Militari e poliziotti impegnati in servizi di controllo del territorio
Militari e poliziotti impegnati in servizi di controllo del territorio
Attualità

Emergenza Covid-19, Andria si prepara a nuove restrizioni

Da lunedì 12 ottobre in programma una stretta sulla movida per tutti i Comuni della Provincia Bat

Un vero e proprio giro di vite: sono le nuove misure per il contenimento del contagio da Covid-19 che entreranno in vigore in tutti i Comuni della Provincia di Barletta-Andria-Trani non prima di lunedì prossimo 12 ottobre.

Ad essere limitata, in particolar modo, sarà la movida con la chiusura anticipata dei locali durante la settimana e nel week-end e il divieto di musica all'esterno delle attività commerciali per impedire ogni tipo di assembramento. Le nuove restrizioni, inoltre, riguarderanno anche gli store H24.

Le novità intervengono all'esito della riunione avuta tra i sindaci del territorio e il Prefetto della Provincia di Barletta-Andria-Trani. Sono 337, infatti, i casi di infezione confermati nella Bat dall'inizio della seconda ondata. La città di Andria, purtroppo risulta tra le più colpite dall'epidemia insieme a quelle di Barletta e Bisceglie.

Le novità faranno seguito a quelle introdotte dal Dpcm del 7 ottobre con cui è stato prorogato lo stato di emergenza al 31 gennaio 2021, è stato introdotto l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto (già in vigore in Puglia) e la possibilità di ricorrere a micro-lockdown locali evitando in ogni modo una nuova chiusura nazionale.

Ma il significativo aumento dei contagi (5372 in Italia e 249 in Puglia nelle ultime 24 ore) mantiene alta l'allerta del Governo. È possibile, infatti, che venga emesso un nuovo Dpcm entro la prossima settimana con nuove restrizioni. Tra queste, quelle alla mobilità: «Le limitazioni di spostamento tra le regioni non possono essere escluse, non si può escludere nulla in questo momento», ha detto il Ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia.
  • Provincia Bat
  • Comune di Andria
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1210 contenuti
Altri contenuti a tema
Conte firma il decreto ristoro, risorse a fondo perduto per le categorie danneggiate dal Dpcm Conte firma il decreto ristoro, risorse a fondo perduto per le categorie danneggiate dal Dpcm "Non ci sono operatori di serie A e di serie B, ma dobbiamo scongiurare il lockdown generalizzato"
Furto al Centro di Prima accoglienza Mamre Furto al Centro di Prima accoglienza Mamre Lo comunica la Caritas Diocesana, le parrocchie della Zona Pastorale Andria 1 ed il Centro Interparrocchiale Mamre
Coronavirus, balzo dei contagi nella provincia Bat: sono 142, in Puglia 611 nuovi positivi Coronavirus, balzo dei contagi nella provincia Bat: sono 142, in Puglia 611 nuovi positivi Superati i 15mila casi in Regione dall'inizio dell'emergenza
Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Anche da Andria dalle ore 11.30, in piazza, a Bari, ci sarà una mobilitazione promossa dalla Fipe Bari-Bat
E' scomparso improvvisamente il preside Giuseppe Brescia E' scomparso improvvisamente il preside Giuseppe Brescia I funerali domani pomeriggio alle ore 16 presso la chiesa del SS. Sacramento
Cordolgio e partecipazione per la prematura scomparsa di Nico Marmo Cordolgio e partecipazione per la prematura scomparsa di Nico Marmo I funerali saranno celebrati domani, mercoledì 28 ottobre presso la chiesa della SS. Trinità
A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid Decisione presa a causa dell'aumento dei contagi e dei ricoveri nell'ospedale di Bisceglie
424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso 424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso Superati gli ottomila casi attualmente positivi in Regione
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.