Debora Ciliento e Filippo Caracciolo
Debora Ciliento e Filippo Caracciolo
Politica

L'ospedale di Andria al centro del dibattito politico sulla sanità: interventi di Caracciolo e Ciliento

Il sistema sanitario della provincia Bat e sui nuovi ospedali nord barese e di Andria il confronto in Regione

"Grazie all'impegno della Regione Puglia il nuovo ospedale del nord barese si farà. Il nuovo presidio sorgerà a Bisceglie e sarà un punto di riferimento per un'area vastissima compresa tra due province". Così il presidente del gruppo del Partito Democratico, Filippo Caracciolo.

"La giunta Regionale – spiega Caracciolo – ha approvato la delibera con la quale vengono stanziati i 9 milioni e 625mila euro necessari a far partire le gare di progettazione per la costruzione del nuovo ospedale". "La struttura – prosegue il presidente del gruppo Pd – metterà 250 posti letto a disposizione di un bacino d'utenza di 300mila abitanti compreso tra la provincia Bat e quella di Bari".

"Ringrazio il presidente Michele Emiliano e l'assessore alla Sanità Rocco Palese per l'impegno profuso. Monitorerò tutto l'iter che porterà alla realizzazione della struttura. La mia attenzione – aggiunge Caracciolo – è altissima anche per quel che riguarda l'ospedale di Andria. Ho convocato per giovedì 13 aprile una audizione in terza commissione in merito alla costruzione del nuovo ospedale ed in particolare alla verifica da parte di Asset con i progettisti incaricati dalla Asl circa i rilievi evidenziati". Saranno presenti l'assessore alla sanità Rocco Palese, il direttore dipartimento promozione della salute Vito Montanaro, il direttore generale della Asl Bt Tiziana Dimatteo, il responsabile unico del procedimento Carlo Ieva, il direttore generale dei Asset Puglia Elio Sannicandro e il sindaco di Andria Giovanna Bruno".
"I territori della Bat e del nord barese – conclude Caracciolo – non possono più aspettare".


Anche la consigliera regionale tranese, Debora Ciliento ha voluto fare il punto sulla situazione della sanità pugliese, con un focus su quanto sta accadendo nella provincia di Barletta-Andria-Trani.

«Il problema delle liste d'attesa non riguarda soltanto la Puglia, ma purtroppo tutta l'Italia. Come Regione stiamo affrontando da tempo il problema. Nei giorni scorsi - continua la consigliera Ciliento - la giunta regionale ha approvato la delibera "Linee guida per il recupero delle liste di attesa" chiedendo alle singole aziende sanitarie provinciali di presentare un piano per ogni territorio per far rientrare l'emergenza e offrire ai cittadini maggiori prestazioni. Oltre a questa soluzione, ritengo che si possano alleggerire le liste d'attesa dando più strumenti ai medici di base, rafforzando i CPT, potenziando i PTA tra cui quello di Trani che oggi rappresenta una vera sperimentazione all'avanguardia per tutta la regione Puglia. Per la diagnostica con le grandi macchine è necessario pensare di poter coinvolgere maggiormente i centri privati».

Oltre al grave problema delle liste d'attesa, la Puglia, come altre regioni meridionali, paga la fuga di molti medici verso il Nord o l'estero, con la conseguenza di un sistema sanitario che rallenta. «Per evitare che i nostri medici vadano via dal nostro territorio - continua Ciliento - bisogna rendere più attrattiva la nostra sanità trovando i giusti compromessi nei tavoli tecnici. Serve andare incontro alle esigenze dei medici e offrire loro strumenti affinché possano lavorare in condizioni di sicurezza».

A proposito della sicurezza negli ospedali, Ciliento dice: «Spesso, non c'è una chiara comunicazione tra struttura ospedaliera e le famiglie dei pazienti. Questo causa ansia e paura che può sfociare in atti di violenza. Condannando fermamente la violenza come strumento risolutore dei problemi, non credo che questa situazione possa essere risolta solo con l'utilizzo delle forze dell'ordine che sono certamente un deterrente; questo non basta. Ai medici e al personale sanitario devono essere affiancati professionisti addetti al rapporto con le famiglie: penso, ad esempio, a figure di mediazione tra cui gli educatori che possono rappresentare il ponte del dialogo tra ospedale, pazienti e famiglie».

Infine, Ciliento interviene sul sistema sanitario della provincia Bat e sul nuovo ospedale che sarà costruito nel territorio di Andria, «che non rappresenterà soltanto un punto di riferimento per la città federiciana, ma per tutta la provincia. Il nostro territorio, che oggi vive una situazione di carenza di posti letto, per superare queste difficoltà deve pensare ad una sanità in ottica complessiva per tutti gli abitanti dei 10 comuni. Il nuovo ospedale di Andria, oltre a risolvere l'improcrastinabile problema dell'inadeguatezza dell'attuale sede, va visto nell'ottica di un progetto sanitario unitario che dà una risposta concreta all'emergenza-urgenza dell'intera provincia e che permette di avere un ospedale di un livello superiore sul territorio.

Accanto al nuovo ospedale di Andria sorgerà quello del nord barese in territorio di Bisceglie, che a seguito dell'ultima delibera approvata in giunta vede sempre più un percorso certo per la sua nascita.

L'ospedale di Barletta certamente va sempre più rivalutato per offrire servizi all'avanguardia soprattutto in ambito oncologico. Fiore all'occhiello per questo territorio devono essere, ed in parte lo sono già, i due PTA di Canosa di Puglia e Trani che oggi è un importante punto di riferimento per l'abbattimento delle liste d'attesa. Accanto a tutto questo ci sarà la nascita di ospedali e case di comunità necessarie per una sanità di prossimità sempre più vicina alle persone che mira sempre più alla deospedalizzazione in modo da poter curare i propri parenti in casa sentendo l'affetto dei familiari» conclude la consigliera Ciliento.
  • Comune di Andria
  • Sanità
  • Ospedali
  • ospedale dimiccoli
  • regione puglia
  • filippo caracciolo
  • Nuovo ospedale di andria
  • Debora Ciliento
  • Medicina
  • Comitato nuovo ospedale di Andria
Altri contenuti a tema
Nuovo ospedale di Andria: non si hanno notizie dell’avvenuta sottoscrizione “dell’appendice contrattuale” Nuovo ospedale di Andria: non si hanno notizie dell’avvenuta sottoscrizione “dell’appendice contrattuale” Una nota a firma del prof. Lorenzo Bonomo, Presidente del Comitato per il Nuovo Ospedale di Andria
Incerti i tempi per il nuovo ospedale di Andria mentre si propone l'ospedale di Bisceglie a P.O. di I livello Incerti i tempi per il nuovo ospedale di Andria mentre si propone l'ospedale di Bisceglie a P.O. di I livello La proposta lanciata dai Consiglieri regionali del Gruppo Azione Ruggiero Mennea, Fabiano Amati e Sergio Clemente
Gli Avvocati di Trani plaudono al riconoscimento a Giovanna Bruno insignita della Menzione “Giorgio Ambrosoli” Gli Avvocati di Trani plaudono al riconoscimento a Giovanna Bruno insignita della Menzione “Giorgio Ambrosoli” Il Presidente dell'Ordine, Francesco Logrieco: "Nella giornata così simbolicamente importante per il Paese, nell'anniversario della strage di Capaci"
6 Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale A nulla sono valse le numerose segnalazioni (formali e non) inviate agli uffici comunali ed alle ditte Gial Plast-SiEco-Impregico S.r.l
Prestigioso riconoscimento per la Sindaca Giovanna Bruno, insignita della menzione "Premio Giorgio Ambrosoli" Prestigioso riconoscimento per la Sindaca Giovanna Bruno, insignita della menzione "Premio Giorgio Ambrosoli" Cerimonia di consegna a Milano il prossimo 8 luglio
Fuga dopo un incidente, rintracciato dalla Polizia locale Fuga dopo un incidente, rintracciato dalla Polizia locale L'episodio il 4 aprile scorso in viale Venezia Giulia
Premio URBANISTICA 2024: Candidati i progetti PINQUA e PNRR della città di Andria Premio URBANISTICA 2024: Candidati i progetti PINQUA e PNRR della città di Andria Riguardano temi quali la rigenerazione ambientale, economica e sociale
Dimezzata la produzione delle ciliegie "ferrovia": richiesta riconoscimento stato di calamità naturale Dimezzata la produzione delle ciliegie "ferrovia": richiesta riconoscimento stato di calamità naturale Coldiretti Puglia: "Rischio che il mercato venga invaso da prodotti esteri di dubbia origine e qualità"
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.