Ballottaggio Bruno-Coratella
Ballottaggio Bruno-Coratella
Politica

Elezioni amministrative, Giovanna Bruno e Michele Coratella al ballottaggio

Fuori dai giochi il candidato del centrodestra Antonio Scamarcio. Nessuna larga intesa tra M5S e centro sinistra

Domenica 4 e lunedì 5 ottobre gli elettori andriesi dovranno tornare ai seggi per scegliere il loro nuovo Primo cittadino, nel ballottaggio cui parteciperanno Giovanna Bruno e Michele Coratella, entrambi consiglieri comunali uscenti della seconda consigliatura di Nicola Giorgino, l'ultima del centro destra dopo la Waterloo del 20 e 21 settembre. Questa la sintesi del primo turno di tornata amministrativa.

La candidata della coalizione di centrosinistra nonchè presidente provinciale del Partito Democratico, avv. Giovanna Bruno, è in testa quando mancano allo spoglio solo 4 sulle 110 sezioni elettorali di Andria ed è accreditata poco sotto il 38% mentre l'ex capogruppo pentastellato è al 21% appena a 120 voti dal terzo miglior risultato, il candidato del centro destra avv. Scamarcio. Sia Coratella che la Bruno escludono al momento ipotesi di grandi intese, ovvero di un accordo elettorale che li veda alleati nel governo della città di Andria.

«È una prima grande vittoria per la città di Andria -sottolinea Giovanna Bruno- che ha archiviato in maniera in maniera compatta il centro-destra andriese dopo 9 anni di malgoverno. E' una città che prendiamo in macerie, una città che in questo momento vede contrapposti la proposta politica del centrosinistra con quella dei grillini. E' già questo un risultato politico importantissimo, dopo 10 anni in cui la città è stata ostaggio del peggior centro-destra che si potesse avere da amministrare».

«Credo i cittadini di Andria -gli fa eco l'avvocato pentastellato Michele Coratella- abbiamo dato una precisa risposta alla crisi che l'attanaglia, buttando fuori quelli che ci hanno mal governato per 10 anni. E' una sfida interessante quella con Giovanna Bruno, è una nuova partita da giocare. Noi siamo pronti a giocarla fino alla fine e metteremo in campo tutte le energie necessarie per dare una risposta, nuova, innovativa e di cambiamento alla città di Andria».

Come dicevamo fuori dai giochi, per una manciata di voti, l'avvocato Antonio Scamarcio, che ha ottenuto oltre 10 mila preferenze (il 20,9%). Più staccato Nino Marmo, a capo di alcune civiche con poco più di 8mila e 200 voti, mentre Laura Di Pilato, ultima tra i papabili per lo scranno più importante di Palazzo San Francesco, che rischia di essere estromessa dalla massima assise cittadina, di cui è stata anche presidente.
  • giovanna bruno
  • antonio scamarcio
  • michele coratella
  • Elezioni Amministrative 2020
Altri contenuti a tema
Si riunisce la Segreteria cittadina del Partito Democratico Si riunisce la Segreteria cittadina del Partito Democratico «Dopo il grande risultato elettorale ottenuto dal Pd e che ha contribuito ad eleggere a sindaco l’avvocato Giovanna Bruno»
Stretta sui controlli anti contagio da parte delle Forze dell’ordine Stretta sui controlli anti contagio da parte delle Forze dell’ordine Si intensifica ulteriormente l’attività contro gli assembramenti ed il mancato uso delle mascherine
Coronavirus, Giovanna Bruno convoca i volontari: niente allarme ma tanta responsabilità Coronavirus, Giovanna Bruno convoca i volontari: niente allarme ma tanta responsabilità Decise alcune misure di contenimento del contagio con controlli e vocale della sindaca
Mensa scolastica, Bruno: "Dovrebbe partire il 2 novembre" Mensa scolastica, Bruno: "Dovrebbe partire il 2 novembre" In concomitanza con la partenza della refezione anche il trasporto pubblico scolastico
Movida, il sindaco Bruno: «Ora più controlli e sanzioni» Movida, il sindaco Bruno: «Ora più controlli e sanzioni» Il Primo Cittadino: «Evitiamo chiusure forzate, sarebbero un danno immane»
Coronavirus, il sindaco Bruno: «Ad Andria nessuna chiusura delle scuole» Coronavirus, il sindaco Bruno: «Ad Andria nessuna chiusura delle scuole» Questa mattina il Primo Cittadino ha incontrato Asl e dirigenti scolastici
Coronavirus, il sindaco Bruno: «Ad Andria 287 casi, dati preoccupanti» Coronavirus, il sindaco Bruno: «Ad Andria 287 casi, dati preoccupanti» La sindaca informa i suoi concittadini nel solito video social a fine giornata e rinnova l'appello alla prudenza
Boccata di ossigeno per le casse di Andria: svincolate somme pignorate per 5,69 milioni di euro Boccata di ossigeno per le casse di Andria: svincolate somme pignorate per 5,69 milioni di euro Sindaco Bruno: "Così riusciremo ad adempiere ad impegni su welfare, assistenza esercizi pubblici"
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.