Carabinieri Nas
Carabinieri Nas
Attualità

Controlli dei NAS in Puglia su ristoranti con cibo etnico

Un fenomeno in grande espansione che purtroppo a volte riserva amare sorprese

Bene l'operazione dei Carabinieri dei Nas per garantire la salute dei cittadini, con il numero di ristoranti in Puglia che somministrano o preparano da asporto cibo straniero cresciuto in 5 anni dal 2012 al 2017 del 33%, secondo i dati della Camera di Commercio di Milano, Brianza, Lodi. E' quanto dichiara Coldiretti Puglia nell'esprimere apprezzamento per l'operazione dei militari del Nucleo antisofisticazione condotta in tutta Italia su ristoranti etnici e depositi di alimenti provenienti dall'estero che ha accertato irregolarità in 242 strutture, quasi la metà dei locali ispezionati, con il sequestro di 128 tonnellate di prodotti ittici, di carne e vegetali giudicati non idonei al consumo perché prevalentemente privi di tracciabilità ed in cattivo stato di conservazione. La crescita maggiore si registra a Bari con il +48,8%, seguita da Brindisi con il +39,5%, Foggia con il +28,2 e Taranto con il +27,6%, la più fredda risulta Lecce con il + 20,6% in 5 anni, rileva Coldiretti Puglia.

Nella maggior parte dei casi – sottolinea la Coldiretti – nei ristoranti etnici cucinano e servono ai consumatori prodotti importati dall'estero con livelli di sicurezza più bassi rispetto a quelli nazionali. Non a caso – ricorda Coldiretti - i cibi stranieri importati in Italia hanno provocato quasi un allarme alimentare al giorno nel 2018, secondo le elaborazioni del sistema di allerta Rapido (Rassf). Sul totale delle 398 allerte che si sono verificate nel nostro Paese – conclude la Coldiretti – solo 70 (17%) hanno riguardato prodotti con origine nazionale, 194 provenivano da altri Paesi dell'Unione europea (49%) e 134 da Paesi extracomunitari (34%).

"All'insegna del Made in Italy e del Km0, in controtendenza rispetto al cibo etnico, si sta imponendo lo street food contadino, riconosciuto formalmente dalla manovra finanziaria 2018 che ha dato il via libera al cibo di strada fatto dagli agricoltori che possono vendere direttamente i propri prodotti, pronti per il consumo", commenta Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
La Puglia con 271 aziende è seconda solo alla Lombardia nella classifica nazionale – rivela Coldiretti Puglia – delle regioni dove la ristorazione ambulante è maggiormente presente.
"Il nostro agroalimentare è il più apprezzato, ma anche il più copiato nel mondo e lo street food proposto dalle imprese agricole – dice Muraglia – è una storica opportunità per far conoscere le nostre produzioni autentiche che nascono da un territorio unico ed inimitabile. Quasi due consumatori su tre (65%) prediligono lo street food. Il cibo della tradizione locale è, peraltro, il preferito (81%) dai pugliesi e il 62% fa food shopping", conclude il presidente Muraglia.
  • coldiretti
  • carabinieri nas
Altri contenuti a tema
Scoppia il caldo e la voglia di gelato ma salgono i prezzi +10% come anche dello zucchero +6%, latte +7% e uova +9% Scoppia il caldo e la voglia di gelato ma salgono i prezzi +10% come anche dello zucchero +6%, latte +7% e uova +9% Il settore del gelato conta in Puglia circa 3.000 gelaterie, con 5.500 addetti
Invasione dei cinghiali in Puglia: in 250mila assediano città e campagne Invasione dei cinghiali in Puglia: in 250mila assediano città e campagne Una situazione che secondo Coldiretti, rappresenta un pericolo per la sicurezza dei cittadini e per le attività agricole
Agricoltura: sostegno del Governo al Made in Italy, colpito dalla crisi per la guerra in Ucraina Agricoltura: sostegno del Governo al Made in Italy, colpito dalla crisi per la guerra in Ucraina Una azienda agricola su 10 a rischio chiusura e il 30% che si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in perdita
1° Maggio: gite e picnic per il 36% dei pugliesi 1° Maggio: gite e picnic per il 36% dei pugliesi E' quanto emerge dall'indagine Coldiretti/Ixe' divulgata in occasione della Festa del lavoro
Tornano sulle tavole del 1° maggio le fave Made in Italy Tornano sulle tavole del 1° maggio le fave Made in Italy Un prodotto ricco di proteine, fibre, vitamine (A, B, C, K, E, PP) e sali minerali
Il XXV aprile in Puglia all'aria aperta, tra verde ed animali, con fave, pane e pecorino Il XXV aprile in Puglia all'aria aperta, tra verde ed animali, con fave, pane e pecorino Tanta la voglia di fare una passeggiata, un picnic, anche per lasciarsi alla spalle per qualche ora le preoccupazioni legate alla guerra in Ucraina
Il 25 aprile dei pugliesi è negli agriturismi Il 25 aprile dei pugliesi è negli agriturismi Sono circa 10mila i pugliesi, secondo la stima di Coldiretti Puglia, sulla base delle rilevazioni di Terranostra regionale
Boom di vendita dei prodotti "Made in Puglia": guidano la classifica vino rosso, taralli, mozzarelle, burrata e ceci Boom di vendita dei prodotti "Made in Puglia": guidano la classifica vino rosso, taralli, mozzarelle, burrata e ceci Cresce il giro di affari per i prodotti che garantiscono la tracciabilità, l'origine e la sicurezza alimentare
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.