Militari dell'Esercito impegnati in
Militari dell'Esercito impegnati in "Strade Sicure"
Territorio

Criminalità, cresce l'allerta nelle campagne. Si ritorna a chiedere l'intervento dell'Esercito nella Bat

Coldiretti Puglia preoccupata per la recrudescenza dei fenomeni delinquenziali in molte zone della regione

Cresce l'allerta nelle campagne per i furti di piante, prodotti agricoli e mezzi, con gli agricoltori che stanno presidiando i campi per tentare di sventare i raid diurni e notturni. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, che lancia l'allarme per le condizioni di lavoro e di vita nelle aree rurali pugliesi, con la recrudescenza del fenomeno per esempio a Palo del Colle, dove le bande organizzate stanno rubando di tutto, dalle piantine di olivo alla legna, dalle motoseghe alle macchine, fino ai trattori e alle forbici elettriche, con l'ultimo episodio a danno di un agricoltore che ha denunciato il furto di 170 olivi Coratina.
Le aziende agricole hanno bisogno di sicurezza, perché la criminalità le costringe a vivere quotidianamente attanagliate in un clima di incertezza e paura. E' necessaria – ribadisce Coldiretti Puglia - l'attivazione di una cabina di regia tra il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero dell'Interno che coordini le attività delle forze dell'ordine, che va sostenuto con l'intervento dell'Esercito in alcune aree a forte rischio, come le province di Bari con zone più a rischio e la BAT.
Nel periodo della raccolta i furti diventano praticamente quotidiani con i danneggiamenti degli alberi tanto da aver spinto alcuni agricoltori ad organizzarsi con ronde notturne e diurne per presidiare le campagne.
"Capitolo a parte merita – insiste Colomba Mongiello dell'Osservatorio sulla criminalità in agricoltura e agroalimentare della Coldiretti - il mercato parallelo di prodotti agricoli provenienti da migliaia di chilometri di distanza, a partire dall'olio, spesso spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, per cui viene illegalmente utilizzato il marchio 'made in Puglia', a danno dell'imprenditoria agricola pugliese e dei consumatori. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy".
I poteri criminali si "annidano" nel percorso che uva da vino, olio, frutta e verdura, carne e pesce, devono compiere – insiste Coldiretti Puglia - per raggiungere le tavole degli italiani passando per alcuni grandi mercati di scambio fino alla grande distribuzione.
Con i classici strumenti dell'estorsione e dell'intimidazione le agromafie impongono i prezzi dei prodotti agricoli e la vendita di determinate produzioni agli esercizi commerciali che a volte, approfittando della crisi economica, arrivano a rilevare direttamente grazie alle disponibilità di capitali ottenuti da altre attività criminose. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma – continua la Coldiretti Puglia – compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy. La Puglia è una regione a forte vocazione agricola ed è per questo – conclude Coldiretti Puglia - che il business delle agromafie è divenuto particolarmente appetibile.
  • Provincia Bat
  • coldiretti
  • Esercito italiano
  • Sicurezza
Altri contenuti a tema
I costi elevati della sede della provincia Bat a Trani, irrompono nella campagna elettorale della Città della Disfida I costi elevati della sede della provincia Bat a Trani, irrompono nella campagna elettorale della Città della Disfida E ad oggi non si conosce il termine dei lavori della ristrutturazione in atto da oltre due anni per la sede legale di Andria
Scoppia il caldo e la voglia di gelato ma salgono i prezzi +10% come anche dello zucchero +6%, latte +7% e uova +9% Scoppia il caldo e la voglia di gelato ma salgono i prezzi +10% come anche dello zucchero +6%, latte +7% e uova +9% Il settore del gelato conta in Puglia circa 3.000 gelaterie, con 5.500 addetti
Invasione dei cinghiali in Puglia: in 250mila assediano città e campagne Invasione dei cinghiali in Puglia: in 250mila assediano città e campagne Una situazione che secondo Coldiretti, rappresenta un pericolo per la sicurezza dei cittadini e per le attività agricole
Sindacati preoccupati situazione igienico sanitaria per il Liceo Classico "Carlo Troya" di Andria Sindacati preoccupati situazione igienico sanitaria per il Liceo Classico "Carlo Troya" di Andria Impianto fognario, palestra ed auditorium versano in condizioni critiche. Accuse alla Provincia Bat
Nuove esercitazioni a fuoco nel poligono militare di "Torre di Nebbia" dell'82° Rgt "Torino" Nuove esercitazioni a fuoco nel poligono militare di "Torre di Nebbia" dell'82° Rgt "Torino" L'attività addestrativa è prevista per i giorni 10 e 11 maggio
Agricoltura: sostegno del Governo al Made in Italy, colpito dalla crisi per la guerra in Ucraina Agricoltura: sostegno del Governo al Made in Italy, colpito dalla crisi per la guerra in Ucraina Una azienda agricola su 10 a rischio chiusura e il 30% che si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in perdita
Crisi occupazionale: Andria con il 21,24% al di sopra della media nazionale del 13,12% Crisi occupazionale: Andria con il 21,24% al di sopra della media nazionale del 13,12% Nella Bat il dato migliore rilevato da "Il Sole 24 ore" è quello di Minervino murge seguito da Bisceglie
1° Maggio: gite e picnic per il 36% dei pugliesi 1° Maggio: gite e picnic per il 36% dei pugliesi E' quanto emerge dall'indagine Coldiretti/Ixe' divulgata in occasione della Festa del lavoro
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.