Carcere Trani
Carcere Trani
Cronaca

Omicidio Di Vito, la difesa a “caccia” di un testimone per addolcire la pena

Si cerca l’autore del messaggio WhatsApp con la dinamica dei fatti

La difesa di Celestino Troia, il falegname cinquantenne andriese accusato della morte di Giovanni Di Vito al culmine del diverbio per una precedenza stradale avvenuto ad Andria il 12 Settembre, ritiene di aver individuato il giovane che in un messaggio whatsapp diffuso poco dopo la tragedia ne ha raccontato la dinamica.

Una versione che si avvicina molto a quella resa da Troia nel corso dell'interrogatorio di garanzia successivo al suo fermo, quando spiegò di esser stato raggiunto dal ventottenne tranese che si sarebbe ferito al costato avventandosi contro di lui mentre aveva in mano un coltellino per difendersi.

A seguito dell'identificazione, la Polizia pare prossima a convocare il ragazzo in qualità di persona informata dei fatti, avendo assistito, proprio secondo il suo messaggio audio, al culmine del drammatico litigio. L'avvocato Vincenzo Scianandrone, difensore di Troia, chiederà formalmente al pubblico ministero Alessio Marangelli che il giovane venga interrogato per confermare la paternità del whatsapp e la versione dei fatti. Ancora nessun risultato, invece, dalle perlustrazioni sulla Strada Provinciale 13 mirate a trovare e a sequestrare il coltellino di Troia, da questi lanciato all'altezza di una curva quando apprese la notizia della morte del giovane tranese.

Sinora gli inquirenti non hanno ritenuto perlustrare la zona alla presenza dell'indagato detenuto nel carcere di Trani.
  • procura della repubblica trani
  • tribunale di trani
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Violenza sulle donne: il sottosegretario Ferraresi ne discute con magistrati, avvocati e politici Violenza sulle donne: il sottosegretario Ferraresi ne discute con magistrati, avvocati e politici Un convegno cui parteciperanno tra gli altri con la sen. Piarulli, i magistrati De Luce e Di Maio con il prof. Losappio
Siglato protocollo di intesa per inserire gli infermieri nell’albo CTU e periti del Tribunale di Trani Siglato protocollo di intesa per inserire gli infermieri nell’albo CTU e periti del Tribunale di Trani L'OPI BAT si impegna a produrre un vademecum per facilitare l'accesso dei candidati alla procedura
Resterà in carcere il 29enne autore del pestaggio della fidanzatina Resterà in carcere il 29enne autore del pestaggio della fidanzatina E' stato convalidato l'arresto dal Gip che ha confermato la custodia cautelare in carcere
Nuova udienza disastro ferroviario "Bari nord": ascoltati altri due testimoni Nuova udienza disastro ferroviario "Bari nord": ascoltati altri due testimoni Emerse le carenze relative ai corsi di aggiornamento professionale per i ferrovieri in servizio
Violenza in famiglia: arrestato marito orco, primo codice rosso ad Andria Violenza in famiglia: arrestato marito orco, primo codice rosso ad Andria I poliziotti del locale Commissariato di P.S. hanno arrestato l'uomo all'alba
Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione al giudice Nitti Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione al giudice Nitti Il giudice amministrativo d'appello sconfessa nuovamente il CSM. Di Maio resta comunque al 2° piano di piazza Duomo
Crollo via Pisani, la Procura di Trani apre un'inchiesta Crollo via Pisani, la Procura di Trani apre un'inchiesta Tre gli indagati. Ipotesi di reato, disastro colposo e lesioni personali
Csm condanna la PM dell'inchiesta sullo scontro dei treni: «Doveva astenersi, conosceva l'avvocato» Csm condanna la PM dell'inchiesta sullo scontro dei treni: «Doveva astenersi, conosceva l'avvocato» Confermata la censura per la dott.ssa Simona Merra
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.