Annunciazione
Annunciazione
Attualità

L’Annunciazione: il fatto più divino della storia del mondo

Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria

Come oggi, anche quel 25 marzo di duemila anni fa, per l'umanità, era un giorno pari a tutti i giorni; nei campi si pascolava e si zappava, nelle piazze si sproloquiava di politica, i popoli si facevano guerra per rubarsi pane e pace, come sempre.

Nell'indifferenza generale degli uomini avvenne il fatto più divino della storia del mondo. Avvenne che l'Arcangelo più bello, a un cenno di Dio - un cenno che era fisso da sempre nel suo disegno, - staccatosi dal coro celeste e carico della speranza di tutti gli spiriti beati, s'era avventato giù per gli spazi dove balenando di stella in stella, verso un minuscolo pianeta - la Terra - l'aveva, con uno sguardo, scossa tutta, per scegliere sulla sua crosta chiazzata d'acque una brulla contrada, annegata di sole – la Galilea – e ivi individuare il borgo più miserabile: Nazareth. Dentro la grotta, adattata ad abitazione, come di consueto, Maria stava a colloquio con Dio, persa ad amarlo. La semplicità si perdeva nel Tutto Semplice; l'Innocenza tornava alla fonte dell'Innocenza. In quel momento di estasi, entrò - saetta di luce - Gabriele.

Dunque, Maria entra nella storia mentre prega. L'arcangelo la sorprende in preghiera. La sua gioia è pregare, la sua vita è pregare. E pregare è colloquiare col Signore, effondersi in Lui, annullarsi in Lui. Che importava la miseria dello stambugio, scavato nel tufo, dalle pareti che gemevano l'acqua dalla collina o flagravano del sole sulla pianura, quando contro di essa, sopra le dune, si poteva costruire la ricchezza dell'amore di Dio, distillato in un colloquio tra figlia e Padre, tra serva e Re, tra nulla e Tutto? Maria perdeva sé e trovava l'Eterno. E tutto ciò per un'ardenza di amore, onde era trasfigurata ai piedi di Dio. La preghiera in Maria era trasfusione d'amore.

L'annunzio dell'angelo strappa la Vergine dall'estasi e la trasforma nel dramma. Estasi divina, in cui colloquiava con Dio; dramma umano, in cui starà a fronte al demonio. Ella non sa, ma capisce che tutto è mutato, che una cosa immensa comincia da lei, e cioè che le si chiede un servizio quale a nessuna creatura, per un mutamento di tutta la vicenda umana. E' tolta alla pace e messa alla guerra. La quiete di Nazareth, dove aveva designato una esistenza al servizio di Dio, tra la preghiera e il lavoro, nel silenzio, è troncata. Esser la madre del Messia vuol dire passare al servizio del popolo, un servizio che comporta urti e sacrifici.

Salutando Maria, l'arcangelo disse "Ave, piena di grazia". Noi salutiamo lei solitamente con le parole di lui. Esse compongono la prima parte della salutazione angelica "Ave Maria". Così veniamo a riconoscere che per trattare con la vergine bisogna essere come angeli, occorre angelicare l'anima, darle due ali: amore e purezza».
  • centro igino giordani
Altri contenuti a tema
I muri dell'Europa: il ricordo del 9 novembre 1989 I muri dell'Europa: il ricordo del 9 novembre 1989 Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Dagli appunti di Gennaro Piccolo: "Ma Dio piange?" Dagli appunti di Gennaro Piccolo: "Ma Dio piange?" Il referente del centro Igino Giordani di Andria condivide alcune riflessioni
«Per Monsignor Raffaele Calabro, Ambasciatore di Dio nella nostra diocesi» «Per Monsignor Raffaele Calabro, Ambasciatore di Dio nella nostra diocesi» Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani, ricorda il presule in occasione dell'anniversario della sua scomparsa
Gino Piccolo: “E’ l’ora della Fraternità e dell’Unità” Gino Piccolo: “E’ l’ora della Fraternità e dell’Unità” Una attenta riflessione sociale e politica dal referente del centro "Igino Giordani" di Andria
Ricordando un grande comunicatore: Igino Giordani Ricordando un grande comunicatore: Igino Giordani Il referente dell'omonimo centro sito in Andria, Gennaro Piccolo, condivide alcune riflessioni
20 luglio 1969 - 20 luglio 2019. «Alto, vicino alla Luna» 20 luglio 1969 - 20 luglio 2019. «Alto, vicino alla Luna» Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
12 luglio 2016 - 12 luglio 2019: perchè, o Dio, tanto dolore? 12 luglio 2016 - 12 luglio 2019: perchè, o Dio, tanto dolore? Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Marcia per la Legalità: «E adesso?» Marcia per la Legalità: «E adesso?» Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.