Statua Madonna dell'Addolorata San Nicola
Statua Madonna dell'Addolorata San Nicola
Religioni

La Desolata, L’Addolorata

Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria

"Tra i titoli, dati dalla pietà delle generazioni a Maria, il più bello, e il più impegnativo, è quello di Theotòkos, Madre di Dio, Dio genitrix. Titolo grande – dice Igino Giordani – che non entra nella capacità umana; Una creatura che genera il Creatore.

Qui le menti vacillano! Per inserirsi nell'umanità, Dio abbisogna d'una madre; e tra miliardi di donne di tutti i tempi, sceglie Maria, - una ragazza qualunque d'un qualunque borgo di Palestina, nel periodo storico più grigio di quel popolo disprezzato e reso schiavo. La rivoluzione di Dio. Ma quella creatura era la più umile, la più abbandonata nelle braccia del Signore: la più innamorata di Dio.

(…) Dalle sue mani scendono grazie. Ciò che ella tocca beatifica; sorride e la vita degli uomini si trascolora; sempre vicina, adduce sulla lotta contro il male le forze per vincere". «L'Annunziata, la Madre della Misericordia, l'Immacolata, l'Assunta, il Modello Perfetto, la figlia del popolo… ma, senza dimenticare che Maria è l'Addolorata…la Desolata… "e che la sua sofferenza era percorsa da una amarezza, durata dalla nascita di Gesù».

(…) I parenti l'avevano ripresa e poi schernita, perché lasciasse alimentare nel figlio quelle idee strambe…: Amare tutti, disprezzar le ricchezze, demolire barriere di razza e casta… E bisbigliavano le loro incertezze e i loro dubbi: e Maria ascoltava e pativa…

Come anche nel cuore dell'umile gente si inserisce, e ferisce la tragedia del proprio tempo, così nel cuore di Maria si condensò quella tragedia, che dalla persona del figlio stava investendo l'umanità di tutti i tempi: e da parte umana, ella ne fu il centro del dolore: La Desolata, l'Addolorata!

Come potremmo amare la Desolata…l'Addolorata...,comprenderla (=prenderla con noi), ed esserle uniti se non patissimo anche noi qualcosa. Non sorbissimo una stilla di quel diluvio di angoscia che franò sul suo cuore'?...

Stralci da scritti di Igino Giordani in: Maria Modello Perfetto p. 76-118-121
  • centro igino giordani
Altri contenuti a tema
Tra la luce del Cielo e i colori della Terra Tra la luce del Cielo e i colori della Terra Riflessione di Gennaro (Gino) Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Santissimo Nome di Maria Santissimo Nome di Maria Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
La pace dei popoli, un ordine voluto da Dio La pace dei popoli, un ordine voluto da Dio Riflessione della Comunità dei Focolari di Andria
Come Maria: pensieri per l'Assunta Come Maria: pensieri per l'Assunta Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
1 Maria Assunta speciale protettrice di Chiara Lubich Maria Assunta speciale protettrice di Chiara Lubich Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
La Trasfigurazione­: apice della Bellezza La Trasfigurazione­: apice della Bellezza Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
12 luglio 2016-12 luglio 2021: dare senso al dolore 12 luglio 2016-12 luglio 2021: dare senso al dolore Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, nel 5° anniversario del disastro ferroviario sull'Andria-Corato
San Benedetto Patrono dell’Europa San Benedetto Patrono dell’Europa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.