Festa dei Lavoratori
Festa dei Lavoratori
Attualità

Lavorare davanti a Dio

Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, in occasione della Festa dei Lavoratori

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Anche se da 40 anni lo incontro quotidianamente nei suoi numerosi scritti e libri, il Servo di Dio Igino Giordani non finisce di sorprenderci nel suo impegno di pensiero e di prassi in merito alla vita interiore. Lo fa con la sua solita profondità e capacità innovativa anche quando in un volumetto di sole 81 pagine del 1946, - Il «Padre nostro» preghiera sociale - rivolge una specifica attenzione ai significati profondi del lavoro umano.

Nello spiegare la preghiera insegnataci da Gesù frase per frase – e talvolta, per singole parole – quando giunge al «sia santificato il tuo nome», ci aiuta a scoprire che un modo concreto di attuare questa "santificazione" sta nel "mantenersi sempre integro nell'adempimento dei propri doveri all'ufficio e all'officina, in città e in campagna". Scrive: "Così la nostra giornata diviene un'operazione religiosa: il nostro camminare, parlare, lavorare, una funzione liturgica". Siamo sempre in una cattedrale, sempre davanti a Dio, per fargli onore (…). Direttamente mettiamo mattoni (Giordani da ragazzo è stato muratorino alle dipendenze del padre), rattoppiamo scarpe, scassiamo la terra, scriviamo numeri o parole, ma indirettamente – e più realmente ancora – noi rendiamo testimonianza a Dio, al cospetto della nostra coscienza e di quella della società e, dentro i cieli, al cospetto degli angeli e nella comunità dei santi" (p.38).

Profondi altresì, sono i suoi scritti sulla dignità del lavoro e, sul giusto salario scrive: "Un salario non è sempre giusto perché è stato pattuito. Il lavoratore può essere stato costretto dalla necessità o dal timore. In orda di disoccupazione, uno può allogarsi anche a patti di capestro e, come dice la Rerum Novarum, nel pattuire il salario, «entra sempre un elemento di giustizia, anteriore e superiore alla libera volontà dei contraenti, ed è che il quantitativo della mercede non deve essere inferiore al sostentamento dell'operaio». E, anticipando i tempi, scrive: "Ecco il criterio e la misura. Per tutte queste ragioni, la soluzione più ragionevole sta nel cointeressare o associare i lavoratori all'azienda tendendo a farli comproprietari e a svincolarli dalla condizione di proletari" (così in "Le due città" pag. 437).

Forti sono i pensieri di Giordani sul dramma della disoccupazione fino a scrivere che: "Poiché il lavoro ci è stato dato da Dio, come elemento della nostra natura, una esistenza, a cui si sottraesse il lavoro, sarebbe una esistenza fuori dell'ordine divino e umano: fuori della natura: sarebbe un 'esistenza snaturata. La disoccupazione forzata è ateismo"! E aggiunge, sempre fondendo armoniosamente etica e Vangelo, cielo e terra, eternità e tempo: "Per l'etica del Vangelo, la disoccupazione, prima che un disordine economico-sociale, è un disordine teologico-naturale: non far lavorare l'uomo è come non farlo respirare o digerire: è un principio di omicidio" (in "Le due città" pag. 428).

Il lavoro: Dal Padre nostro siamo partiti, al Padre nostro arriviamo con quelle decisive affermazioni di dottrina spirituale di Igino Giordani: "Tutto il lavoro di un essere umano può essere svolto come funzione liturgica, sempre davanti a Dio, sì che lavorare è un modo di pregare Dio".
  • centro igino giordani
Altri contenuti a tema
2 O Sacerdoti o Politici O Sacerdoti o Politici Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
La Chiesa: una storia d’amore in tempo di Pandemia La Chiesa: una storia d’amore in tempo di Pandemia Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
La Città sia una tela preziosa e la sua cornice il Cielo La Città sia una tela preziosa e la sua cornice il Cielo Una riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Un libro per l’Europa in festa Un libro per l’Europa in festa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
1 Per Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa Per Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa Il referente del centro Igino Giordani di Andria, Gennaro Piccolo, scrive al Commissario Tufariello e alla classe politica andriese
3 “Beati coloro che investiranno in Economie di Comunione” “Beati coloro che investiranno in Economie di Comunione” Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
2 Un modello per l’uomo di oggi: il ricordo di Igino Giordani a 40 anni dalla morte Un modello per l’uomo di oggi: il ricordo di Igino Giordani a 40 anni dalla morte Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.