Siccità
Siccità
Religioni

Allarme siccità in Puglia: “O cieli, piovete dall’alto ...”

Riflessione di Don Ettore Lestigi, Presidente della Commissione Liturgica diocesana

E' il grido che sale a Dio da una terra "deserta, arida, senz'acqua", e sono parole che, a furia di ripeterle, hanno disseccato le nostre gole. Dopo la pandemia, la guerra ora anche la siccità sembra flagellare la nostra umanità... E' forse giunto il momento del ripetersi ai nostri giorni le dieci piaghe d'Egitto? Cos'altro dobbiamo aspettarci ancora?. Dinanzi a tali eventi nei quali sperimentiamo la nostra pochezza che provoca smarrimento e disorientamento, ritorna forte e sanguinante la domanda: "Ti sei disgustato di Sion? Perché ci hai colpito, e non c'è rimedio per noi? Aspettavamo la pace, ma non c'è alcun bene, l'ora della salvezza ed ecco il terrore! (Geremia).

Parole severe che oltre a nascondere un velo di rassegnazione, rivelano rabbia. Ma noi cristiani, in questa ora di ulteriore prova, siamo chiamati a vivere tale evento non da vittime ma da protagonisti, mettendo in atto con convinzione e coraggio l'unica cosa di cui siamo competenti: la preghiera. La Liturgia, poiché non è mai contro l'uomo, ma è sempre per l'uomo, ha nei suoi formulari delle Messe per le varie necessità, quello per invocare da Dio il dono dell'acqua. Pertanto le nostre comunità parrocchiali possono riunirsi per vivere intensi Momenti di preghiera perché "Dio ci doni la pioggia di cui abbiamo bisogno perché, aiutati dai beni che sostengono la vita presente, tendiamo con maggiore fiducia a quelli eterni". (cfr. Messale Romano). Papa Francesco all'Angelus nella solennità dei santi Pietro e Paolo, ha auspicato «che si attuino le misure necessarie a fronteggiare queste urgenze e a prevenire le emergenze future. Tutto questo deve farci riflettere sulla tutela del creato, che è responsabilità nostra, di ciascuno di noi. Non è una moda, è una responsabilità: il futuro della terra è nelle nostre mani e con le nostre decisioni!».

Naturalmente di fronte alle situazioni difficili il credente è chiamato a unire due elementi: la preghiera a Dio e l'impegno personale e comunitario. Ma cosa possiamo fare? Per rispondere a tale domanda ci viene incontro il Papa Paolo VI: «Che cosa si può fare? Vi è certo chi pensa e cerca di provvedere a questo enorme malanno. E Dio benedica la saggezza di questi esperti operatori. Ma poi, noi, noi credenti nella divina Provvidenza e nella efficacia della preghiera, noi non potremo, anzi non dovremo forse fare ricorso a quel Dio, Padre nostro, che domina anche le leggi inesorabili della natura, affinché risolva in vantaggio, e presto, dell'umanità, e degli animali stessi, questa sventura meteorologica? Egli lo può; e forse attende l'umiltà e la fede d'una nostra filiale invocazione per restituire l'equilibrio alle stagioni, fecondità alla terra, fluidità ai fiumi, refrigerio alla sete dei viventi». E dalla saggezza del suo cuore scaturì questa meravigliosa preghiera:
"Dio, nostro Padre, Signore del cielo e della terra (Mat. 11, 25), tu sei per noi esistenza, energia e vita (At. 17, 28). Tu hai creato l'uomo a tua immagine (Gen. 1. 27 - 28) perché con il suo lavoro faccia fruttificare le ricchezze della terra collaborando così alla tua creazione. Siamo consapevoli della nostra miseria e debolezza: nulla possiamo senza di te (Cfr. Gv. 15). Tu, Padre buono, che su tutti fai brillare il tuo sole (Mat. 5,45) e cadere la pioggia, abbi compassione di quanti soffrono duramente per la siccità che ci ha colpito in questi giorni. Ascolta con bontà le preghiere a te rivolte fiduciosamente dalla tua Chiesa (Luc. 4, 25), come esaudisti le suppliche del profeta Elia (1 Re 17, 1), che intercedeva in favore del tuo popolo (Giac. 5, 17 -18). Fa' scendere dal cielo sopra la terra arida la pioggia sospirata, perché rinascano i frutti (Ibid. 5, 18) e siano salvi uomini e animali (Sal. 35, 7). Che la pioggia sia per noi il segno della tua grazia e benedizione: così, riconfortati dalla tua misericordia (Cfr. Is. 55, 10 -11), ti renderemo grazie per ogni dono della terra e del cielo, con cui il tuo Spirito soddisfa la nostra sete (Gv. 7, 38 -39). Per Gesù Cristo, tuo Figlio, che ci ha rivelato il tuo amore, sorgente d'acqua viva zampillante per la vita eterna (Ibid. 4, 14). Amen". (Angelus del 4/7/1976).

L'estate è il tempo dell'uso sproporzionato dell'acqua per irrigare i campi , dissetare le gole, far si docce per rinfrescare il corpo ...ma anche giocare!
Che cosa possiamo fare? In un tempo di grande necessità, nel quale per la sua scarsità avvertiamo quanto l'acqua sia "veramente preziosa et casta" (S. Francesco), impariamo ad usare con parsimonia e sobrietà l'acqua, bene universale e necessario per tutti. A tale proposito è singolare la proposta avanzata dal Servizio di Pastorale
Giovanile della Diocesi di Pavia riportata dal Giornale Avvenire del 2 luglio 2022. «Presso gli oratori diocesani e non solo, e durante lo svolgimento del Grest, sono vietati tutti i giochi e le attività che prevedono l'utilizzo e lo spreco dell'acqua».

E le nostre preghiere trovino in Dio un cuore in ascolto, perché anche per noi, come ai tempi del Profeta Gioele, il Creatore possa dire: "Voi, figli di Sion, rallegratevi, gioite nel Signore vostro Dio, perchè vi dà la pioggia in giusta misura, per voi fa scendere l'acqua, la pioggia d'autunno e di primavera, come in passato. (Gioele).
Così il grido di rabbia possa trasformarsi in inno di lode: "Sorgenti delle acque, benedite il Signore: lodatelo ed esaltatelo nei secoli".
  • Diocesi di Andria
  • siccità Puglia
Altri contenuti a tema
Il Vescovo Mansi membro della Commissione Episcopale per il clero e la vita consacrata Il Vescovo Mansi membro della Commissione Episcopale per il clero e la vita consacrata Una delegazione diocesana parteciperà domenica 25 settembre alla Santa Messa officiata dal Santo Padre, Papa Francesco
Messaggio del Vescovo in occasione delle Feste Patronali Messaggio del Vescovo in occasione delle Feste Patronali "Seguo con preoccupazione la situazione di tante aziende ed esercizi commerciali che a causa dell’aumento dell’energia e costi delle materie prime sono in forte difficoltà"
Con “I have a dream” si completa il programma della Caritas di Andria Con “I have a dream” si completa il programma della Caritas di Andria Destinatari della proposta sono i minori dalla IV elementare alla III media
La parrocchia delle SS. Stimmate celebra la festa di San Pio nel ventennale della sua Canonizzazione La parrocchia delle SS. Stimmate celebra la festa di San Pio nel ventennale della sua Canonizzazione Dal 20 al 22 settembre una serie di iniziative in ricordo dell'amato frate con le stimmate. Ritorna la processione per le vie cittadine
Festa patronale: le iniziative dell'Arciconfraternita di Maria SS. Addolorata Festa patronale: le iniziative dell'Arciconfraternita di Maria SS. Addolorata E' il pio sodalizio religioso più antico di Andria
La Madonna dei Miracoli accolta da migliaia di fedeli nel viaggio verso il suo Santuario La Madonna dei Miracoli accolta da migliaia di fedeli nel viaggio verso il suo Santuario La tradizionale processione dalla chiesa Cattedrale, guidata dal Vescovo Mansi, ha visto la presenza del clero, delle autorità locali e delle associazioni cittadine
Per il caro materie prime e dell'energia rischio default per tante aziende agricole Per il caro materie prime e dell'energia rischio default per tante aziende agricole A questa drammatica situazione si aggiunge la siccità che colpisce numerose colture intensive ed estensive
Diocesi di Andria, ecco le nuove nomine per l'anno pastorale 2022/23 Diocesi di Andria, ecco le nuove nomine per l'anno pastorale 2022/23 Don Michele Cognetti sarà il nuovo parroco della chiesa Madonna di Pompei
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.