L'arco che collega alle stradine di San Nicola ad Andria
L'arco che collega alle stradine di San Nicola ad Andria
Cronaca

L'arco che collega alle stradine di San Nicola cade a pezzi

La segnalazione di Maria e di altri residenti del quartiere

"L'arco sta per cadere a pezzi. È più di un anno che sono posizionati questi due blocchi di cemento davanti al passaggio della scalinata che porta alla stradine attigue alla chiesa di San Nicola" scrive Maria alla nostra redazione, anche a nome di un gruppo di residenti della zona: "Si sta sgretolando tutto a un lato e sono evidenti delle vere e proprie falle e fenditure che sembrano si debbano spaccare da un momento all'altro"

Si tratta dell'arco antico, di pietra tufo, sito lungo la strada che collega Porta la Barra con la zona del cento storico in prossimità della chiesa di Sant'Agostino. Percorrendo quel tratto di strada si notano due blocchi di cemento innanzi all'arco a chiusura del passaggio pedonale. Un pezzo di storia che cade a pezzi mettendo a rischio anche la vita di chi passa. A farsi portavoce di tale situazione è la signora Maria, residente della zona, stanca di sopportare l'indifferenza, a suo dire, dell'amministrazione comunale e aggiunge "Vogliamo parlare del manto stradale? È impercorribile. Iniziando da via Via Flavio d'Excelsis le strade sono completamente rattoppate e bisogna fare molta attenzione per camminare. È tutto un degrado"

Maria chiede quindi interventi manutentivi più incisivi da parte del Comune per il suo quartiere a partire dalla viabilità, considerato che è una delle zone spesso frequentate dai turisti che si recano all'Annunziata e al Purgatorio –luoghi di culto della città di Andria. "E' una vergogna. Intervenite non ne possiamo più di vivere in questo degrado"
L'arco che collega alle stradine di San Nicola ad AndriaL'arco che collega alle stradine di San Nicola ad AndriaL'arco che collega alle stradine di San Nicola ad Andria
  • Comune di Andria
  • chiesa sant'agostino
  • centro storico andria
Altri contenuti a tema
Colto da malore, giovane fruttivendolo di Andria salvato da un operatore della Protezione Civile Colto da malore, giovane fruttivendolo di Andria salvato da un operatore della Protezione Civile Prontezza e determinazione hanno giocato favorevolmente nel salvargli la vita. L'uomo adesso è ricoverato al "Lorenzo Bonomo"
Debiti fuori bilancio: "L’Amministrazione Bruno chiude transazioni anche con il fratello del Sindaco" Debiti fuori bilancio: "L’Amministrazione Bruno chiude transazioni anche con il fratello del Sindaco" Nota di Azione e di Fratelli d'Italia: "riguarda il debito maturato con delle scuole paritarie della città"
A Palazzo di Città presentazione rendiconto sociale INPS provincia Bat A Palazzo di Città presentazione rendiconto sociale INPS provincia Bat Alla presenza di organi Istituzionali e autorità civili
Distretto Urbano del Commercio di Andria: presentato il proprio Ufficio di Distretto Distretto Urbano del Commercio di Andria: presentato il proprio Ufficio di Distretto Prendono avvio le attività relative al terzo Bando Regionale
Piano urbano della Mobilità: critiche all'Amministrazione Bruno da Fratelli d'Italia ed Azione Piano urbano della Mobilità: critiche all'Amministrazione Bruno da Fratelli d'Italia ed Azione Napolitano e Nespoli: "Un piano da 502mila euro senza partecipazione, chiediamo pubblicità e trasparenza"
"Guerra all'interno della maggioranza": l'accusa dei pentastellati Michele e Vincenzo Coratella "Guerra all'interno della maggioranza": l'accusa dei pentastellati Michele e Vincenzo Coratella "Manca ancora oggi una vera guida alla città di Andria", sottolineano i due consiglieri M5S
Sempre più invasiva la presenza dei pappagalli parrocchetto monaco e dal collare Sempre più invasiva la presenza dei pappagalli parrocchetto monaco e dal collare Benedetto Miscioscia, FareAmbiente: "Pericolo sicurezza nel cimitero di Andria"
Di Gregorio NPSI: "Andria-statale 170 direzione Castel del Monte. Degrado ed incuria la fanno da padrona" Di Gregorio NPSI: "Andria-statale 170 direzione Castel del Monte. Degrado ed incuria la fanno da padrona" "Una situazione alquanto paradossale e allo stesso tempo drammatica per tale sito patrimonio dell'umanità"
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.