei maggiori protagonisti per il successo del piano di rientro e, più in generale, sulle "esperienze di progettazione e di architettura del paesaggio" previste nelle linee programmatiche per la città del futuro, difficilmente applicabili sulle aree comunali in vendita. E nonostante tutto questo, secondo l'impostazione complessiva del nuovo piano di rientro che domani sarà discusso in consiglio comunale, la nostra città dovrebbe riemergere definitivamente dalle "sabbie mobili" dei debiti solo nel 2038. Ieri, mentre ascoltavamo con attenzione gli interventi di tutti i nostri colleghi, non abbiamo potuto fare a meno di notare, e lo abbiamo anche detto, che le buone intenzioni e gli auspici contenuti nelle linee programmatiche del Sindaco in prospettiva futura, ci sembrano sempre meno realizzabili considerando la situazione attuale descritta impietosamente con i numeri dei debiti».
«Non abbiamo una bacchetta magica, ma la città che vediamo tutti i giorni riteniamo abbia bisogno di qualcosa di più del piano di rientro che abbiamo letto e molto prima del 2038. Restiamo molto perplessi perché ci sembra che a questa squadra manchi una visione più coraggiosa, un vero "piano d'impresa" con iniziative innovative, con idee e con uno spirito più vicino all'entusiasmo che il Sindaco ha cercato di trasmetterci con le linee programmatiche e più lontano dal grigiore di un piano di rientro che spalma il debito sui prossimi 20 anni invadendo il futuro dei nostri figli. Rilevare una azienda fallimentare per poi prevedere un suo riassetto che consiste solo in una speranza di incassi o di risparmi, è un'operazione per noi solo sulla carta, mentre la speranza della gente di poter vivere in questa grande azienda chiamata "Andria" in modo eccellente, ebbene, questa è l'operazione politica da perseguire. Attenzione! Apprezziamo i buoni propositi e gli obiettivi che si pone il sindaco Bruno, sono lodevoli, ma gli strumenti e i metodi, con cui raggiungere quegli obiettivi, non ci sembrano chiaramente esplicitati. La questione fondamentale, già posta da noi, è sempre la stessa. La sostenibilità! Il piano di rientro rimodulato, con tutti i sacrifici che contiene, sarà anche sostenibile secondo la fredda analisi di un programma informatico, ma come inciderà sulla vita degli andriesi fino al 2038?», concludono Faraone e Sgarra.
  • doriana faraone
  • Nunzia Sgarra
Altri contenuti a tema
Faraone e Sgarra (M5S): "Le strutture per la prima infanzia sono in grande difficoltà" Faraone e Sgarra (M5S): "Le strutture per la prima infanzia sono in grande difficoltà" "Si dovrà intervenire quanto prima per lo svincolo delle risorse già individuate dall’assessore regionale Barone"
Ad Andria il Consiglio Comunale dice “no” alla nuova bretella della tangenziale Ad Andria il Consiglio Comunale dice “no” alla nuova bretella della tangenziale La nota di Faraone e Sgarra (M5S) dopo l’assise di ieri
Rinviata l'adozione del canone unico patrimoniale Rinviata l'adozione del canone unico patrimoniale Sgarra e Faraone (M5S): "Il provvedimento è stato rinviato alla prossima seduta consiliare" 
Sgarra e Faraone (M5S): "I debiti del Comune di Andria peseranno sulla cittadinanza fino al 2049" Sgarra e Faraone (M5S): "I debiti del Comune di Andria peseranno sulla cittadinanza fino al 2049" "Per i prestiti di quasi 9mila euro per pagare debiti che il Comune aveva maturato nel 2019 sono stati generati interessi di 120mila euro"
Degrado sociale e miglioramento del decoro urbano: pronti contributi dal Governo Degrado sociale e miglioramento del decoro urbano: pronti contributi dal Governo Le consigliere pentastellate Faraone e Sgarra chiedono all'amministrazione comunale di presentare domanda
Sgarra e Faraone (M5S): “Ristrutturare con fondi pubblici l’asilo Gabelli e il Centro Fornaci” Sgarra e Faraone (M5S): “Ristrutturare con fondi pubblici l’asilo Gabelli e il Centro Fornaci” “Il Comune di Andria potrebbe presentare fino a 2 progetti, chiedendo un importo massimo di 3 milioni di euro a progetto”
Il Sindaco Bruno domani in zona Inps per cerimonia di piantumazione di 50 corbezzoli Il Sindaco Bruno domani in zona Inps per cerimonia di piantumazione di 50 corbezzoli Gli arbusti sono stati donati dal parlamentare on. D'Ambrosio e dalle consigliere comunali del M5S Sgarra e Faraone
Consigliere Faraone e Sgarra (M5S): "Su nuove opere della tratta ferroviaria Andria Corato attenzione anche da parte dei proprietari" Consigliere Faraone e Sgarra (M5S): "Su nuove opere della tratta ferroviaria Andria Corato attenzione anche da parte dei proprietari" Con il piano triennale dell'anticorruzione, tra le proposte portate all'esame del consiglio comunale
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.