Onda d'Urto
Onda d'Urto
Vita di città

Onda d'Urto e problema cancro, una lettera aperta alle istituzioni

Domande semplici indirizzate a tutti i livelli dalla Puglia sino al Comune

Una lettera aperta indirizzata a tutte le massime cariche di governo a partire dalla Regione Puglia per arrivare a Provincia BAT e Comune di Andria senza dimenticare ASL BAT ed Arpa. E' l'idea dell'Associazione andriese Onda d'Urto: alla base diverse e semplici domande con le quali chiedere alle istituzioni cosa si sta facendo per contrastare e prevenire i casi di cancro tra i giovani cittadini, in particolare di Andria, «ora che la propaganda elettorale è stata archiviata». Ad ognuno la propria domanda ed ad ognuno è richiesta una risposta in qualsiasi forma. «Al Presidente della Regione ed all'assessore all'ambiente della Regione Puglia chiediamo - scrivono da Onda d'Urto - quali saranno le iniziative per far decollare in modo deciso la raccolta differenziata in Puglia e quali sono le attuali condizioni delle discariche sul territorio considerando gli ultimi sequestri di quelle di Trani ed Andria e di molte altre attualmente in via di saturazione?».

Poi il passaggio al Presidente della Provincia: «Quale è il reale stato di salute della nostra provincia? Come si intende gestire la raccolta dei rifiuti considerando la saturazione delle discariche?». A seguire il maggior numero di domande è posto al Sindaco di Andria, all'assessore all'ambiente ed al dirigente del settore ambiente: «Che fine hanno fatto le promesse fatte ai cittadini fin dal mese di maggio del 2013? Il profilo della salute, l'installazione e messa in funzione delle centraline di monitoraggio dell'aria, l'installazione e la messa in funzione delle centraline di monitoraggio dei campi elettromagnetici, il monitoraggio delle matrici ambientali come terreni, acque dei pozzi artesiani e del canale Ciappetta-Camaggio. Infine, quale è la reale situazione per quanto riguarda la discarica andriese in riferimento ai fatti di cronaca già noti e quali sono state le contromisure?».

Onda d'Urto, poi, ha altre domande per il Direttore Generale della ASL BAT e per il Direttore Generale dell'Arpa Puglia: «Cosa state facendo per aggiornare i dati del registro tumori cercando di avvicinarsi il più possibile a dati più recenti visto che quelli pubblicati sono fermi al triennio 2006-2008? Sono in programma degli studi sulle cause che stanno facendo ammalare le persone di Cancro? All'Arpa - concludono da Onda d'Urto - le possibili ricadute sullo stato di salute della nostra città e sulle nostre coltivazioni ubicate nel raggio di 1 chilometro dalla discarica stessa in riferimento ai rilievi effettuati nella discarica "San Nicola La Guardia"?». La nota si chiude con un appello: «Vi informiamo che altre persone si stanno ammalando e altri ragazzi stanno morendo di cancro. Non ve lo chiediamo come favore, ma come diritto, dal momento che paghiamo le tasse e che voi avete il dovere di bene amministrare il denaro pubblico e garantendo lo stato di salute della popolazione in relazione a fattori di rischio ambientali facilmente evitabili».
  • onda d'urto
Altri contenuti a tema
Onda d'Urto: «Andria tra le città più inquinate d’Italia? Sciatteria e diffamazione» Onda d'Urto: «Andria tra le città più inquinate d’Italia? Sciatteria e diffamazione» La presidente Angela Somma: «Ci impegniamo a contrastare i fattori di rischio evitabili, ma anche l’ignoranza e l’indifferenza»
Firmato il patto di collaborazione tra il Comune di Andria e Onda d'Urto a tutela dell'ambiente Firmato il patto di collaborazione tra il Comune di Andria e Onda d'Urto a tutela dell'ambiente Un passaggio storico per la città di Andria. Si punta alla realizzazione del profilo di salute della città
Monitoraggio campi elettromagnetici: sigla patto di collaborazione con Onda d’Urto Monitoraggio campi elettromagnetici: sigla patto di collaborazione con Onda d’Urto Avverrà con l’ausilio di 3 centraline mobili in dotazione al Comune e da posizionare in siti sensibili del territorio cittadino
Tumori giovanili ad Andria: incontro pubblico lunedì 28 novembre Tumori giovanili ad Andria: incontro pubblico lunedì 28 novembre I ricercatori dell'associazione "Onda d'urto" incontrano i cittadini alle ore 19,30 presso la parrocchia Maria SS. dell'Altomare
Profilo di Salute della città di Andria: riunito tavolo tecnico Profilo di Salute della città di Andria: riunito tavolo tecnico Rilevato un incremento dei tumori del pancreas, della mammella, del sistema nervoso centrale, di cui si ignorano le cause
Casi di tumore ad Andria, Onda d'urto onlus: «Numerose le segnalazioni e richieste di aiuto» Casi di tumore ad Andria, Onda d'urto onlus: «Numerose le segnalazioni e richieste di aiuto» Dott.ssa Angela Somma: «In questo momento c'è una percezione di rischio che inficia la qualità di vita dei residenti»
Postazione di "Onda d'urto - Uniti contro il cancro" per lo screening dermatologico dei nei Postazione di "Onda d'urto - Uniti contro il cancro" per lo screening dermatologico dei nei A Largo Torneo, dalle ore 18 alle 21, con la dr.ssa Valentina Postacchini
Onda d'urto onlus: "Indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta" Onda d'urto onlus: "Indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta" "L'indagine effettuata focalizzando l'attenzione al periodo della gravidanza"
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.