Piazza Catuma dall'alto
Piazza Catuma dall'alto
Vita di città

Montepulciano: «Mercato coperto e centro storico di Andria»

E ringraziando il consigliere Grumo chiede: «Si adoperi per eliminare le orrende e pericolose palme dal chiostro del monastero della Madonna dei Miracoli»

«Le parole rivoltemi dal consigliere comunale e provinciale della Lega, Gianluca Grumo -sottolinea lo storico ambientalista Nicola Montepulciano-, mi giungono alquanto gradite e colgo l'occasione per una disamina, seppur veloce, su diversi luoghi del Centro Storico e altri che, pur trovandosi lontano dal Centro Storico, possono essere assimilati a questo. Nel 1993 il Comitato per la Tutela e Valorizzazione del Centro Storico, viste le rammaricanti condizioni in cui si trovavano varie piazze, mi chiese un parere sull'assetto del verde in piazza Duomo e piazza La Corte. Fu ritenuto pregevole (venne pubblicato sul periodico "La Voce di Andria" giugno- luglio 1993) e fu quasi interamente attuato ma con gradualità come suggerito. Non ho mai menato vanto di questo prima d'ora, per il semplice fatto che ho sempre ritenuto mio dovere di cittadino dare un contributo di idee alla mia città, così come il prof. Riccardo Suriano, non solo per quanto riguarda la grande, quattrocentesca sala di via Flavio Giugno (Mercato coperto) ma per tutto l'intero borgo di S. Agostino. Ci furono, in periodi precedenti e seguenti, altri lavori nel Centro Storico, tutti realizzati, a dir poco, in modo discutibile: piazza Catuma (è bene chiamarla sempre così e non con altra denominazione. E' la nostra storia e dobbiamo ricordarla), tanto criticati dal compianto prof. Vincenzo Schiavone, valentissimo studioso della Storia di Andria. Non ricordo da quale studioso fu criticato l'orrendo assetto di piazza Melillo, dove furono messi a dimora i soliti spregevoli pini e, realizzato, come pavimento, un manto bituminoso. Bella gloria per il sindaco di allora! Anche per questa piazza a suo tempo elaborai una ipotesi di assetto, pubblicato sul periodico "Andria- i fatti, le idee, le opinioni" diretto dall'indimenticabile Michele Palumbo. Non fu tenuto in considerazione! Non ricordo in che anno si procedette all'irrazionale messa a dimora di alberi da ombra in P.zza Sant'Agostino e quando avvenne il blocco dei lavori di palazzo Ieva per la denunzia di un tale riguardante non so che cosa, blocco che ha lasciato deturpata per sempre la piazzetta. Mi fu detto che era prevista la ricostruzione in anastilosi. Sarebbe bello portare a termine quel progetto. Per questi e altri lavori anche nella parte moderna della città facciamo ridere mezzo mondo. Ho scritto in altro intervento il disappunto della Storica dell'Arte, Clara Gelao, per l'uso che se ne fa della grande sala quattrocentesca di via Flavio Giugno, non aggiungo altro se non che sarebbe opportuno consultarla prima di avviare i lavori che, mi auguro, siano di semplice restauro e non riqualificazione o altro. Chissà se sia possibile creare un qualche collegamento storico-architettonico fra Castel del Monte e i capitelli della sala quattrocentesca di via Flavio Giugno. Un altro caso che suscita perplessità e disappunto ( e risate, aggiungo io ) nei visitatori è costituito dalla presenza delle palme nel chiostro dell'ex monastero dei Benedettini della Madonna dei Miracoli. Mi fu riferito che quando il prof. Michele Mirabella lo visitò, disse:<< Che c'entrano queste palme?>> Ecco, colgo l'occasione per rivolgere l'invito all'amico Gianluca Grumo (tale lo considero, ormai), in qualità di consigliere provinciale, di adoperarsi per eliminare le orrende e pericolose palme dal chiostro (non siamo a Miami Beach). Dovesse riuscirci sarei io a rivolgergli il plauso e riceverà plausi anche dagli studiosi. Renderebbe meno ridicola la nostra città», conclude l'ambientalista Nicola Montepulciano.
  • Comune di Andria
  • centro storico andria
  • piazza catuma
  • Nicola Montepulciano
Altri contenuti a tema
Il Consiglio comunale approva Rendiconto 2023 e il Documento Strategico sul Commercio Il Consiglio comunale approva Rendiconto 2023 e il Documento Strategico sul Commercio Entrambi con 17 voti favorevoli e 7 contrari. Il disavanzo arriva 28.551.296,53 euro
VIII edizione del Festival della Disperazione: proseguono gli incontri, le performance e gli spettacoli VIII edizione del Festival della Disperazione: proseguono gli incontri, le performance e gli spettacoli Il Festival è ideato e organizzato dal Circolo dei Lettori di Andria
Elettrosmog: Il Presidente del Consiglio Comunale ringrazia i cittadini per la loro presenza rispettosa e silenziosa Elettrosmog: Il Presidente del Consiglio Comunale ringrazia i cittadini per la loro presenza rispettosa e silenziosa Ieri durante i lavori del consiglio comunale
Fuochi d’artificio in via Vaglio ieri sera, a mezzanotte Fuochi d’artificio in via Vaglio ieri sera, a mezzanotte Nel "luna park a cielo aperto" in cui si è nuovamente trasformata questa parte del cento storico
Europee: 30,5% grande affermazione di Fratelli d’Italia ad Andria Europee: 30,5% grande affermazione di Fratelli d’Italia ad Andria "Ora al lavoro per un centrodestra locale forte ed unito"
Elettromagnetismo: i cittadini protestano presso la sala consiliare Elettromagnetismo: i cittadini protestano presso la sala consiliare Flash mob dei residenti di via Scipione l’Africano presso Palazzo di Città
Andria, processo al clan Pistillo: condanne per tutti gli imputati Andria, processo al clan Pistillo: condanne per tutti gli imputati Comune di Andria parte civile nel processo, sindaco Bruno: “Atto necessario”
“La mia scuola è differente”: ad Andria la premiazione del progetto di educazione ambientale “La mia scuola è differente”: ad Andria la premiazione del progetto di educazione ambientale Si terrà mercoledì 12 giugno alle ore 17, nel cortile dell’oratorio salesiano di Andria
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.