Tablet
Tablet
Bandi e Concorsi

Imprenditoria al femminile: in partenza un bando dello Sviluppo Economico

Agevolazioni per imprese di micro e piccola dimensione a partire dal 13 gennaio

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di sostenere l'imprenditoria femminile attraverso un nuovo bando che offre agevolazioni alle imprese di micro e piccola dimensione. Il totale degli incentivi ammonta a 50 ml di euro erogati dal Fondo rotativo del Ministero dell'economia e delle finanze presso il Soggetto gestore, Invitalia. I beneficiari saranno imprese di micro e piccola dimensione in possesso del requisito di prevalente partecipazione da parte di donne (senza limite di età), costituite in forma societaria da non più di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda.

Saranno oggetto di finanziamento ammissibili, interventi relativi a produzione di beni nei settori dell'industria, dell'artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone in qualsiasi settore, commercio di beni e servizi, turismo, attività turistico-culturali, intese come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l'accoglienza, innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative.

Il tipo di agevolazione: regime de minimis (fino al limite max di 200.000 euro), nella forma di finanziamenti alle imprese agevolati (mutui) a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75% delle spese. I programmi d'investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro. L'impresa beneficiaria deve garantire la copertura finanziaria del programma di investimento apportando un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico, pari al 25% delle spese ammissibili complessive. Come accedere: dal 13 gennaio 2016 per via elettronica con modalità a sportello.
  • imprese locali
Altri contenuti a tema
L'Osteria Scvnazz tra sapori e tradizione L'Osteria Scvnazz tra sapori e tradizione La trattoria di via Fossato offre quotidianamente prodotti freschi e genuini. E l'oste Ciccio ci ha spiegato perché
Pagamenti PA: ad Andria le imprese aspettano 192 giorni Pagamenti PA: ad Andria le imprese aspettano 192 giorni La classifica, pubblicata da Il Sole 24 Ore, mette sul podio la città federiciana dopo Napoli
Piccoli investitori e controversie: arriva l’arbitro veloce e gratuito Piccoli investitori e controversie: arriva l’arbitro veloce e gratuito Operativo dal 9 gennaio il sito per inviare ricorsi
Imprese artigiane: 2mila ditte in meno in Puglia in soli tre mesi Imprese artigiane: 2mila ditte in meno in Puglia in soli tre mesi I dati del primo trimestre del 2014 parlano di una flessione in Provincia del 3%
Zona PIP: cambia il regolamento e diminuiscono i vincoli Zona PIP: cambia il regolamento e diminuiscono i vincoli Documento approvato in 5^ commissione e pronto per il Consiglio Comunale
Quali le nuove opportunità di sviluppo per le imprese locali Quali le nuove opportunità di sviluppo per le imprese locali Se ne discute giovedì 12 dicembre, presso il Chiostro di San Francesco
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.