Pompa di benzina
Pompa di benzina
Vita di città

Da oggi scatta il taglio accise sui carburanti, ad Andria quali sono le conseguenze sui distributori?

Colpo basso per i gestori degli impianti di benzina: registrano perdite cospicue

Con il decreto Energia, approvato venerdì scorso, il governo Draghi è intervenuto sui rincari dei carburanti. A partire da oggi, martedì 22 marzo, la benzina costa meno, sotto i 2 euro, con una riduzione di 25 centesimi al litro. Tale provvedimento è stato introdotto per effetto del conflitto in atto tra Russia ed Ucraina che, come ben sappiamo, ha causato, nei giorni ed in tutta le rete dei distributori del nostro Paese, un notevole incremento, superando la soglia di 2 euro al litro. Un provvedimento attuato solo temporaneamente quello governativo, dal momento che lo sconto sarà valido fino al 30 aprile.

Abbiamo intervistato Riccardo Scarcelli, gestore di un importante distributore di carburanti della nostra città, La McGallon, sita in via Ospedaletto ad Andria, per comprendere più da vicino ciò che sta accadendo in queste ore ai tanti suoi colleghi e se davvero il decreto ci guiderà verso una giusta strada.

"C'è una gran confusione perché le indicazioni ministeriali sono state pubblicate la scorsa notte e noi non abbiamo avuto il tempo di organizzarci. Noi come stazione di servizio abbiamo mantenuto il vecchio prezzo sino alle ore 15:00 di oggi, poi ci siamo dovuti adeguare al taglio delle accise". Spiega Riccardo Scarcelli, non nascondendo una certa apprensione per il futuro. "Siamo davvero preoccupati perché non sappiamo come recupereremo i soldi; così come i depositi che hanno in stock carburante con il prezzo delle accise pagate al valore iniziale, ovvero prima dell'attuazione di questo decreto. Da aggiungere, inoltre, che a tal proposito sulla Gazzetta Ufficiale non c'è alcuna indicazione. Purtroppo al netto della quantità tenuta all'interno dei nostri serbatoi abbiamo una perdita che si aggira attorno ai 18.000euro".

Non sappiamo se questo provvedimento causerà o meno dei danni a lungo raggio, dal momento che nei prossimi giorni aumenteranno i costi delle materie prime, "dal momento che il prezzo del petrolio costerà 60 dollari al barile", puntualizza il gestore. "Molto probabilmente capiremo meglio lunedì prossimo, 28 marzo, quando i distributori di benzina caricheranno merce nuova, oltre che comprendere in che modo lo Stato farà rientrare i costi già pagati. Sicuramente i piccoli distributori possono subire danni pesanti se non si trova una forma di recupero adeguata".
  • Guerra Russia - Ucraina
  • caro benzina
Altri contenuti a tema
Benzinai, revocato il secondo giorno di sciopero Benzinai, revocato il secondo giorno di sciopero Serrata ridotta e domani si torna alla normalità
I benzinai confermano lo sciopero, ecco chi resta aperto I benzinai confermano lo sciopero, ecco chi resta aperto Stop dalle 19 del 24 gennaio. Serrata per 48 ore
Sciopero benzinai, due giorni di stop: chiusi anche i self Sciopero benzinai, due giorni di stop: chiusi anche i self La protesta durerà 48 ore a partire dalle 19 del 24 gennaio
Caro benzina: il 2023 si apre con la fine dello sconto di 18 centesimi Caro benzina: il 2023 si apre con la fine dello sconto di 18 centesimi L’orientamento è quello di non prorogare più lo sconto, portando ad un aumento automatico dei listini
Più prodotti alimentari comprati dal contadino a causa della corsa dell'inflazione Più prodotti alimentari comprati dal contadino a causa della corsa dell'inflazione Anche nei pesanti tempi del Covid e della guerra in Ucraina i mercati contadini hanno offerto un contributo fondamentale
Marcia della Pace a Roma: presente una delegazione da Andria guidata dall'Assessore Daniela Di Bari Marcia della Pace a Roma: presente una delegazione da Andria guidata dall'Assessore Daniela Di Bari Oltre 100mila persone, circa 600 tra associazioni ed organizzazioni varie provenienti da tutta Italia per dire No alla guerra
Al via il progetto "Passpartù" sull'affido culturale per minori ucraini ad Andria Al via il progetto "Passpartù" sull'affido culturale per minori ucraini ad Andria La proposta del collettivo CapitalSud è stata tra i vincitori del bando "Orizzonti Solidali" nel 2021
Rincaro prezzi: i pugliesi pagheranno quasi 49 mln di euro in più per l'aumento della pasta Rincaro prezzi: i pugliesi pagheranno quasi 49 mln di euro in più per l'aumento della pasta "Un conto che grava soprattutto sulle famiglie più povere dove la pasta ha una incidenza più elevata sulla spesa quotidiana"
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.